Innamorata di un uomo sposato
Society
di Adriano Rossi 14 Gennaio 2020

Innamorata di un uomo sposato? Guida e consigli utili

Innamorata di un uomo sposato  Foto fonte Pixabay

“Sono innamorata di un uomo sposato, non so che fare!”. Da tempo, lo andate dicendo alle amiche più care, lo scrivete sul diario, lo ripetete a voi stesse. Avete la sensazione che si tratti di un amore impossibile, che quell’uomo impegnato non sarà mai completamente vostro. Eppure, per quanti sforzi facciate, non riuscite a scrivere la parola fine, non potete dimenticarlo. Intanto il tempo passa, e vi sentite sempre più legate a lui. È così attraente, e vi fa sentire così bene!  Possibile che debba per forza finire male? Essere innamorata di un uomo sposato significa per forza soffrire? Ecco una guida utile per affrontare il sentimento che provate e comprendere qual è la soluzione giusta per voi.

Perché mi sono innamorata di un uomo sposato?

Iniziare una relazione con un uomo sposato può farvi sentire profondamente sbagliate. Avete la sensazione di contravvenire ad importanti regole morali ed etiche. Là fuori, c’è molta gente pronta a giudicarvi. Eppure, per quanto siate consapevoli che il vostro amore potrebbe essere causa di sofferenza per gli altri, non potete semplicemente cancellarlo dal vostro cuore. La storia che state vivendo è appassionante, coinvolgente; finalmente vi sentite vive come non vi sentivate da molto tempo. Quell’amore impossibile è diventato un amore reale che vi fa battere forte il cuore, e non sapete più come uscirne.

Nessuna donna programma a tavolino di innamorarsi di un uomo sposato. In genere, tutto nasce da una semplice conoscenza che, nel giro di qualche tempo, a volte pochissimi giorni, sfocia in un sentimento appassionato. Forse è stato lui che, per primo, si è sentito attratto da voi e ha fatto di tutto per conquistarvi. Forse l’attrazione è partita da voi ed è diventata, in breve tempo, reciproca. Qui non si tratta di capire se qualcuno ha delle colpe; si tratta semplicemente di comprendere come affrontare questo tipo di relazione senza farsi male.

Essere innamorata di un uomo sposato significa soffrire

Essere innamorata di un uomo sposato, all’inizio, può essere davvero bellissimo. I baci fugaci, gli incontri clandestini, la passione, consumata in brevi attimi paradisiaci in mezzo al tran tran quotidiano, sono tutti elementi che possono portare il sentimento alle stelle. Di lui, dell’uomo coniugato, del traditore, la donna innamorata vede solo il fascino irresistibile; di se stessa, mostra solo la parte più superficiale, attraente, poco impegnativa.

Nella maggior parte dei casi, però, affievolito l’ardore iniziale, le cose cambiano. Lei, ormai completamente cotta, non riesce più ad essere solo la donna seducente e giocosa che lui ha conosciuto. Le sue necessità crescono: vuole che lui le dedichi più tempo, più attenzioni, fino a desiderare l’ufficializzazione del rapporto. Per lui non è semplice accontentarla: a casa ha una moglie che, spesso e volentieri, non ha alcuna intenzione di lasciare.

L’amore per un uomo sposato può essere fonte di grandi sofferenze per l’amante, sempre più relegata ad un ruolo di secondo piano. C’è una regola valida in questi casi: se lui non lascia la moglie nei primi tempi della relazione, spinto dalla folle passione iniziale, è molto probabile che non lo farà mai. L’uomo che temporeggia, accampando scuse per non andarsene di casa, è quasi sempre un uomo che vuole tenere il piede in due scarpe. Se poi sono presenti dei figli, la casistica parla chiaro: sono pochi gli uomini che scelgono di lasciare la famiglia per iniziare una nuova relazione con l’amante, specialmente se ci sono dei bambini di mezzo.

Dimenticare un uomo sposato in 7 step e ricominciare a vivere

Volete davvero interpretare il ruolo dell’amante per tutta la vita? Rifletteteci: quante volte lui ha annullato un appuntamento all’ultimo momento? Quante promesse non ha mantenuto? Quante volte è sparito nel nulla per poi tornare da voi dopo qualche tempo, come se non fosse successo niente? Più che una storia d’amore, state vivendo un rapporto di dipendenza. In fondo in fondo lo sapete, lui fa quello che gli pare e voi, pur di non ammettere che lui sta giocando con i vostri sentimenti, trovate le giustificazioni più inverosimili. È questo che volete dalla vita? Essere sempre al secondo posto per l’uomo che amate?

Se la risposta è no, forse è il caso che iniziate a riflettere sul modo di tirarvi fuori da questa situazione. Dimenticare un uomo sposato non è un processo semplice; bisogna fare un passo alla volta, seguendo un percorso di crescita verso se stesse e la propria autostima:

Siate consapevoli della vostra dipendenza

Quello che provate per quell’uomo non è un amore sano, ma una vera e propria dipendenza affettiva. Lui non vi appartiene, vive con un’altra donna, si addormenta e si sveglia con lei, e le dedica la maggior parte del suo tempo; eppure non riuscite a staccarvi da lui, a lasciare andare questo amore sbagliato. Vi trovate in uno schema relazionale ambiguo – né con te né senza di te – che vi spinge ad accontentarvi delle briciole. Essere consapevoli della vostra dipendenza da lui è il primo passo per uscirne.

Convincetevi che lui non vi sceglierà

Se avesse voluto stare con voi, vi avrebbe già scelte. Invece, si è adagiato nel ruolo di re dell’harem e accampa scuse ogni volta che gli chiedete quando lascerà la moglie. L’uomo sposato si trova in una situazione molto comoda: da una parte, c’è la consorte legittima, che rappresenta la sicurezza, il focolare, la famiglia; dall’altra, c’è l’amante focosa, che lo fa sentire un uomo virile. Ha sempre una scusa pronta per non andarsene di casa: i soldi, i figli, la famiglia, la situazione… E intanto, mentre giura di amarvi, vi lascia nella solitudine e nella sofferenza più nere.

Curate la vostra autostima

Siete così abituate ad elemosinare l’amore, che la vostra autostima è precipitata sottoterra. Chi è innamorata da molto tempo di un uomo sposato sa quanto ci si possa sentire piccole e secondarie quando lui rimanda un appuntamento atteso con ansia, o quando rimane insieme alla moglie nonostante tutto. Per uscire da questa relazione malata dovete scacciarlo dal centro del vostro universo e mettere voi stesse al suo posto. La vostra serenità e il vostro benessere non devono mai dipendere da persone esterne.

Smettetela di pensare che vi serve quella persona per essere felici

Se quell’uomo vi rendesse davvero felici, non stareste male e non avreste bisogno di dimenticarlo. La felicità che avete tanto paura di perdere è illusoria. Per quelle due ore a settimana di gioia, trascorrete ore interminabili sole a piangere e ad attendere con ansia un nuovo incontro. Questo vi fa male. La verità è che, anche se per voi è difficile ammetterlo, stareste molto meglio senza di lui. Prima ne diventerete consapevoli, prima riuscirete a riprendere in mano le redini della vostra vita.

Create una nuova vita

Uscite, dedicatevi a ciò che vi piace, create nuove abitudini. Cercate di socializzare più che potete. Concentrate la vostra attenzione su di voi, sugli obiettivi che vi piacerebbe raggiungere. Vorreste perdere qualche chilo? Fare un viaggio? Imparare una nuova lingua? Dedicarvi al volontariato? Adesso il tempo è tutto a vostra disposizione e potete impiegarlo per arricchirvi come persone.

Tagliate i ponti con l’uomo sposato in modo definitivo

Inutile chiudere la relazione, per poi continuare a scambiarsi messaggini ogni giorno. In questo modo, lui continua a tenervi legate, e voi continuate a soffrire. L’unico modo per dimenticare davvero un uomo sposato è tagliare i ponti in modo completo: non rispondete a telefonate e messaggi, evitate di frequentare i luoghi dove rischiate di trovarlo, rifiutate qualsiasi tipo di incontro.

Guardatevi intorno

È normale che non vi sentiate pronte per una nuova relazione. Tuttavia, incontrare persone nuove, socializzare, può davvero aiutarvi a dimenticare l’uomo sposato che vi ha fatto soffrire. Guardatevi intorno, senza cercare per forza qualcosa, ma tenendo aperta la porta a nuovi sentimenti e relazioni. Nel giro di poco tempo, quell’amore malato che vi ha tenute incatenate così a lungo sarà solo un ricordo lontano!

Autore: Adriano Rossi è un sociologo che da anni si occupa di amore e benessere psico-fisico

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >