TV e Cinema
di Simone Stefanini 27 Gennaio 2016

I 15 momenti più imbarazzanti della storia della televisione italiana

Risse sfiorate, dislessia, momenti cult e concorrenti geniali in questo Bignami della storia dell’incapacità televisiva italiana

fuga via

 

Storia e gloria degli epic fail in tv. E pensare che fino al 2005, anno di fondazione di YouTube, le potevamo vedere solo in diretta oppure nelle trasmissioni specializzate in montaggi di monnezza catodica a fin di bene, tipo Blob, Scorie o Mai dire TV.  Un sunto degli ultimi 35 anni di televisione tra Rai, Mediaset e oscure reti regionali.

Dentro c’è un po’ di tutto, dal presentatore di turno che scopre una truffa durante un quiz alle telefonate squilibrate dei concorrenti da casa. Senza farsi mancare i fuori onda e i grandi classici della figuraccia, le tipiche azioni dopo le quali il presentatore dovrebbe  chiedere all’assistente di studio una pala per andare diretto a sotterrarsi.

Un Bignami di incapacità  televisiva in 15 lezioni da non perdere.

 

15) Paolo Ruffini che dà della Topa Meravigliosa a Sofia Loren

Le menti elette della Rai nel 2014 pensarono di  svecchiare la cerimonia di premiazione dei David di Donatello facendoli presentare a quella sagoma di Paolo Ruffini, che in dialetto livornese inforcò tutti i possibili pali del buon gusto e venne redarguito con sufficienza e stizza da Sofia Loren, Valerio Mastandrea, Marco Bellocchio e pure dal suo mentore Paolo Virzì. Niente male come debutto, non c’è che dire.

 

14) Antonella Clerici e La Borra

tumblr_mvuj6tnVtb1s7ub96o1_r1_400 via

Qui siamo ai massimi storici del trash italiano: durante La prova del cuoco, Antonella Clerici viene trollata da un’anziana signora che risponde alla domanda un filino allusiva “Fa schiuma ma non è un sapone” con “La borra!”, sicuramente aiutata da casa da un nipote burlone. Del video originale sono stati tratti remix a profusione.

 

13) Il Greatest Hits di Luca Giurato

https://www.youtube.com/watch?v=QyixPs7cZXc

Luca Giurato è l’imperatore della gaffe, il sovrano della dislessia. Specialmente quando si tratta di andare in onda a Uno Mattina e di svegliarsi presto. In questo Greatest Hits, tutte le parole inventate, le persone scambiate per cani e gli Elettro Santo Pertini.

 

12) La valletta che non sa leggere i risultati di calcio

Retesole, a discapito del nome è un’oscura televisione regionale sul digitale terrestre, di quelle dal 10 al 19 che di solito vengono saltate a piè pari durante lo zapping. Questa valletta genio riesce a leggere i risultati delle partite come fossero una cifra unica: Livorno – Crotone: 11, Bari – Modena: 10. Significa non aver mai sentito parlare di una partita di calcio. Mai. Wow.

 

11) Mike Bongiorno e la concorrente truffaldina

Qui si fa la storia della televisione: Telemike, mitico quiz condotto dall’indimenticato Mike Bongiorno. Siamo nel 1990 e la concorrente Maura Livoli viene sgamata mentre risponde alle domande leggendo gli appunti, come si fa al liceo per il compito di storia. L’incauta Maura si prese una tale paternale che la portò allo svenimento. A Mike non la si fa.

 

10) Sandra Milo e il figlio Ciro

ASkIs5 via

Un’altra trollata da antologia. Sandra Milo, ex musa di Fellini passata al lato oscuro della forza, cioè a condurre Piccoli fans in tv, durante il programma del 1990 L’amore è una cosa meravigliosa ricevette una misteriosa telefonata in cui venne informata che il figlio aveva avuto un incidente. La Milo scoppiò in lacrime gridando “Ciro, Ciro”, ma era tutta una bufala e il suo pianto diventò cult.

 

9) Beppe Bigazzi e la ricetta del gatto in umido

https://vimeo.com/133298146

Nel 2010 l’esperto Beppe Bigazzi venne sospeso dalla Prova del cuoco per aver dato la ricetta del gatto in umido, prelibatezza del Valdarno negli anni ’30 e ’40 ma che non è andata giù alla conduttrice Elisa Isoardi, che in seguito si sarebbe fidanzata con Matteo Salvini.

 

8) Emilio Fede e le gambe di Kay Rush

Vabbè, a guardare tutte le figuracce di Emilio Fede si perderebbe una giornata. Questa però è epica perché svela la vera doppia faccia del mezzobusto, che pensando di essere fuori onda si lasciò andare a commenti porci sulle gambe di Kay Rush, in collegamento dallo studio. Insomma, lo sapete di chi era amico intimo, no?

 

7) Enrica Bonaccorti sventa una truffa a Non è la Rai

Prima che Non è la Rai diventasse un programma freestyle di adolescenza e di sogni erotici barely legal, era condotto da Enrica Bonaccorti. Durante il cruciverbone nel 1991, alla presentatrice viene data una risposta prima della stessa domanda, facendola andare su ogni tipo di furia. Una vicenda finita in tribunale.

 

6) Vasco Rossi completamente fatto da Mike Bongiorno

Disagio e risatissime con Mike Bongiorno e Vasco Rossi, evidentemente alterato, protagonista di un siparietto in cui non ci capisce niente: stringe la mano a caso, biascica, si toglie e si mette gli occhiali in un climax di nonsense.

 

5) Gianni Giudici che in diretta esclama “Un po’ di figa qua?”

Nel 1998, il vate ed ex pilota Gianni Giudici entrò nell’inquadratura di un’intervista  a Schiattarella per declamare i suoi più famosi versi: “Un po’ di figa qua?”, che lo fecero diventare un divo della televisione a colori.

 

4) Iva Zanicchi che molla quella grossa in diretta

La più grande poracciata mai vista in televisione: un mago spagnolo prese possesso del corpo di Iva Zanicchi e la fece (quasi) cagare in studio, di fronte alla Carrà e a Carlo Conti. È tutto falso, ma occorre ricordare che la Zanicchi è Deputata al Parlamento Europeo. Disagio.

 

3) La caduta di Gianni Sperti

tumblr_mx92e1WNAc1s7ub96o1_400 via

Per anni questo video è stato secretato più di un X File. Ogni volta che uno lo caricava, dopo un po’ spariva (il video, non il tipo). Poi sono arrivate le gif e nessuno può metterle in un angolo, quindi ecco in tutto il suo splendore la più rovinosa caduta televisiva di tutti i tempi. Gianni Sperti venne lanciato in aria da un collega ballerino di Amici ma non gli riescì il salto mortale e rimase con le zampette ad annaspare nel vuoto prima di crollare a peso morto al suolo, verosimilmente rompendosi tutto. Non ci stanchiamo mai di guardarla.

 

2) Amadeus vs. Pedro: “Per me è la cipolla”

Mai vista una cosa del genere, il conduttore che vuoi picchiare il concorrente in diretta. Amadeus perse la pazienza con Pedro Valti, che durante le domandone a L’Eredità del 2005 dette risposte un po’ a caso, con fare da bullo di provincia. Il conduttore lo guardò con occhi spiritati cercando la rissa, poi lo cacciò dal studio. Per noi, la risposta rimane La cipolla.

 

1) Il signor Giancarlo alla Ruota della Fotuna

Il numero uno di tutti i tempi. Il signor Giancarlo (di più non sappiamo) è stato il primo essere umano a diventare immortale durante La Ruota della Fortuna, condotto da Mike Bongiorno e con Paola Barale (ai tempi sosia di Madonna) come valletta. Giancarlo, di fronte a un tabellone quasi del tutto completo, invece di dare la risposta esatta preferì immolarsi nell’Olimpo delle leggende, esclamando, a proposito delle Amazzoni “Vinsero battaglie grazie alla loro figa”. La parola finale era foga, ma volete mettere l’Eternità?

 

Fuori concorso per stupidità fuori scala: La tragica spaccata di Lisa Fusco

Condividetelo ovunque. Vi prego.

Pubblicato da Monica Loiodice su Venerdì 28 agosto 2015

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >