Society
di Marco Villa 10 Dicembre 2014

Greenpeace ha rovinato un patrimonio dell’umanità?

Per lanciare un messaggio sul cambiamento climatico, un gruppo di attivisti di Greenpeace potrebbe aver causato danni irreparabili

10383893_10152668709358300_6926568845319118017_n

L’accusa è pesante: secondo il governo peruviano, un gruppo di attivisti di Greenpeace avrebbe rovinato un luogo patrimonio dell’umanità per diffondere un proprio slogan.

Il luogo in questione è l’area delle cosiddette Linee di Nazca, un’area in cui circa duemila anni fa sorgevano i luoghi di culto della civiltà Nazca. Per onorare i propri dei, avevano realizzato delle particolari opere (che oggi probabilmente chiameremmo installazioni) chiamate geoglifi, ovvero scavi nel terreno che ricreano la forma stilizzata di vari animali. Nell’area di Nazca ci sono migliaia di linee, che compongono diversi disegni, preservati con grande cura. Nessuno può camminare intorno alle Linee di Nazca e i pochi autorizzati devono usare scarpe speciali per non danneggiare il terreno. In una dichiarazione riportata da The Guardian, il vice-ministro peruviano della cultura ha detto che “il terreno è assolutamente fragile. Sono rocce nere su uno sfondo bianco. Se cammini lì dentro, la tua impronta resterà visibile per centinaia o migliaia di anni. E la linea che hanno distrutto è la più visibile e riconoscibile di tutte”

nazca-lines

Secondo il governo peruviano, infatti, gli attivisti di Greenpeace si sarebbero introdotto in un’area vietata e senza adottare alcun tipo di precauzione per comporre il messaggio “Time for change! The future is renewable. Greenpeace”, ovvero: “È ora di cambiare! Il futuro è rinnovabile. Greenpeace”. Il messaggio, posizionato vicino a uno dei disegni più celebri, era diretto ai partecipanti di un meeting delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico in corso a Lima, la capitale del Perù.

In una foto pubblicata ieri su Facebook, l’associazione Maria Reiche, che si occupa della conservazione delle Linee di Nazca, ha mostrato i danni che avrebbero compiuto gli ambientalisti di Greenpeace durante la loro azione dimostrativa. Si tratta dei segni lasciati all’interno dell’area tratteggiata, dove avevano posizionato gli striscioni con lo slogan.

10405254_678386932281056_6278009936544655480_n

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >