Society
di Simone Stefanini 31 Gennaio 2016

Better Days Festival: Nevio Scala e la rinascita del Parma

Dai successi europei degli anni ’90, alla rinascita dopo il fallimento

scala3  Foto di Alessandro Sozzi

 

A cavallo tra anni ’80 e ’90 c’è stata una squadra che, nonostante la rosa inferiore alle grandi della Serie A, ha vinto e convinto. La Coppa Italia del 90/91 contro la Juve, la Coppa delle Coppe contro l’Anversa  nel 92/93, la Coppa Uefa sempre contro la Juventus nel 94/95. E non sono nemmeno tutte le coppe che ha vinto. Si parla del Parma,  una squadra miracolosa, in picchiata verticale dalle stelle dei 90s alla gestione Gherardi e al fallimento dopo che varie cordate si sono tirate indietro.

Che si fa in questi casi? I tifosi sono disperati, ma la città non ci sta a farsi depredare dagli squali del calcio moderno. Un team di sette imprenditori contatta Nevio Scala, lo storico allenatore del Parma dei miracoli e gli chiede di diventare presidente del Parma Calcio 1913, la nuova squadra che giocherà in Serie D.

Lui si sente pure lusingato, ma da anni ha lasciato il calcio, disgustato dall’inquinamento e dalle persone che hanno reso sporco uno sport pulito. Allora ci pensa un attimo, vuole ascoltare la gente di Parma per capire da che parte stanno i tifosi. La città gli restituisce amore e coraggio, quello che ci vuole per ripartire e cancellare una storia che ha portato Parma a fare il giro del mondo, in negativo. Jonathan Greci, esperto di marketing, per presentare la nuova società confeziona un video commovente coinvolgendo la gente della città che esprime l’amore per la squadra. Uno dei claim: il tifoso non abbandona mai il Parma.

 

scala2  Foto di Alessandro Sozzi

 

Questa è una delle storie più significative del Better Days Festival. Una storia che si basa su tre punti cardine: la società, la squadra e i tifosi. È diventato un modello di successo grazie al quale è rinatala squadra del Parma. Una campagna abbonamenti partita dalla figura di Nevio Scala, senza ancora una squadra, che ha raggiunto in due giorni i 4.000 abbonati online per arrivare ad un totale di 10.476 abbonati finali. Niente male davvero.  Abbiamo chiesto come sia stato possibile questo prodigio direttamente ai suoi artefici: Nevio Scala e Jonathan Greci.

“Il pubblico di Parma ama la bellezza” dice Scala, “è lo stesso che ha fischiato Luciano Pavarotti in teatro. Se ne intende. È stata la gente a convincermi, insieme ai magnifici 7, gli imprenditori seri e determinati che mi hanno chiesto di diventare presidente. Mi attribuisco il diritto di essere stato uno degli artefici del Grande Parma, che non si vedrà mai più. Ma non è quello il punto. Noi vogliamo riportare i valori veri dello sport nel calcio. Ci impegniamo direttamente con i tifosi a non sporcarci mai. Non sarà facile, perché man mano che si sale diventa sempre più difficile. Il calcio di oggi è molto corrotto, lo dico con amarezza.”

 

scala1  Foto di Alessandro Sozzi

 

Lui, che ormai da 12 anni gestiva la propria azienda agricola (tabacco, mais e vino), parla del suo Parma come biologico, senza additivi. Una formula che funziona davvero. I suoi tifosi si organizzano in massa anche per raggiungere le trasferte su campi improbabili. Contro il Brescello (vicino a Reggio Emilia) sono andati tutti in bicicletta, mentre in 3.000 si sono spostati per la partita contro Lentigione, squadra di una frazione di Brescello.

Il nuovo Parma è allenato da Luigi Apolloni (“a cui non chiedo mai la formazione”, dice Scala) è rimasto fedele anche Alessandro Lucarelli, storico capitano che ha accettato di compiere il salto dalla Serie A alla Serie D, rinunciando a un ingaggio 50 volte superiore, un po’ come fece suo fratello Cristiano per rimanere a Livorno. Il tutto dopo un’annata tragica, da film dell’orrore, quella del fallimento. Il nuovo presidente è amato anche per la sua sincerità e semplicità. Quando ha accettato l’incarico, gli azionisti del Parma gli hanno regalato il trattore dei sogni. “La Rolls Royce dei trattori”, lo chiama.

 

scala5  Foto di Alessandro Sozzi

 

La nuova società dispone anche di un azionariato diffuso, quindi ogni tifoso può possedere un pezzo del Parma. Questo sta consentendo di ricostruire non solo la prima squadra ma anche il settore giovanile, del tutto distrutto dal fallimento: Abbiamo dovuto anche ricomprarci le coppe, che appartenevano alla società fallita. Quando le abbiamo mostrate di nuovo ai tifosi – racconta Greci – portate in trionfo dai bambini del settore giovanile è stata una domenica magnifica.”

Capito come si fa? Una mentalità giovane da startup e un legame coi valori veri del calcio che è subito piaciuto agli sponsor. Non a caso il Parma è l’unica squadra di Serie D approdata su Sky.

Un’ultima domanda, che tutti si chiedono: ma il giro defatigante, che Scala ha sempre imposto ai propri giocatori al termine degli incontri, serve davvero? “Certo”, risponde sicuro Scala. Non resta niente da dire, se non augurare al presidente e alla sua squadra un ritorno nel calcio che conta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >