Society
di Simone Stefanini 31 Maggio 2018

È il caso di tagliarsi la barba d’estate? Guardando queste trasformazioni assurde potreste ripensarci

D’estate portare la barba può rivelarsi un dramma. Vale la pena rasarsi? Il più delle volte, entri uomo ed esci adolescente

Tutte le foto via Bored Panda

 

Nel nostro peregrinare giornaliero tra i siti che fanno eccezionale l’internet, ci siamo imbattuti in una gallery di Bored Panda che vi riproponiamo qui sopra e che mostra i più radicali cambiamenti facciali dei ragazzoni che sono solito portare una barba imponente e che un giorno decidono di rasarsi completamente.

Questa pratica ci ha fatto riflettere su una consuetudine che affligge il maschio moderno: la rasatura completa estiva. Quel fenomeno per cui il giorno prima sembriamo vichinghi depositari del martello di Thor e il giorno dopo ragazzini delle medie che la domenica fanno i chierichetti alla Messa.

È tutta una questione di memoria: di fatto, dopo un bel po’ che portiamo la barba lunga, non ci ricordiamo la nostra stessa fisionomia e quando ormai abbiamo tolto tutta l’acconciatura facciale, ormai è troppo tardi per tornare indietro.

 

 Bored Panda

 

L’estate, lo sapete tutti, è il miglior momento per darci un taglio, per una serie di fattori inopinabili: la barba fa caldo, fa sudare, trattiene preziosi centilitri di birra, ti finisce in bocca mentre dormi, ti invecchia di fronte alle possibili conquiste stagionali e cosa più importante, non ti permette un’abbronzatura omogenea e uniforme, rendendoti in caso ti sfoltimento un cyborg mezzo marrone mezzo rosa.

Di fronte a queste inopinabili ragioni, molti prendono le forbici, il rasoio elettrico o quello con la lametta e si preparano al rito della tonsura estiva. I più rilassati preferiscono uno dei tanti barbieri old school, che ti fanno il massaggio facciale e ti mettono l’asciugamano tiepido sulle gòte.

 

 Bored Panda

 

Ciò che accade dopo, di solito capita nei film tipo Big con Tom Hanks (o ancora meglio Da grande con Renato Pozzetto) ma al contrario: entri uomo, esci adolescente e scopri un sacco di cose sul tuo conto che prima non sapevi, o non ricordavi. Esempio, che eri fornito naturalmente di doppio mento e che ti eri fatto crescere la barba proprio per evitare di mostrare tale morbidezza, antitesi di virilità ed effigie di fiacchezza fisica e spirituale.

Alcuni scoprono di essere anche muniti di brufoli, e da hipster impenitenti col drink in mano e lo sguardo trombino, diventano subito magneti per i bulli. Altro fattore tremendissimo, chi non ha mento e si ritrova privo di barba a somigliare a un pollicione.

 

 Bored Panda

 

Non è sempre così, ci sono alcuni che stanno bene con e senza barba, che son dotati di un profilo perfetto, di mandibole disegnate da un carrozziere e di addominali in faccia, quindi non temono la sorpresa. Per tutti gli altri, che sono ahinoi la maggioranza, consigliamo di prendere tanto, ma tanto sole in faccia e di dare un po’ di colore a quel disastro, per poi elaborare un piano di ricrescita della barba in tempo breve, provandole tutte, anche col concime per le piante (stiamo scherzando, non lo fate). Purtroppo, dopo aver perduto la barba in battaglia, vi troverete spesso orfani, a cercare di trillare i baffi senza sorbire effetto alcuno, tipo sindrome da arto fantasma.

 

 Bored Panda

 

Ecco il nostro consiglio finale: guardate tutte le facce della galleria qui sopra, trovate quella che vi somiglia di più e ricordatevi com’eravate quando non avevate la barba. Fate due conti e capite bene se è il caso di potare, dal momento che per tagliarla ci vuole un secondo, per farla ricrescere, settimane d’agonia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >