Libri
di Mattia Nesto 19 Novembre 2021

Quelli che a Livorno: storia di una scissione canterina

Il 21 gennaio 1921 al Teatro Goldoni di Livorno durante il Congresso del Partito Socialista Italiano andò in scena la scissione della frazione comunista: un fumetto edito da Kellermann ne racconta la cronaca.

Quando si dice “una battaglia dialettica”  Quando si dice “una battaglia dialettica”

Se c’è una cosa che mi ha impressionato, leggendo il bel fumetto Quelli che a Livorno di Silvano Mezzavilla e Luca Salvagno, edito da Kellermann e con una prefazione di Michele Serra, è la qualità, veramente abbacinante, dell’eloquio, dei discorsi e della retorica dei partecipanti al “mitico” congresso di Livorno del gennaio del 1921, quello, per capirci, in cui è nato il Partito Comunista Italiano, staccatosi dal Partito Socialista Italiano. Come sottolinea lo stesso Serra in sede di prefazione questa, perciò, è una storia di una scissione, la prima delle tante che il campo della Sinistra politica italiana ha visto e sta vedendo nel corso di questi ultimi anni. Eppure, sopra tutto, oltre alla minaccia fascista, ben delineata dai discorsi che Mezzavilla fa pronunciare ai propri personaggi, c’è il dettaglio, non di poco conto, che ho sottolineato prima: qui tutti quanti parlano un italiano eccellente e anche quando c’è da alzare il tono della voce, da attaccare le posizioni avversarie o, addirittura, insultare lo si fa con un eloquio eccellente.

Il giovane Gin di Porta Cicca, la porta TIcinese nella Milano dei nostri giorni  Il giovane Gin di Porta Cicca, la porta TIcinese nella Milano dei nostri giorni

Ma questa è anche e soprattutto un racconto nel quale si menziona come la Sinistra, soprattutto quella italiana, sia stata praticamente da sempre alla ricerca di una propria identità, in un continuo anelito ad essere più rivoluzionaria in senso autentico, in una costante spinta a voler fare un passo più in là nei confronti della dittatura del proletaria che, forse, non arriverà mai. Eppure durante le concitate fasi del Congresso di Livorno, al di là delle diverse fazioni che si “scontrano” dialetticamente, c’è un dato di fatto incontrovertibile: tutto è già scritto. Le partecipanti (ancora poche le donne presenti ma in considerevole aumento) e i partecipanti infatti hanno già bene in testa la cronaca degli eventi per così dire: la fazione degli Unitari, maggioritaria e quella dei Riformisti finiranno per trovare un accordo portando a una consequenziale rottura da parte della delegazione dei comunisti che, non a caso, pochi giorno dopo l’avvio dei lavori prenderanno a nolo un altro teatro, il teatro San Marco che sarà la futura sede della primo congresso del Partito Comunista Italiano.

Ah la dialettica politica  Ah la dialettica politica

Insomma in Quelli che a Livorno la politica non solo è una cosa seria, oltre che nobile ma è anche l’unica cosa che conta: gli astanti del Teatro Goldoni vivono per essa e da essa traggono la forza per tentare di condurre, con risultati ora positivi ora negativi, la società italiana verso le magnifiche sorti e progressive. Ma questa è anche una storia da leggersi “con l’audio accesso”: già perché, in vignette molto belle curate da Salvagno con uno stile pittorico a acquarello, si assistono a continui momenti nei quali le donne e gli uomini dell’Interazionale intonano canti e canzoni per significare, in una strofa, in un ritornello, il loro senso di appartenenza al grande sogno del proletariato mondiale e la loro alterità al marcio mondo borghese. Scusate, mi sono commosso e emozionato.

Non poteva che avere questo colore la copertina  Non poteva che avere questo colore la copertina

Ecco allora che a un secolo da quei fatti, Quelli che a Livorno è un documento prezioso, oltre che artisticamente ben confezionato. Ci ridona il sapore e il “polso” di quel tempo lontano e ci insegna una cosa: non ci si improvvisa, mai, esperti ma solo dopo studi e gavetta si può dire qualcosa di sensato. E se lo si fa cantando in nome delle lavoratrici e lavoratori di tutto il mondo, beh, è ancora meglio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >