Ci siamo quasi!
Geek
di Mattia Nesto 7 Gennaio 2022

Sarà un 2022 epico con Pokémon Leggende: Arceus?

Il 28 gennaio con l’uscita di Pokémon Leggende: Arceus si inaugura un anno molto importante per il gaming

Le grandi speranze della regione di Hisui  Le grandi speranze della regione di Hisui

Dopo aver seguito con attenzione la comunicazione attorno all’uscita, prevista il 28 gennaio 2022, di Pokémon Leggende: Arceus la sensazione che ho avuto è quella, per mutuare il titolo di un celebre romanzo di Charles Dickens, Great Expectations, sì insomma, “grandi speranze”. Speranze perché, nonostante Game Freak, la software-house che si occupa della produzione dei giochi dei Pokémon, sia stata da sempre, quantomeno conservatrice e poco solita a innovare la formula di un “gioco di ruolo a turno vecchio stile” (vi basti sapere che, in Rosso, Verde e Blu Taurus era un Pokémon fortissimo perché, visto che era molto veloce, aveva sempre altissime probabilità di andare a segno con un colpo critico visto che la criticità dell’attacco era strettamente legata alla statistica di velocità, hem!) per questo Pokémon Leggende: Arceus le sensazioni sono molto differenti. Altolà, so già quella che starete per dire: ma la grafica è ancora qualcosa di legato alla settima generazione videoludica!

La regalità di Wyrdeer, la nostra mount per spostarsi più rapidamente  La regalità di Wyrdeer, la nostra mount per spostarsi più rapidamente

Al netto del fatto che Pokémon Leggende: Arceus è un titolo pensato per girare su Nintendo Switch, l’hardware meno performante di tutti dal punto di vista della potenza di calcolo “bruta”, va anche detto che ci sono esempi sulla stessa console, come Monster Hunter Rise, che girano perfettamente e che offrono un livello di dettaglio grafico eccellente.

Quindi appurato che, di sicuro, il comparto grafico non sarà il fiore all’occhiello di Pokémon Leggende: Arceus (nonostante la build finale non si sia ancora vista neppure negli ultimi trailer) quello che più mi riempie il cuore di appassionato e la testa di critico di speranze è, giustappunto, il respiro che gli sviluppatori e la comunicazione tutta hanno voluto dare a questo nuovo capitolo del franchise. Pokémon Leggende: Arceus  non solo vuole essere un gioco maturo ma anche e soprattutto un gioco nuovo che, in un certo qual nodo, ibrida in modo intrigante e stimolante le meccaniche di un “classico” gioco di Pokémon con altri titoli del brand, come ad esempio Mystery Dungeon: Squadra di Soccorso DX (di cui vi abbiamo parlato qui).

Non soltanto, infatti, la dimensione esplorativa dell’avventura sarà fondamentale, ma anche lo studio e l’analisi delle diverse tipologie di Pokémon che si incontreranno nella regione di Hisui (la versione primordiale e non ancora civilizzata di Sinnoh, ovvero l’ambientazione di Diamante e Perla, da poco tornati sugli scaffali con il remake che abbiamo giocato). Questo filo rosso che unisce le due esperienze di gioco sarà ancora di più interessante se si pensa che, come reca lo stesso titolo, andremo a indagare le fondamenta stesse del mondo dei Pokémon, andando ad approcciarci a, nientepopodimenoche, dio, ovvero Arceus (dio creatore per altro non solo del “loro” mondo ma anche del nostro.

Quindi se è logico e sereno aspettarsi grandi, anzi grandissime rivelazioni dal punto di vista della trama, anche il gameplay reca con sé molte novità. Non solo il “vecchio” meccanismo dell’acchiapparli tutti è stato modificato, con un approccio action decisamente più marcato, ma anche la possibilità di incontrare sorta di boss-regionali, i cosiddetti “noble” che rappresentano veri e propri “muri” contro cui la giocatrice o il giocatore di turno dovrà scontrarsi per proseguire nella storia. Di questi esemplari abbiamo già potuto scorgerne uno, ovvero Kleavor, la forma regionale Hisui dello Scyther ancestrale.

L’impressione è che questi nemici potenti e speciali sostituiranno i classici capipalestra, permettendoci, proprio come con l’ottenimento delle medaglie, di proseguire con la storia. Inoltre, non bisogna dimenticare che anche il combat-system è stato ripensato, con la combinazione delle tecniche rapide e tecniche potenti che, a quanto pare, donerà una profondità maggiore alle battaglie. Anche i pg fino ad ora incontrati, che sono una sorta di “eco” del passato dei personaggi di Sinnoh, ci sono parsi molto interessanti.

Soprattutto Ethelo (che pare proprio essere un lontano antenato di Camilla) potrebbe nascondere più di una sorpresa. Insomma, al netto dei logici dubbi per un titolo che, pare proprio, non offrire un upgrade in fatto di grafica (e con qualche singhiozzo di troppo, ancora, dal punto di vista meramente tecnico) ambientazione, modalità di gioco e storia potrebbe essere punti talmente forti da far risultare Pokémon Leggende: Arceus come il miglior titolo Pokémon dai tempi di Bianco e Nero.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >