Society
di Lorenzo Mannella 23 Novembre 2015

Al lavoro senza email per una settimana e altri esperimenti che dovresti provare

L’azienda italiana Gabel ha sospeso le email per sette giorni. Ecco com’è andata

Troppe troppe email  Troppe, troppe email

 

È venerdì pomeriggio. Stai per uscire dal lavoro, quando il tuo capo ti invia una email chiedendoti di mandargli in anticipo quel report di duecento pagine a cui stai lavorando. Tu, che di pagine ne hai scritte a malapena dieci, vieni colto da un attacco di panico.

In ufficio, si sa, le cose spiacevoli capitano spesso: la gente va a lavorare anche quando è malata e le email ti fanno perdere un mucchio di tempo. Dall’organizzare riunioni a darsi un appuntamento per il caffè, la posta elettronica è una sorta di arma di distrazione di massa. Deve essere per questo che l’azienda italiana Gabel ha deciso di sospendere l’utilizzo delle email per una settimana, almeno per le attività di comunicazione interna.

L’uso di email è sicuramente comodo e utile per il lavoro quotidiano,” ci ha detto il presidente di Gabel Michele Moltrasio “ma rischia spesso di sostituire, per apparente rapidità e abitudine, la comunicazione ‘faccia a faccia’, il confronto diretto e più personale.” Un motivo in più per cercare di mettere da parte la tecnologia e tornare alla cara vecchia conversazione.

Non è stato sempre facile abbandonare, sia pure momentaneamente, una prassi lavorativa così radicata, ma tutti in azienda hanno accolto con grande favore la sfida e stanno riscoprendo il piacere di incontrarsi e parlarsi anziché scriversi. Il risultato è stato sorprendente: anche se da settimana prossima torneremo tutte alle email, questi giorni di sperimentazione sono serviti molto, per capire e ripensare modi e ritmi lavorativi.

Insomma, sembra che da Gabel l’esperimento sia andato bene. Anche perché rinunciare alle email non vuol dire rinunciare a internet. Esistono infatti molti strumenti per la gestione del flusso di lavoro – come Basecamp, Slack e Doodle – che permettono di sostituire i messaggi di posta elettronica con piattaforme dedicate dove per confermare la partecipazione a una riunione o inviare un report a decine di collaboratori basta un click. Niente più mailing list, firme da allegare o giri di parole.

 

Inbox stracolma di email  Hai un po’ di email arretrate

 

Sembra che le cose semplici ci rendano la vita più piacevole, a patto di non assorbire del tutto la nostra attenzione. Un po’ come succede con Facebook: sta rimpiazzando email e messaggini, ma in cambio ci ha portato via vagonate di tempo. Forse, dopo le email, è il caso di dare un taglio anche ai social network.

Già, meno social uguale più felicità. È più o meno questa l’equazione suggerita dall’Happiness Research Institute di Copenhagen, un centro studi sulla felicità che ha valutato l’impatto di Facebook sull’umore di 1095 utenti. Ha diviso i partecipanti in due gruppi, obbligandone uno a sospendere l’utilizzo del social network per una settimana. Quando i ricercatori hanno domandato agli utenti come era andata, il gruppo senza Facebook ha risposto in modo più positivo del solito (l’88 per cento ha detto di sentirsi più entusiasta, contro l’81 per cento dei connessi a FB).

I risultati sono molto discutibili – in effetti, che significa sentirsi più entusiasti? – ma se vi venisse mai in mente di parlarne con Mark Zuckerberg, dovreste farlo adesso. A breve, il CEO di Facebook si prenderà due mesi di paternità insieme alla moglie Priscilla Chan per l’arrivo della prima figlia.

 

 

Il lavoro non è tutto. Se siete veramente determinati a disintossicarvi dalla tecnologia, provate a seguire le orme del giornalista Paul Miller: qualche tempo fa ha vissuto senza internet per un anno intero. Sulla sua impresa The Verge ha realizzato un video molto interessante, dal quale però emerge una dura verità. La tua felicità non dipende dalla tecnologia, ma dalle tue scelte personali.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >