Society
di Giulio Pons 20 Agosto 2019

Le parti del corpo umano che sono inutili

Ci sono parti del nostro corpo che sono inutili. L’evoluzione ce le toglierà del tutto?

Complice il tempo libero estivo, eccoci a leggere cose tra il serio e il faceto su Internet, qualche pillola di saggezza, una serie di curiosità che stuzzicano la voglia di conoscenza. Vi ricordate Darwin? Quello dell’evoluzione delle specie, il signore barbuto che ci ha spiegato come discendiamo dalle scimmie e che si trovò contro tutto il mondo cattolico. Però aveva ragione lui: l’evoluzione modifica continuamente le creature selezionando lentamente e inevitabilmente i caratteri che le rendono migliori nel proprio ambiente, migliori nel senso che hanno più possibilità di riprodursi e trasmettere quindi i propri caratteri. Anche l’uomo è continuamente soggetto all’evoluzione ma con la società, la tecnologia e la medicina ha più possibilità di vivere, prosperare e riprodursi comunque, nonostante debolezze fisiche, malattie, stupidità e fragile costituzione.

L’evoluzione, frame da video www.youtube.com L’evoluzione, frame da video

Insomma l’uomo ai giorni nostri sta un po’ barando sul processo evolutivo, ma siamo ancora soggetti all’evoluzione e anzi, guardando il corpo umano si possono trovare delle parti che sono inutili, che ora non servono a niente, ma che un tempo avevano un ruolo. Eccole qui:

Il primo pezzo inutile del corpo umano è l’appendice: una piccola parte di intestino che un tempo doveva servire per digerire la cellulosa e ora non serve a niente, tanto che se si infiamma diventa appendicite e viene tolta (alcuni studi, tuttavia, ne stanno ridiscutendo l’utilità), in barba all’evoluzione che vorrebbe vederci morire per non trasmettere ai nostri figli il carattere dell’appendice che si infiamma.

Vogliamo parlare dei denti del giudizio? Anche loro non servono più a niente, retaggio di un tempo in cui masticare tanto e bene era necessario. La mascella e la mandibola in migliaia di anni si sono ridotte e questi dentoni crescono spesso storti, ci fanno male e noi li togliamo (anche qui fregando l’evoluzione).

Disegno di Samuel Know www.pexels.com Disegno di Samuel Know

Anche i peli e i muscoli erettori del pelo non servono più a niente. Anche avere la pelle d’oca per il freddo è una cosa che non serve più a niente, mentre un tempo, quando eravamo veramente coperti di peli serviva a trattenere più aria tra il pelo e a tenerci quindi un po’ più al caldo.  Tutto inutile, ci sono i maglioni.

La parte finale della nostra colonna vertebrale è il coccige ed è quello che resta della coda. A cosa serve ora il coccige? A nulla, solo a farsi male quando si cade sul sedere.

Anche i capezzoli nei maschi non servono a niente. L’evoluzione dovrebbe toglierceli.

Una minuscola parte dell’occhio non serve a niente, la plica semilunare, è l’avanzo della membrana nittiante che hanno alcuni uccelli e che può estendersi fino a coprire tutto l’occhio per proteggerlo. A noi non serve a nulla.

Foto di Deniz, da Wikipedia it.wikipedia.org Foto di Deniz, da Wikipedia

Non abbiamo ancora finito, tra le vestigia del nostro corpo c’è una piccola sporgenza nella parte alta dell’orecchio, detta tubercolo di Darwin che serviva insieme ai muscoli auricolari a muovere le orecchie, come fanno gli animali. A noi non serve muovere le orecchie anche se sarebbe una gran cosa, come segno, quando si gioca a Briscola.

Abbiamo anche un piccolo organo nel cervello che serviva a captare i ferormoni degli altri animali, si chiama l’organo vomeronasale peccato che non serve più tanto che l’evoluzione l’ha già scollegato dal nostro cervello.

Potete trovare altre informazioni sulle nostre vestigia su Wikipedia.

FONTE | Quora

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >