Society
di Sandro Giorello 26 Ottobre 2016

No, gli archeologi non fanno la stessa vita di Indiana Jones

Altro che trappole mortali e serpenti: un archeologo vero ci racconta com’è il suo lavoro

indiana-jones-harrison-ford Screen Rant - “Io in Italia non ci lavorerei mai” (Indiana Jones)

 

Abbiamo festeggiato i 35 anni  passati da quando Indiana Jones è comparso sul grande schermo alla ricerca della sua Arca Perduta. Quel film ha emozionato milioni di teenagers di tutto il mondo che sono rimasti conquistati da una vita fatta di tesori nascosti, trappole mortali da evitare e bellissime ragazze da salvare a colpi di frusta.

C’è anche, poi, chi ci ha provato davvero a fare l’archeologo ed ha appurato tristemente che, fuori dal film, è tutta un’altra storia. Ce lo racconta Emanuele Gironi, archeologo e ricercatore che gestisce la pagina Facebook ArcheoCafe. 

Anche fare l’archeologo nella real life ha il suo lato pericoloso e affascinante? Dipende, se vi piace passare tutta la giornata a catalogare cocci e vasi bollati forse sì. Sicuramente il prof. Jones si è divertito di più.

 

picgifs-indiana-jones-1697348

 

L’archeologia si dedica alla ricerca dei fatti. Non della verità. Se vi interessa la verità, l’aula di filosofia del professor Tyre è in fondo al corridoio.”  (Prof. Henry Jones J.)

Potrà certamente sembrare una banalità ma nel cuore di ogni studente di archeologia si cela un piccolo Indy sempre pronto ad uscire fuori nel momento meno opportuno.

 

Le prime esperienze di scavo sono sempre un po’ traumatiche; ci si sveglia alle 5 di mattina convinti che tra uno strato e l’altro si celi un piccolo tesoro e quando la giornata finisce si ripongono frusta e revolver nello zaino e si comprende che forse l’archeologia non era proprio come la immaginavamo da bambini.

L’archeologo non è quel viaggiatore misterioso alla ricerca dell’Arca Perduta, anzi, il più delle volte ha un sottile rigonfiamento del ventre evidenziato dalle numerose birre bevute alla fine del cantiere, le mani sporche di terra, due grandi paia di occhiali e un abbigliamento piuttosto bizzarro.

 

giphy-5

 

Diciamolo pure, non solo la sua voglia di avventura non si avvicina nemmeno lontanamente a quella di Indiana Jones, ma il lavoro di questo strano professionista dell’antico è completamente diverso.

 

Una volta individuato il terreno di scavo, attraverso fotografie aeree, fonti antiche o modernissime tecnologie, è necessario ricostruire le diverse attività che si svolgevano in antico. Basta pensare ad una torta, ogni strato rappresenta un’epoca ed ogni epoca ha la sua peculiarità. Strutture e reperti vengono poi studiati tra magazzini e laboratori, con microscopi e analisi chimiche permettendo di dare e ricostruire la loro storia. In pratica ci si spacca la schiena e si sta seduti per ore davanti a cocci e coccetti cercando di ricostruire un puzzle.

 

picgifs-indiana-jones-1667336

 

Il nostro caro Indy è quindi molto più simile ad alcuni intrepidi esploratori dell’800 che a un ricercatore universitario ma senza alcuna ombra di dubbio i suoi film continuano ad incantare. E se in I predatori dell’arca perduta servizi segreti e governi mondiali sono alla ricerca dell’Arca dell’Alleanza, nella vita reale non accade mai niente del genere: laboratori di ceramica e studi topografici prendono il posto di trappole segrete e sciabole roteanti mentre all’adrenalina scatenata da esplosioni ed incidenti stradali si sostituisce quella generata dall’apertura di una fresca birra estiva e dal ritrovamento di un anfora bollata.

Certo”, direbbe qualcuno, “tutta questa azione è certamente opera di Hollywood ma allora le cripte nascoste e i tesori segreti infestati da serpenti?”

 

giphy-4

 

Tutto vero, se non fosse che rintracciare ipogei nascosti è come vincere un terno al lotto e qualora ci riuscissimo altro che serpenti, intorno a noi avremmo giusto le tracce dei tombaroli che hanno portato via tutto il ricco corredo.

Ok, adrenalina e tesori non saranno quelli del film ma forse l’abbigliamento è lo stesso dei numerosi archeologi che lavorano nei cantieri e laboratori d’Italia.”

Non credo proprio.

 

giphy-3

 

Jeans strappati, ginocchiere, t-shirt multicolori e scarpe anti infortunistica. Forse solo una cosa attira gli sguardi e l’ammirazione di tutti i colleghi sullo scavo, no, non si tratta della frusta, ma del cappello a tese larghe per proteggersi dal sole, ovviamente solo quando non si indossa il caschetto giallo.

Nonostante i film di Indiana Jones siano quanto più lontano dalla professione dell’archeologo, forse c’è una cosa che accumuna i ricercatori dell’antico con il più pazzo scopritore di tesori: la voglia di conoscenza e di scoperta e quell’irrefrenabile desiderio di svelare i segreti del mondo per ritrovare, perché no, anche un po’ di noi stessi.

 

9916d3c160626f7a3ab02305e5d2039d

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >