Geek
di Mattia Nesto 12 Giugno 2020

Sony ha presentato la Playstation 5 e alcuni giochi incredibili

Il nuovo Spider-Man, il nuovo Horizon, grafica spaziale e controller adattivi: c’è bisogno di altro Sony?

Tutto, c’è stato tutto ieri sera, durante il reveal showcase di  Sony della nuova Playstation 5. Non sappiamo ancora il prezzo né il giorno effettivo di lancio ma l’abbiamo, vista tutta intera nelle due versioni: all digital (cioè senza il cassettino per i CD, giusto per capirci) e tradizionale. Francamente, ci siamo emozionati. Non tanto per la console in sé, ci interessavamo più i nuovi controller con cui avranno più a che fare le nostre dita (e i grilletti dei dorsali adattivi, con quindi pressioni differenti a seconda della situazione di gioco già ci interessano molto) quanto per i titoli che Sony ci ha presentato. Inoltre, grazie al ray-tracing, ovvero quella tecnologia che simula le rifrazioni e le diverse gradazioni delle luci e delle ombre sui corpi, la grafica in game non ci è mai parsa tanto realistica.

Non è stata una di quelle conferenze, ormai davvero troppo comuni nel mondo del gaming moderno in cui ci si è nascosti, si è giocato in difesa. No, Sony ha giocato pesante, ha puntato tutto sul tavolo e, almeno ad ora, ci ha convinto. Ci ha convinto perché ha messo di fronte al mondo una serie di esclusive, ora temporali ora no, di qualità assoluta. Certo stiamo parlando di poco più che trailer ma, accidenti, quanta bellezza abbiamo visto ieri sera.

Marvel’s Spiderman Miles Morales

Facciamo quelli sinceri: è stato difficile, dopo aver visto il trailer di Spider-Man Miles Morales degli studi Insomniac rimanere fermi sulla poltrona. Già perché Miles Morales, come recenti foto che hanno fatto il giro per il mondo, è diventato anche un simbolo di protesta a livello internazionale, giusto per comprendere la potenza di questa nuova declinazione dell’amichevole Uomo Ragno di quartiere. Se poi ci mettiamo il fatto che Marvel’s Spider-Man per PS4 è stato davvero un gran gioco, come vi abbiamo raccontato qui  beh allora la ricetta è eccellente.  Siamo davvero curiosi di poterne sapere di più però l’hype è difficile da contenere.

Ratchet & Clank: Rift Apart

Dopo lo stupefacente annuncio di Gran Turismo 7, che magari è un gioco di nicchia ma che rappresenta una nicchia quanto mai preziosa, ecco il trailer di Ratchet & Clank: Rift Apart. Possiamo dirvi che, almeno a livello di brand identity, come dicono quelli bravi, è stato uno dei reveal più importanti. Infatti si tratta di un iconico titolo Sony portato a nuova e squillante bellezza. Un po’ sulla scia delle operazioni di Clash, Spyro o, meno riuscito, MediEvil. Quello che abbiamo visto ci è piaciuto un sacco e avevamo proprio bisogno di un bel platform vecchia maniera attualizzato con i mezzi di oggi.

Little Devil Inside

Dopo alcuni titoli sfiziosi e curiosi, come Ghostwire: Tokyo (potenzialmente un gioco incredibile ma di cui dobbiamo vedere di più perché si è un po’ compreso poco, specie a livello estetico), il delizioso Stray o il nostalgico Oddworld Soulstorm, ecco arrivare Little Devil Inside. Bene, lo diciamo subito, prima di crearvi dubbi: per noi questo è il gioco che più a smosso il nostro cuore. E non perché sia, almeno stante quello che abbiamo visto, il migliore, per così dire, ma quello con la direzione artistica più particolare. Infatti ci è parso una specie di buffo ma riuscito mix tra un film di Wes Anderson e Up della Pixar con meccaniche di gioco action e di simil-caccia alla Monster Hunter. Per noi, già così, è un insta-buy assoluto. Dai che vogliamo vederne ancora.

Demon’s Souls

 

Nei forum, praticamente subito dopo il trailer del remake firmato Blue Point di Demon’s Souls, è partita la gara a chi per primo aveva individuato il titolo in questione (se siete curiosi noi ci siamo arrivati quando abbiamo visto “il mare di nebbia”). Però bisogna che questo annuncio ha un peso specifico enorme. Infatti colma una lacuna che tanti di noi avevamo, ovvero giocare al capostipite dei “souls-like”, il vero e proprio “papà” di Dark Souls però non con le limitazioni tecniche della PS3 ma in una veste grafica totalmente rinnovata. Si è visto pochino, è vero, ma ci è bastato per emozionarci (specie quando abbiamo visto il Flamelurker o il necromante della Cripta delle tempeste fendere l’aria con la sua falce magica).

Deathloop

Ma, oggettivamente, con un trailer così cosa bisogna aggiungere? Fps di alta scuola, con una direzione artistica fortissima e un meccanismo di replaybility intelligente e personale. Un sacco di scene fighissime, tanto funk e soul che pompa belle casse e la sicurezza che quando c’è di mezzo Bethesda è molto difficile che uno sparatutto venga fuori male. Anzi. Molto, ma molto curiosi!

Horizon Forbidden West

Guardate: potevamo adesso parlare del nuovo Resident Evil, Resident Evil 8: The Village, per altro contraddistinto da un’atmosfera à la “Il castello di Otranto” e “Van Helsing” (con un sapore del quarto capitolo della serie) ma dai, non prendiamoci in giro.  Tutto,  ma proprio tutto (perfino il caffè che è fuoriuscito dalla moka mentre lo guardavamo su Youtube) è passato in secondo piano davanti a Horizon Forbidden West. Premessa: Horizon Zero Down, per il suo gameplay e immaginario ancora più che per la trama, lo abbiamo adorato e aspettavamo con ansia il nuovo capitolo da Guerrila. Ecco, con questo trailer, l’acqua che ci è sembrata essere il benchmark assoluto della tecnologia di PS5, la stele di Rosetta per iniziare a comprenderla: non possiamo che dirvi che è stato bellissimo. Creature nuove, spaventose e perfettamente adattate all’ambiente circostante, una Aloy ancora più decisa e con una cazzimma tanta che, in un mondo sull’orlo della fine, cavalca un destriero meccanizzato. Noi non vediamo letteralmente l’ora di sfidare le grandi macchine di questo Forbidden West. Ah, e il finale con i mecha-olifanti è stato la concretizzazione dei nostri sogni.

Il design della Playstation 5

Una considerazione sull’estetica della console. Saremo pirla ma continuiamo a preferire dal punto di vista meramente estetico l’Xbox Series X. Il monolite batte la torre di Saruman, diciamo così. L’estetica della PS5 non ci ha convinto un granché, specie nella versione “in verticale”. Tuttavia non siamo stati i soli ad avere avuto dei dubbi, visto che l’internet è letteralmente esploso con una serie di meme  a proposito della veste estetica. Prima di prendere una posizione netta, comunque, ci riserviamo un giudizio dal vivo. Invece il DualSense, il nuovo controller, pare proprio bellino e, come spiegato all’inizio, potrebbe davvero offrire nuove possibilità di gameplay.

Con uno show del genere, Sony ha mostrato i muscoli e, in una logica di concorrenza, non possiamo che lasciarvi con una nota di positività: dopo un anno davvero particolare, i prossimi mesi potrebbero davvero essere magnifici per un giocatore.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >