Society
di Gabriele Ferraresi 25 Luglio 2016

Le divise vintage delle hostess sono stilosissime

Le divise vintage di hostess e steward dagli anni ’30 a oggi in mostra all’aeroporto di San Francisco: tra follie anni ’60 e un’eleganza senza tempo

divise hostess vintage  Braniff International Airways hostess in uniform, Emilio Pucci 1965 – Photo credit: Braniff International Public Relations Archives, History of Aviation Collection, UT-Dallas

 

Abbiamo uno strano legame con le divise di hostess e steward delle linee aeree: sembra che non ce ne importi assolutamente nulla, il che è del resto normale.

Quelle divise le indossano persone che incontriamo di sfuggita in momenti in cui siamo concentrati su altro, con la testa all’arrivo della nostra vacanza o del nostro viaggio di lavoro, o al ritorno, oppure mentre siamo chini su un libro, una rivista, un tablet, e in fondo niente cospira perché la nostra attenzione sia concentrata su quelle divise.

 

 

Non ci interessano le divise di hostess e steward: almeno finché non le cambiano. Lì vien fuori un casino. Proviamo a ricordare il Buongiorno surreale di Gramellini sulle nuove divise delle hostess Alitalia. Ecco cosa intendo.

 

Braniff International Airways hostess uniform by Emilio Pucci 1966 Collection of SFO Museum Gift of Sandra C. A. Thomas in memory of Anne Karin Walker Photo credit: SFO Museum  Braniff International Airways hostess uniform, Emilio Pucci 1966 Collection of SFO Museum Gift of Sandra C. A. Thomas in memory of Anne Karin Walker – Photo credit: SFO Museum

 

A quel punto, quando le cambiano, le divise diventano di nuovo di importanti: ma finché in cabina le osserviamo distrattamente nei minuti precedenti il decollo, o poi magari incrociamo di nuovo lo sguardo con la hostess o lo steward quando veniamo serviti – a patto di non viaggiare su una low cost – di una colazione, un pranzo o una cena, e passato il piccolo vassoietto su cui ci siamo cibati, le ignoriamo tranquillamente.

 

United Air Lines stewardesses 1939 Photo credit: United Airlines Archive  United Air Lines stewardesses 1939 – Photo credit: United Airlines Archive

 

Non sono neanche un argomento di conversazione: sono un elemento del paesaggio visivo come i sedili, i finestrini, le cappelliere, le auricolari monouso per i viaggi lunghi. Però sbagliamo, perché le divise da hostess e steward a volte sono meravigliose.

Per scoprire qualcosa di più sulla storia di questo genere di uniformi però, c’è una mostra interessante all’aeroporto di San Francisco. Come dite? Non passate da San Francisco questa estate?

 

United Air Lines stewardess in uniform by Jean Louis 1968 Photo credit: United Airlines Archive  United Air Lines stewardess in uniform, Jean Louis 1968 – Photo credit: United Airlines Archive

 

Niente paura, qui c’è una bella serie di immagini di divise hostess vintage per farvi vedere quanto fossero eleganti, pazze, o soprattutto impensabili oggi le divise di una volta delle hostess.

La mostra si chiama Fashion In Flight: A History of Airline Uniform Design, e raccoglie uniformi dagli anni ’30 del secolo scorso a oggi. E sono davvero spettacolari, soprattutto quelle folli degli anni sessanta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >