Society
di Simone Stefanini 21 Maggio 2020

Finalmente quest’anno non si corre il Palio di Siena

Quest’anno, niente Palio di Siena. Ecco perché sono contento

Ricordo nitidamente quando andavo dai miei nonni in uno dei due giorni del Palio di Siena, e della mia rottura di coglioni di proporzioni titaniche nel guardare in tv un sacco di gente pressata a pressione in Piazza del Campo, nell’attesa che succedesse qualcosa. Ricordo ore di attesa, mentre due commentatori spiegavano regole che non mi sono mai entrate in testa, nomi di contrade fantasy, alleanze, la mossa, i nickname dei fantini tipo Aceto e quei poveri cavalli che schiumavano.

Poi a caso, secondo la mia percezione, iniziava la gara che si risolveva in pochi forsennati minuti. Qualcuno vinceva, a volte un cavallo senza fantino, a volte c’erano incidenti, a volte un cavallo si rompeva e moriva, a volte un fantino rimaneva sotto il traffico equestre, quasi sempre volavano botte tra gli opponenti delle diverse contrade. Non mi sono mai divertito.

<a href="https://it.wikipedia.org/wiki/Palio_di_Siena#/media/File:Mossa_lg_il_palio_del_16_agosto_2006_(7).jpg" target="_blank" rel="noopener noreferrer">via</a>  via

Crescendo, ho sentito racconti che parlavano di clima assurdo a Siena prima del Palio, risse tra abitanti di quartieri diversi, pure tra parenti che non abitano vicini. Boh, sarò io scemo che non capisco, mi sono sempre detto. Non ho mai capito perché un evento cittadino, di sicuro interesse nel Medioevo ma oggi davvero anacronistico e molto spesso violento, debba occupare ore di diretta sulla tv nazionale.

Quest’anno non si correrà a causa del Covid-19, e la cosa mi fa felice. Sarà perché non mi dà fastidio vedere il calcio in costume, in cui se le danno di santa ragione, o tutti gli sport maneschi in generale ma odio vedere gli animali messi di mezzo, affaticati, bombati, sviliti per il divertimento del pubblico. Abbiamo fatto campagne contro gli animali nel circo, non vedo perché i cavalli del Palio debbano andare in diretta tv.

Poi magari è un fastidio personale e voi riuscirete dopo anni a farmi appassionare alla vista di ore di televisione che riprende un sacco di persone pressate come sardine sotto il sole cocente, di un linguaggio in codice che non parla in alcun modo alla mia vita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >