Society
di Elisabetta Limone 20 Agosto 2019

Monopoly, la storia del gioco: dall’origine alle nuove edizioni

Il Monopoly, quand’è nato, perché e come si è diffuso nel mondo. Scopri tutte le notizie, le informazioni e le curiosità più strane sul gioco del Monopoly.

È diventato il gioco più popolare fra i giochi da tavolo e il suo successo è senza pari, si parla del Monopoly: uno dei passatempi più amati e giocati in tutto il mondo. Milioni le partite giocate, per la precisione si stimano circa 750 milioni di partite, centinaia i paesi in cui è commercializzato, ben 114, e quasi 50 le lingue in cui è stato tradotto. Il Monopoly vanta una serie di primati e di numeri unici che non conoscono eguali nel campo dei giochi da tavolo. È così famoso che blog Glam di Gioco Digitale gli ha voluto dedicare un’infografica che descrive in dettaglio la sua nascita, come si è evoluto e le edizioni più recenti.

Iniziamo, per esempio, dal nome. Tutti lo conoscono come Monopoli, un’italianizzazione del nome originale del gioco dovuta all’immissione in Italia del passatempo durante il periodo fascista. Piccola parentesi, fu italianizzato non solo il nome ma anche il tabellone, la toponomastica e i toponimi utilizzati nel gioco. Dal 2009, però, i diritti del Monopoly sono stati acquistati dalla Hasbro che ha deciso di unificare il nome rispettando l’ortografia anglosassone e quindi imponendo la lettera y come finale corretta del nome del gioco da tavolo.

Nascita e sviluppo del Monopoly

Fu una donna, al secolo Elizabeth Magie, che inventò il Monopoly nel 1903. Il nome che diede originariamente non fu però quello noto a tutti al giorno d’oggi, bensì Landlord’s Game, ossia il gioco del proprietario terriero. Il suo scopo era infatti didattico perché con questo gioco Magie voleva dimostrare l’ingiustizia del sistema degli affitti terrieri. Più della didattica, però, poté il divertimento. L’idea conquistò la Parker Brothers che ne acquistò i diritti e lo pose sotto brevetto nel 1933.

Per commercializzare il gioco da tavolo, la ditta utilizzò la versione creata da Charles Darrow, un ingegnere disoccupato che creò una sua produzione artigianale del gioco prima del 1933. Quella versione di quasi un secolo fa, è tutt’oggi quella usata e conosciuta dai giocatori di tutto il mondo.

Da quando ha fatto l’ingresso nel mercato, il Monopoly è fra i giochi da tavolo quello che si è prestato a più versioni speciali e a rielaborazioni del tabellone e degli altri elementi del gioco, cambiamenti ispirati dal mondo del cinema, come Star Wars, delle serie tv, come Il Trono di Spade, della musica, come i Queen, o dei videogame, come Fifa.

Oltre alle versioni speciali, è cambiato anche nei formati. Il Monopoly si è infatti digitalizzato come applicazione per dispositivi Apple o come gioco browser based (quindi si può giocare usando il browser) o ancora includendo nella scatola del gioco non più i soldi di carta ma una banca elettronica e delle carte di credito che hanno di fatto digitalizzato tutte le transazioni economiche che avvengono durante una partita. L’ultima frontiera di Monopoly è Monopoly Live, un gioco in collaborazione con i casinò online che combina le logiche del casinò a quelle del Monopoly con quelle, infine, della realtà aumentata.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >