Libri
di Giulio Pons 24 Settembre 2018

I nuovi poteri forti, come Google Apple Facebook e Amazon pensano per noi di Franklin Foer

Franklin Foer racconta i nuovi poteri forti che ci guidano tutti i giorni con i loro algoritmi. Come hanno fatto a diventare così grandi e così potenti?

Basta fare un giro in autobus e osservare chi ci sta intorno per vedere quanto siamo condizionati dai cellulari. I giganti del web sono talmente grandi e presenti nelle nostre vite che ormai le controllano. Sembra una frase forte, ma è vera,  l’uomo ha delegato agli algoritmi la propria capacità di scelta, fornendo alle aziende i propri pensieri, i dati personali, gli interessi, i gusti musicali e una quantità incredibile di altre informazioni.

Franklin Foer, ex direttore del New Republic, ci racconta come si è arrivati a questo punto, ripercorrendo la storia di Google, Amazon, Facebook e Apple e demolendo letteralmente il castello di falsità che ci hanno raccontato, con il loro fascino costruito con sapienza ponendo al centro l’individuo e l’efficienza. In realtà, l’individuo è sì al centro, ma è spremuto e sfruttato per produrre dati, a loro volta utilizzati per indurre l’utente a cliccare e con i click – Facebook ce lo insegna – si possono muovere le idee e manipolare le menti.

Se non avete mai ragionato su come funzionino i motori di ricerca, i social network, lo shopping su Amazon o su come sia cresciuta Apple negli anni degli mp3, questo libro vi aprirà gli occhi. Se invece conoscete l’epopea di Internet perché l’avete vissuta e in fondo siete consapevoli dei dati che lasciate ogni volta che usate queste piattaforme (e ritenete lo scambio equo)… beh, questo libro vi metterà comunque un po’ in crisi.

I nuovi poteri forti. Longanesi Editore - I nuovi poteri forti.

Franklin smaschera Google, Amazon, Facebook, Apple e ce le mostra per quello che sono, colossi che hanno costruito la loro ricchezza e la loro potenza grazie alla loro capacità di aggirare il fisco e allo stesso tempo, grazie alla tecnologia, hanno costruito un’immagine positiva di sé come innovatori, facilitatori e semplificatori delle nostre vite.

Non c’è alcuna condanna alla tecnologia in sé, Franklin non è certo un luddista, ma è bravo a collegare i puntini e farci vedere i lati più oscuri dell’uso incontrollato dei dati: la distruzione della privacy per nutrire gli algoritmi finisce col delegare le scelte agli algoritmi e l’erosione della libertà di scelta va a vantaggio di società che non sono “buone”, ma anzi sono spregiudicate e attraverso dei trucchi riescono a tenere le proprie tasse bassissime, diventando sempre più ricche e potenti e stritolando interi settori produttivi.

Sono principalmente gli stati con le loro leggi che possono mettere un freno a questi colossi (e in tal senso il GDPR europeo è visto positivamente), ma la battaglia politica è tutt’altro che vinta anche perché l’attività di lobby di questi colossi è intensa e continua.

Bellissimo anche il racconto dei veri e propri furti di queste società, ricostruiti con perizia di particolari e tanti riferimenti alle fonti: Google ha violato le leggi sul copyright in maniera massiccia, scansionando intere biblioteche senza i permessi degli editori. Amazon ha imposto prezzi bassi agli stessi editori e li ha tenuti in scacco modificato i risultati delle ricerche per penalizzarli quando non accettavano i prezzi loro imposti. Apple ha appoggiato il download di mp3 pirata per vendere i suoi ipod ed entrare poi sul mercato discografico da salvatore quando questo era ormai al collasso. Facebook fa esperimenti con i profili degli utenti, a loro insaputa, per verificare la propria capacità di manipolazione delle menti.

Jeff Bezos e la distruzione della conoscenza :)  Jeff Bezos e la distruzione della conoscenza :)

Tra i settori analizzati da Foer molto spazio è dedicato al mondo dell’editoria. Franklin suggerisce una strada: mettere al centro il lettore e la bontà del contenuto per tornare a far pagare l’utente, puntando ad eliminare la dipendenza dalla pubblicità e quindi dalle pagine viste.

Franklin è un’ottimista e sicuramente ha ragione, ma rinunciare alla pubblicità e far pagare i contenuti è una strada difficilissima (e non è l’unica). Un libro consigliatissimo e direi fondamentale per tutti i lavoratori del web.

Compra | su Amazon

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
14,45 €

L'inverno d'Italia: Il fumetto di Davide Toffolo sui campi di concentramento italiani

Grazie a Coconino Press è uscita la nuova edizione di L’inverno d’Italia, il fumetto sulla vergognosa pagina della storia italiana: i campi d’internamento italiani in cui finirono migliaia di cittadini sloveni. Una storia poco conosciuta raccontata qui con le illustrazioni del bravissimo Davide Toffolo.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >