Society
di Gabriele Ferraresi 25 Luglio 2016

Le divise vintage delle hostess sono stilosissime

Le divise vintage di hostess e steward dagli anni ’30 a oggi in mostra all’aeroporto di San Francisco: tra follie anni ’60 e un’eleganza senza tempo

divise hostess vintage  Braniff International Airways hostess in uniform, Emilio Pucci 1965 – Photo credit: Braniff International Public Relations Archives, History of Aviation Collection, UT-Dallas

 

Abbiamo uno strano legame con le divise di hostess e steward delle linee aeree: sembra che non ce ne importi assolutamente nulla, il che è del resto normale.

Quelle divise le indossano persone che incontriamo di sfuggita in momenti in cui siamo concentrati su altro, con la testa all’arrivo della nostra vacanza o del nostro viaggio di lavoro, o al ritorno, oppure mentre siamo chini su un libro, una rivista, un tablet, e in fondo niente cospira perché la nostra attenzione sia concentrata su quelle divise.

 

 

Non ci interessano le divise di hostess e steward: almeno finché non le cambiano. Lì vien fuori un casino. Proviamo a ricordare il Buongiorno surreale di Gramellini sulle nuove divise delle hostess Alitalia. Ecco cosa intendo.

 

Braniff International Airways hostess uniform by Emilio Pucci 1966 Collection of SFO Museum Gift of Sandra C. A. Thomas in memory of Anne Karin Walker Photo credit: SFO Museum  Braniff International Airways hostess uniform, Emilio Pucci 1966 Collection of SFO Museum Gift of Sandra C. A. Thomas in memory of Anne Karin Walker – Photo credit: SFO Museum

 

A quel punto, quando le cambiano, le divise diventano di nuovo di importanti: ma finché in cabina le osserviamo distrattamente nei minuti precedenti il decollo, o poi magari incrociamo di nuovo lo sguardo con la hostess o lo steward quando veniamo serviti – a patto di non viaggiare su una low cost – di una colazione, un pranzo o una cena, e passato il piccolo vassoietto su cui ci siamo cibati, le ignoriamo tranquillamente.

 

United Air Lines stewardesses 1939 Photo credit: United Airlines Archive  United Air Lines stewardesses 1939 – Photo credit: United Airlines Archive

 

Non sono neanche un argomento di conversazione: sono un elemento del paesaggio visivo come i sedili, i finestrini, le cappelliere, le auricolari monouso per i viaggi lunghi. Però sbagliamo, perché le divise da hostess e steward a volte sono meravigliose.

Per scoprire qualcosa di più sulla storia di questo genere di uniformi però, c’è una mostra interessante all’aeroporto di San Francisco. Come dite? Non passate da San Francisco questa estate?

 

United Air Lines stewardess in uniform by Jean Louis 1968 Photo credit: United Airlines Archive  United Air Lines stewardess in uniform, Jean Louis 1968 – Photo credit: United Airlines Archive

 

Niente paura, qui c’è una bella serie di immagini di divise hostess vintage per farvi vedere quanto fossero eleganti, pazze, o soprattutto impensabili oggi le divise di una volta delle hostess.

La mostra si chiama Fashion In Flight: A History of Airline Uniform Design, e raccoglie uniformi dagli anni ’30 del secolo scorso a oggi. E sono davvero spettacolari, soprattutto quelle folli degli anni sessanta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >