Society
di Simone Stefanini 24 Giugno 2020

Odio l’aria condizionata, per me l’estate è un incubo

Quando l’aria condizionata ti fa stare male, sei la persona più sfigata dell’estate

Pochi giorni fa, vinto dall’afa opprimente di questi giorni al 100% di umidità e con una percezione del caldo tipo forno acceso, per avere almeno un po’ di aria condizionata in casa mi sono deciso a comprare il condizionatore tipo Pinguino De Longhi del discount. A parte il fatto che pesa come un adulto bagnato dentro un’armatura medievale, il suo lavoro lo fa eccome. Purtroppo però, mi scordo sempre di una cosa significativa: io con l’aria condizionata mi sento male.

Dopo pochi minuti dalla sua accensione, ho avvertito una sorta di blocco della respirazione, di bolla d’aria allo stomaco, di cagotto immediato, di sudorazione tipo droghe chimiche, di fame d’aria e ho dovuto spegnere quell’affare.

Ecco, sono andato in giro sui forum degli sfigati per sincerarmi di non essere il solo essere umano con questa problematica, e con mio sommo sbigottimento ho notato che ne esistono a pacchi, di persone che stanno male con l’aria condizionata. Una stirpe per cui il proverbiale mai-una-gioia è diventato lo slogan di tutte le estati.

 

 

Non è stato semplice dire ai miei colleghi a lavoro che mi sarei preso una mezz’ora di pausa per una congestione da aria condizionata. Sono stato subito bullizzato come il peggiore dei catorci umani, ma loro cosa ne sanno del dramma? L’aria condizionata è fottutamente dappertutto.

Pensateci un po’: quando prendete il treno occupate il lato finestrino per vedere il panorama? Cazzatona, perché proprio lì ci sono i bocchettoni dell’aria condizionata totalmente gelida, che rischia di paralizzarvi per sempre un braccio e di farvi diventare tipo gli Estranei di Game of Thrones.

 

 

Al supermercato? Un’ecatombe, perché il sadico tecnico dell’aria condizionata ama metterla a -32°, contravvenendo alle regole di Studio Aperto che regolano l’escursione termica nei supermercati, che deve essere di 5-6 gradi, non di 60, pena il collasso.

Sul posto di lavoro poi è un pozzo senza fondo di supplizio, perché magari siete i soli a cui dà fastidio mentre tutti gli altri godono come orsi e se provate a chiedere di spegnerla, anche i più mansueti colleghi sono pronti alla rissa.

 

the office

 

I negozi tipo H&M sono bastardissimi per questo genere di cose, perché nei camerini ci sono 75° e si suda a manetta, poi si esce per posare i capi sbagliati e parte la sincope da sbalzo della temperatura.

Oppure quando siete passeggeri in macchina e il conducente è il signore e padrone, quindi non gli potete dire di spegnere l’aria condizionata che sta facendo diventare l’abitacolo  della stessa temperatura dell’astronave su Plutone (scelto perché, credo, sia parecchio lontano dal sole e pure sfigato perché declassato da pianeta a parcheggio di Urano) e allora provate a stemperare aprendo un po’ il finestrino e respirando l’aria fuori come i cani sciocchi e felici.

 

giphy-113

 

Non dimentichiamoci il ristorante, quando uscite col vostro partner e vi tocca scegliere il tavolo attaccato al bagno oppure quello praticamente in cucina, perché sono gli unici due punti in cui non si è raggiunti dall’aria condizionata.

Last but not least, quando prendete un autobus al volo, ad agosto, sudati come Paolo Bonolis a fine trasmissione e bam! trovate l’unico posto sotto il bocchettone dell’aria, che vi ghiaccia il sudore addosso e vi fa diventare dello stesso colorito della bambina dell’Esorcista.

 

tumblr_lcfl3hOcFA1qb9nsso1_500

 

Vabbè, uno dice pazienza, se non possiamo accendere l’aria condizionata, allora vediamo di posizionare bene il ventilatore. Macché. Di solito, se uno è davvero sfigato, ha anche problemi di cervicale e basta un refolo di vento per dover bere Aulin come fosse limonata. Sigla.

 

giphy-114

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >