Society
di Simone Stefanini 8 Novembre 2017

Lo streaming, le scie chimiche e il futuro immaginato nel 1900

In queste cartoline del 1900 si immaginavano un sacco di invenzioni degli anni 2000. Alcune ci hanno proprio preso

Nel 1900 si divertivano a immaginare il futuro negli anni 2000. Un esercizio al quale siamo abituati, essendo tutti nati in un periodo in cui sembrava scontato che gli anni 2000 fossero quelli delle macchine volanti e dei viaggi nel tempo. Certo, non avevano elementi per poter immaginare la rivoluzione degli smartphone e di internet, però ci sono andati vicini, come possiamo vedere in queste cartoline illustrate commissionate da Hildebrand, una marca di cioccolata tedesca nel primo anno del Novecento.

 

1) Ryan Air e Easy Jet

 ufunk

Più di un secolo fa era prassi vedere i cittadini dell’anno 2000 che planano sulle città con le loro macchine volanti. Ci siamo portati dietro la stessa visione fino agli anni ’80, basti pensare a Ritorno al Futuro 2, poi abbiamo capito che se volevamo volare a prezzi abbordabili avremo dovuto accollarci le scosse di Ryan Air o Easy Jet.

 

2) Netflix and chill

 ufunk

Secondo i nostri colleghi umani del 1900, nel 2000 avremmo potuto assistere agli eventi teatrali stando comodamente seduti a casa propria. Ci avevano preso in pieno, si chiama streaming e funziona anche dallo smartphone, di cui vediamo un antenato nell’immagine qui sopra.

 

3) 007 missione antiladro

 ufunk

I poliziotti del 2000 sarebbero stati in grado di vedere oltre le pareti e acciuffare i malfattori grazie a macchinari tanto fantascientifici quanto efficaci. E bravi antenati, anche stavolta ci avete preso, oggi le microcamere di sorveglianza sono un po’ dappertutto, no?

 

4) Trasporti eccezionali e dove trovarli

 ufunk

Per quanto si possa pensare che smuovere fisicamente una città sia una cosa impossibile, forse non avete mai visto quelle trasmissioni americane dedicate ai trasporti eccezionali, in cui le case vengono trasferite da una città all’altra. Un punto per i visionari del ‘900.

 

5) Le scie chimiche

 ufunk

Nel Novecento avevano già ideato la macchina per il bel tempo, quella che manda via le nubi e crea il sereno. Bravi anche stavolta, questa tesi somiglia in positivo a quelle dei complottisti che vedono ovunque scie chimiche e terremoti guidati dall’HAARP.

 

6) Alla scoperta degli abissi

 ufunk

Le barche del 2000 saranno sottomarine e illumineranno a giorno gli abissi, così potremmo conoscere tutte le varietà di pesci e mostri marini, durante i nostri viaggi. Anche stavolta ci siamo, nelle località costiere ci sono i traghetti con vista illuminata subacquea.

 

7) Meeting people is easy

 ufunk

Ci siamo quasi: non siamo ancora riusciti a creare dei marciapiede portatili e movibili a piacimento, ma grazie alla scala mobile, al tappeto scorrevole degli aeroporti e al tapis roulant, possiamo andare in giro stando fermi e incontrare un sacco di persone ferme ma in movimento, come noi.

 

8) Il treno che attraversa il mare

 ufunk

Non abbiamo ancora messo in produzione il treno che diventa nave, però abbiamo gallerie sottomarine e treni che fermano al porto.  Valgono lo stesso o dobbiamo impegnarci di più?

 

9) Tutti figli di Gesù

 ufunk

Nel 1900 erano ossessionati dal far camminare i propri cittadini sulle acque. Ne avevano ben donde, d’altra parte non avevano i mezzi di locomozione che abbiamo oggi. Certo, qualche genio che sfrutta la bassa marea per fingersi Gesù c’è, ma non stiamo parlando della stessa cosa.

 

10) Sereno variabile

 ufunk

Doveva essere una gran rottura la pioggia nel 1900, se avevano pensato alla macchina del bel tempo e anche a ricoprire le città in modo da non doversi mai bagnare. Un punto a loro favore, oggi dobbiamo ancora fare i conti con l’ombrello bastardo, che quando non lo portiamo diluvia e quando è con noi c’è un sole che spacca le pietre.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >