Libri
di Mattia Nesto 1 Ottobre 2018

70 anni di Tex: dalla parte dei più deboli, siempre

Aquila della Notte aka Tex Willer ci ha insegnato, nelle sue plurime avventure firmate Bonelli, la differenza tra il bene e il male. E che il vecchio West è figo a prescindere

© Sergio Bonelli Editore Via - © Sergio Bonelli Editore

 

Quante volte abbiamo sentito questa frase, magari bevendo uno spritz all’ora dell’aperitivo appena usciti dall’ufficio: “Sai a me, nei film, nei videogiochi o nei fumetti sta sempre più simpatico il cattivo del buono: non amo i protagonisti senza macchia, sono affascinato dagli antagonisti pieni di fascino e mistero”. Seppur condivisibile quest’affermazione si scontra, oggi più che mai, con un dato di fatto: è vero, di solito i cattivi sono spesso più interessanti dei buoni ma ciò non vale per Tex Willer, l’eroe western targato Sergio Bonelli Editore per eccellenza, che compie quest’anno 70 anni e a cui è dedicata una mostra al Museo Permanente di Milano.

 

© Sergio Bonelli Editore Via Via - © Sergio Bonelli Editore

 

Tex Willer ci ha insegnato che il bene e il male hanno contorti ben netti e distinti. Nessun tipo di titubanza per il ranger texano che, in compagnia del fidato Kit Carson o del figlio Kit Willer o del pard indiano Tiger Jack, si schiererà sempre in difesa del più debole, andando contro gli interessi di possidenti terrieri senza scrupoli, banditi assetati di sangue o anche stregoni che utilizzano un miscuglio di riti voodo e santeria oscura. Questa chiarezza degli intenti del cowboy potrebbe rappresentare una delle caratteristiche meno funzionali ai tempi moderni eppure proprio questa patina vintage, anzi “vecchio stampo”, di marca Bonelli è proprio una delle più grandi ragioni fascino che ci fanno amare ieri, oggi e domani Tex Willer.

 

© Sergio Bonelli Editore Via - © Sergio Bonelli Editore

 

Che poi, non è mica semplice arrivare a 70 anni suonati con questa freschezza e lucentezza. Se si pensa che il fumetto è nato nel 1948, quando, per dire, lo scudetto lo vinceva il Grande Torino di Valentino Mazzola, Togliatti era a capo del più grande Partito Comunista d’Occidente e sulle strade d’Italia e di Francia il duello Coppi e Bartali infiammava le cronache sportive (e non solo), si comprende bene quante cose siano cambiate da allora. Eppure Tex è rimasto sempre uguale, con qualche piccola ma decisiva modifica certo, ma proprio il suo essere tutto d’un pezzo è uno dei motivi per cui gli vogliamo bene, proprio come un vecchio zio o il nonno che ci ha insegnato ad andare in bici.

 

© Sergio Bonelli Editore Via - © Sergio Bonelli Editore

 

E poi quante avventure di grande grandissima qualità a livello di scrittura e sceneggiatura ha vissuto Tex in questi lunghi anni? Ce ne sono per tutti i gusti, dalle storie legate alla Guerra di Secessione (con quelle atmosfere che tendono a richiamare Il Buono, il Brutto e il Cattivo di Sergio Leone) oppure con avventure quasi fantasy, con tanto della già citata magia nera (ad opera di Mefisto il grande, grandissimo nemico del nostro ranger) sino a comparsate di animali preistorici come Tirannosauri a caccia nelle grandi pianure del Vecchio West.

 

© Sergio Bonelli Editore Via - © Sergio Bonelli Editore

 

Eppure nonostante questa varietà di toni e di scelte, Tex Willer ha una sorta di unità di fondo che ce lo rende immediatamente riconoscibile: sappiamo come ragiona il nostro cowboy e sappiamo che, sin dal 1948, si è sempre schierato in difesa delle, anche se allora non si diceva, minoranze etniche in difficoltà. Già perché se si pensa che il primo film western dove gli indiani non sono degli infidi subumani è L’Amante indiana del 1950, è chiaro ed evidente come il fumetto italiano sia, fin dall’inizio, estremamente moderno e tollerante verso tutti. Tanto è vero che Tex si è sposato proprio con un’indiana, diventando capotribù e ottenendo il nome indio di “Aquila della Notte”.

 

© Sergio Bonelli Editore Via - © Sergio Bonelli Editore

 

Modernità e antichità, tolleranza e valori, battute nei momenti difficili e linguaggio aulico è un po’ fané (“Giù le mani dal malloppo”, “Gaglioffo come osi”, “Farabutto non penserai di svignartela?”) Tex Willer non ha mai spesso di far breccia nei nostri cuori. 70 anni di questi giorni Aquila della Notte, ci si becca come sempre nelle pianure del Texas a lottare contro il male.

 

Tex – Nueces Valley

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
23,80 €

Là fuori. Guida alla scoperta della natura

Là fuori è una guida alla scoperta della natura, pensata e scritta per bambini e ragazzini. Un libro che risponde alle domande che nascono osservando la natura, anche in città, nei parchi, nelle aiuole, nei giardini. Alberi e fiori, nuvole e stelle, rocce e sabbia, uccelli, rettili e mammiferi... Là fuori è un libro che invita i bambini all'osservazione della natura, a notare i dettagli e insegna a stupirsi. Vi sono anche diverse attività per suscitare interesse e innescare meccanismi di gioco che sono anche percorsi formativi per i bambini.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >