Society
di Sandro Giorello 26 Ottobre 2016

No, gli archeologi non fanno la stessa vita di Indiana Jones

Altro che trappole mortali e serpenti: un archeologo vero ci racconta com’è il suo lavoro

indiana-jones-harrison-ford Screen Rant - “Io in Italia non ci lavorerei mai” (Indiana Jones)

 

Abbiamo festeggiato i 35 anni  passati da quando Indiana Jones è comparso sul grande schermo alla ricerca della sua Arca Perduta. Quel film ha emozionato milioni di teenagers di tutto il mondo che sono rimasti conquistati da una vita fatta di tesori nascosti, trappole mortali da evitare e bellissime ragazze da salvare a colpi di frusta.

C’è anche, poi, chi ci ha provato davvero a fare l’archeologo ed ha appurato tristemente che, fuori dal film, è tutta un’altra storia. Ce lo racconta Emanuele Gironi, archeologo e ricercatore che gestisce la pagina Facebook ArcheoCafe. 

Anche fare l’archeologo nella real life ha il suo lato pericoloso e affascinante? Dipende, se vi piace passare tutta la giornata a catalogare cocci e vasi bollati forse sì. Sicuramente il prof. Jones si è divertito di più.

 

picgifs-indiana-jones-1697348

 

L’archeologia si dedica alla ricerca dei fatti. Non della verità. Se vi interessa la verità, l’aula di filosofia del professor Tyre è in fondo al corridoio.”  (Prof. Henry Jones J.)

Potrà certamente sembrare una banalità ma nel cuore di ogni studente di archeologia si cela un piccolo Indy sempre pronto ad uscire fuori nel momento meno opportuno.

 

Le prime esperienze di scavo sono sempre un po’ traumatiche; ci si sveglia alle 5 di mattina convinti che tra uno strato e l’altro si celi un piccolo tesoro e quando la giornata finisce si ripongono frusta e revolver nello zaino e si comprende che forse l’archeologia non era proprio come la immaginavamo da bambini.

L’archeologo non è quel viaggiatore misterioso alla ricerca dell’Arca Perduta, anzi, il più delle volte ha un sottile rigonfiamento del ventre evidenziato dalle numerose birre bevute alla fine del cantiere, le mani sporche di terra, due grandi paia di occhiali e un abbigliamento piuttosto bizzarro.

 

giphy-5

 

Diciamolo pure, non solo la sua voglia di avventura non si avvicina nemmeno lontanamente a quella di Indiana Jones, ma il lavoro di questo strano professionista dell’antico è completamente diverso.

 

Una volta individuato il terreno di scavo, attraverso fotografie aeree, fonti antiche o modernissime tecnologie, è necessario ricostruire le diverse attività che si svolgevano in antico. Basta pensare ad una torta, ogni strato rappresenta un’epoca ed ogni epoca ha la sua peculiarità. Strutture e reperti vengono poi studiati tra magazzini e laboratori, con microscopi e analisi chimiche permettendo di dare e ricostruire la loro storia. In pratica ci si spacca la schiena e si sta seduti per ore davanti a cocci e coccetti cercando di ricostruire un puzzle.

 

picgifs-indiana-jones-1667336

 

Il nostro caro Indy è quindi molto più simile ad alcuni intrepidi esploratori dell’800 che a un ricercatore universitario ma senza alcuna ombra di dubbio i suoi film continuano ad incantare. E se in I predatori dell’arca perduta servizi segreti e governi mondiali sono alla ricerca dell’Arca dell’Alleanza, nella vita reale non accade mai niente del genere: laboratori di ceramica e studi topografici prendono il posto di trappole segrete e sciabole roteanti mentre all’adrenalina scatenata da esplosioni ed incidenti stradali si sostituisce quella generata dall’apertura di una fresca birra estiva e dal ritrovamento di un anfora bollata.

Certo”, direbbe qualcuno, “tutta questa azione è certamente opera di Hollywood ma allora le cripte nascoste e i tesori segreti infestati da serpenti?”

 

giphy-4

 

Tutto vero, se non fosse che rintracciare ipogei nascosti è come vincere un terno al lotto e qualora ci riuscissimo altro che serpenti, intorno a noi avremmo giusto le tracce dei tombaroli che hanno portato via tutto il ricco corredo.

Ok, adrenalina e tesori non saranno quelli del film ma forse l’abbigliamento è lo stesso dei numerosi archeologi che lavorano nei cantieri e laboratori d’Italia.”

Non credo proprio.

 

giphy-3

 

Jeans strappati, ginocchiere, t-shirt multicolori e scarpe anti infortunistica. Forse solo una cosa attira gli sguardi e l’ammirazione di tutti i colleghi sullo scavo, no, non si tratta della frusta, ma del cappello a tese larghe per proteggersi dal sole, ovviamente solo quando non si indossa il caschetto giallo.

Nonostante i film di Indiana Jones siano quanto più lontano dalla professione dell’archeologo, forse c’è una cosa che accumuna i ricercatori dell’antico con il più pazzo scopritore di tesori: la voglia di conoscenza e di scoperta e quell’irrefrenabile desiderio di svelare i segreti del mondo per ritrovare, perché no, anche un po’ di noi stessi.

 

9916d3c160626f7a3ab02305e5d2039d

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >