Natura
di Lorenzo Mannella 27 Novembre 2015

Gli scienziati italiani che danno cocaina alle anguille non sono pazzi

Quello che resta degli stupefacenti finisce nei fiumi, mette a rischio i pesci e gli scienziati li stanno studiando

Il capitone  L’anguilla e la cocaina erano due mondi distanti anni luce

 

Su internet trovi notizie davvero strane, come quella delle anguille italiane con problemi di cocaina. Sembra uno scherzo, ma in realtà gli stupefacenti disciolti nell’acqua di fiume – perché è là che vanno a finire dopo il consumo da parte degli esseri umani – potrebbero causare dei problemi di dipendenza nei pesci, tanto da renderli incapaci di riprodursi. Ecco perché alcuni scienziati italiani hanno cercato di capirci qualcosa.

Uno studio di laboratorio ha fatto il punto su cosa succede alle anguille immerse in acqua contaminata artificialmente da cocaina. I primi risultati indicano che i pesci non se la passano molto bene. Abbiamo chiesto qualche dettaglio in più ad Anna Capaldo, ricercatrice dell’Università di Napoli Federico II che si occupa del fenomeno. “Abbiamo visto che con una dose di cocaina pari più o meno a quella presente nei fiumi (20 milionesimi di milligrammi per litro), dopo circa un mese e mese e mezzo l’animale concentra la molecola soprattutto nei muscoli.

 

Il Po a Torino zena011 - Il Po a Torino

 

Le conseguenze sono quelle che seguono: la cocaina causa degli sbalzi ormonali nei pesci. “Uno di questi ormoni è la dopammina, che inibisce la capacità dei riproduzione dei pesci,” ci dice Capaldo. Ma il vero problema è che la dopammina si accumula soprattutto quando i pesci sono in astinenza. È il caso delle anguille che migrano dai fiumi (più contaminati) per raggiungere la loro area di riproduzione nel Mar dei Sargassi meno contaminata dagli stupefacenti.

Le anguille potrebbero non arrivare mai arrivare a destinazione. La loro riserva di grasso accumulata per il viaggio si consuma prima. Potrebbero addirittura non partire mai.” In quel caso, questi pesci sarebbero destinati a scomparire. Insomma, addio capitone per Natale. Ma la questione non riguarda solo le anguille o i pesci del meridione: tracce di stupefacenti sono state rinvenute in “Po, Arno, Tevere, nel Tamigi a Londra e in alcuni fiumi spagnoli.

 

La foce del fiume Arno Toksave - La foce del fiume Arno

 

Il problema dell’inquinamento da droghe potrebbe essere più esteso e sottovalutato del previsto. “Esistono vari studi scientifici che dimostrano che nelle acque dolci ci sono tracce di diversi tipi di stupefacenti: cannabis, cocaina e morfina. E il consumo di droghe purtroppo è in crescita.

Il passo successivo sarà quello di verificare se la contaminazione di cocaina nei fiumi italiani stia già mettendo a rischio i pesci. Il gruppo di ricerca di Capaldo ha presentato un progetto al Dipartimento per le politiche antidroga, che però non ha fatto sapere più nulla. “L’idea era di andare a monitorare Po, Arno e Crati, prelevando anguille o altri pesci per misurare la concentrazione di cocaina e altre droghe.

Sappiamo che l’inquinamento ambientale può causare gravi danni alle specie animali: sui media si legge spesso di metalli pesanti e composti tossici, ma in pochi finora hanno preso in considerazione l’effetto delle droghe che si disperdono nelle fogne e nei fiumi. “Siamo i primi a studiarlo nei pesci” ci dice Capaldo. E visto che in acqua le droghe si mescolano, sarà importante capire se le anguille dei nostri fiumi non siano vittime di cocktail di stupefacenti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >