John Krasinski
TV e Cinema
di Eva Cabras 12 Aprile 2018

A Quiet Place: il film horror in cui il silenzio è d’oro

A Quiet Place di John Krasinski è un horror perfettamente riuscito che trova la sua forza nella completa assenza di rumore. Da vedere assolutamente al cinema e senza popcorn

Se volete andare al cinema per vedere A Quiet Place preparatevi a fare a meno dei popcorn, se non volete essere oggetto di occhiatacce e maledizioni da parte degli altri presenti in sala. Il nuovo film da regista e interprete di John Krasinski, il tenero Jim Halpert di The Office, è incredibilmente silenzioso, ma non è un film muto ed è tutt’altro che tranquillo. In coppia con la compagna nella vita reale, Emily Blunt, Krasinski confeziona un film horror intenso e tesissimo, che sfrutta al meglio tutte le possibilità di un cinema libero dalla schiavitù del dialogo esplicativo. Per una volta non dobbiamo preoccuparci per gli eventuali danni del doppiaggio.

In un futuro poco lontano, una famiglia si trova on the road in cerca di un rifugio dove sopravvivere alla violenta invasione di strane creature che dilaniano chiunque emetta rumore. I mostri hanno un udito sensibilissimo e sono poco inclini alla socializzazione, quindi gli Abbott tirano avanti a sussurri e linguaggio dei segni, imparato anche per comunicare con la figlia maggiore sorda. A complicare le cose, ci si mette la gravidanza avanzata di Evelyn, che convive con l’ansia di dover partorire in mezzo al nulla e senza emettere un suono.

 

Di esperimenti con il silenzio nel cinema horror ne sono già stati fatti diversi di recente, pensiamo alla protagonista sorda di Hush – Il terrore del silenzio o al personaggio cieco di Man in the Dark, ma in A Quiet Place siamo a un altro livello. Tutto l’intero film è immerso nella necessità fisica di stare zitti, ci sono pochissime eccezioni, brevi attimi che, nell’assenza generale di rumore, portano un carico d’angoscia e di sorpresa notevoli. Mentre solitamente il silenzio viene utilizzato come espediente per creare tensione, qui Krasinski ribalta la dinamica e crea un ambiente ovattato dove ogni suono inconsulto funge da meccanismo d’innesco per scene ben costruite e decisamente ansiogene. Non solo.

L’introduzione di un personaggio sordo, la fenomenale Millicent Simmonds, crea un contrasto sensoriale potente con le creature dall’iper-udito e regala alla regia la possibilità di giocare con diversi tipi di silenzio: quello all’esterno che viviamo anche noi e quello strettamente individuale di Regan.

Se la comunicazione tra personaggi è ammutolita, lo stesso non avviene con il commento musicale, che accompagna in maniera discreta il film smorzando lo shock della mancanza di voce. Le interazioni tra familiari ne escono addirittura rafforzate. Senza la presenza ingombrante di eventuali dialoghi sdolcinati, il film costruisce un ritratto di famiglia coinvolgente, commovente ed essenziale, perché al centro di tutto c’è pur sempre un’avventura umana, fatta di paura, amore, coraggio, speranza.

Non meno interessante e funzionale, la scomparsa dei dialoghi ci evita l’orrenda possibilità di uno spiegone. Chi sono le creature? Da dove vengono? Cosa vogliono? Dove è finito il resto del mondo? Chi se ne frega. A Quiet Place si gioca tutto sui dettagli: affettivi perché si focalizza tutto sulla famiglia Abbott, geografici perché l’unico spazio che esploriamo è quello che esplorano loro, cronologici perché l’azione gira principalmente attorno alla timeline della gravidanza.

A Quiet Place è da vedere al cinema, è un’esperienza oltre che un film. Sentitevi pure liberi di zittire barbaramente i chiacchieroni da sala.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >