Society
di Matilde Quarti 3 Febbraio 2017

Avessi Vent’anni – “Ricordati di andare a quel concerto. Sì, proprio a quello…”

Cosa ti diresti allora, adesso?

Potessimo incontrare noi stessi a vent’anni, cosa avremmo da dirci? Questa rubrica Ivan Carozzi l’ha chiamata “lo sport estremo dell’autoanalisi” e come definizione ci piace moltissimo: “Avessi vent’anni” esce ogni venerdì. Qui ci sono tutte le puntate precedenti.

Vuoi tornare indietro nel tempo per dirti qualcosa? Perfetto, siamo qui per questo: scrivici a info@dailybest.it.

 

A vent’anni molto probabilmente sono a Milano in università, nel cortile ghiacciaia, il chiostro di filosofia.

Sono seduta sul prato a gambe incrociate e sto chiacchierando con qualcuno, la schiena appoggiata al lurido prisma, la cupola che sotto strati di unto dovrebbe celare incredibili rovine ma che nessun fuoricorso può dire di aver mai visto pulita durante la sua lunga degenza all’ex Ospedale Maggiore.

O magari sto giocando a carte, un gioco che si chiama Wasabi e di cui non ho mai più sentito parlare. Sembra che nella mia vita adulta Wasabi non lo conosca nessuno, il wasabi è un condimento, al massimo un locale di Milano nord. Anche io, peraltro, non ricordo più le regole e non sono neppure sicura del nome, forse era Tokyo? Osaka?

Direi che la regola base fosse che a ogni mano vinta si guadagnasse una lettera e alla fine il vincitore, sbattendo le carte per terra tra l’erba rada e i pacchetti di Lucky Strike, si alzava urlando “Wasabiii” (o “Tokyooo” o “Osakaaa”). Ma forse mi sbaglio.

Sicuramente se stavo giocando a carte c’erano Filippo, il primo ad aver portato la febbre del gioco, e Dade, forse Cesare e Tobia, forse Giulia e Ali. Ma questi nomi, a chi non era con me a conquistarsi un pezzo di Giappone, non diranno nulla o ricorderanno altre voci e altri mazzi di carte.

Se adesso potessi vedermi allora, be’ ci sarebbe qualcosa di strano. Strano e non auspicabile, in caso fossi un fantasma, strano e incredibilmente fico, in caso stessi viaggiando nel tempo. La seconda possibilità aprirebbe ulteriori casistiche: dalla magia, al viaggio nel tempo, alla possibilità di essere diventata una compagna di viaggio del Dottore. Ritengo in ogni caso la magia una soluzione più attendibile: nessuno di mia conoscenza ha ancora messo a punto una macchina in grado di farmi smaterializzare e poi rimaterializzare altrove (e non so se ci entrerei, ci tengo alle mie molecole), inoltre non sono inglese, requisito a quanto pare fondamentale nella scelta degli amici non solo per Nigel Farage.

Immagino che i miei amici sarebbero sconvolti, immagino che anche io lo sarei. D’altronde non ho nessun tratto tale a identificarmi come un messaggero dal futuro, nessuna cicatrice a forma di fenice sulla faccia: sono uguale a dieci anni fa, ma vestita meglio.

Perdonatemi, ma lo scenario non è credibile. Pur essendo arciconvinta che neppure adesso, che i ragazzi sono più seri e sicuramente usano i chiostri solamente per colti simposi filosofici, qualcuno si accorgerebbe della presenza di un replicante in cortile, non credo lo farei.

Non è nel mio carattere, scusate. Mi prenderei da parte dopo, mentre sto tornando in biblioteca, in un momento in cui per le scale non c’è nessuno – e anche se ci fosse, davvero credetemi, non noterebbero due persone uguali: forse viaggiare nel tempo è davvero più semplice di come ci voglia far credere la ghenga degli Urania.

E dopo i convenevoli, perché convenevoli devono esserci quando incontri te stessa, mica puoi avvicinarti e dire: “Scusa hai da accendere? Ah no è vero, non fumi!”, comunque, dopo i convenevoli mi direi “Matilde”.

Matilde”, mi direi, “e fattela un’altra partita!”.

Immagino la me di vent’anni alzare le sopracciglia: “Ma hanno finito tutti di giocare, sono già saliti in biblioteca. Sono stata l’ultima ad andarmene, mi sono pure presa un caffè!”.

E non ne vuoi un secondo?”, mi incalzerei.

Ma se oggi è già il quarto!” mi risponderei io.

Un giro in libreria? Insomma, sciallo!

Ho già comprato tre usati, guarda!

Allora non ho imparato niente, in dieci anni.

Vai a studiare, allora”, mi direi. “Sì, è quello che stavo facendo”, mi risponderei. Però ridendo, penso che mi saluterei ridendo perché alla fine mi starei simpatica.

Un consiglio saggio, però, me lo voglio dare lo stesso. Ti ricordi quel concerto del 2003 a cui non sei andata? La tappa del Reality Tour ad Assago. Ecco, i biglietti dei concerti per la miseria comprali! Comprali sempre!

 

Nelle puntate precedenti

Filippo Pretolani

Andrea Bozzo

Giovanni De Stefano

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >