John Krasinski
TV e Cinema
di Eva Cabras 12 Aprile 2018

A Quiet Place: il film horror in cui il silenzio è d’oro

A Quiet Place di John Krasinski è un horror perfettamente riuscito che trova la sua forza nella completa assenza di rumore. Da vedere assolutamente al cinema e senza popcorn

Se volete andare al cinema per vedere A Quiet Place preparatevi a fare a meno dei popcorn, se non volete essere oggetto di occhiatacce e maledizioni da parte degli altri presenti in sala. Il nuovo film da regista e interprete di John Krasinski, il tenero Jim Halpert di The Office, è incredibilmente silenzioso, ma non è un film muto ed è tutt’altro che tranquillo. In coppia con la compagna nella vita reale, Emily Blunt, Krasinski confeziona un film horror intenso e tesissimo, che sfrutta al meglio tutte le possibilità di un cinema libero dalla schiavitù del dialogo esplicativo. Per una volta non dobbiamo preoccuparci per gli eventuali danni del doppiaggio.

In un futuro poco lontano, una famiglia si trova on the road in cerca di un rifugio dove sopravvivere alla violenta invasione di strane creature che dilaniano chiunque emetta rumore. I mostri hanno un udito sensibilissimo e sono poco inclini alla socializzazione, quindi gli Abbott tirano avanti a sussurri e linguaggio dei segni, imparato anche per comunicare con la figlia maggiore sorda. A complicare le cose, ci si mette la gravidanza avanzata di Evelyn, che convive con l’ansia di dover partorire in mezzo al nulla e senza emettere un suono.

 

Di esperimenti con il silenzio nel cinema horror ne sono già stati fatti diversi di recente, pensiamo alla protagonista sorda di Hush – Il terrore del silenzio o al personaggio cieco di Man in the Dark, ma in A Quiet Place siamo a un altro livello. Tutto l’intero film è immerso nella necessità fisica di stare zitti, ci sono pochissime eccezioni, brevi attimi che, nell’assenza generale di rumore, portano un carico d’angoscia e di sorpresa notevoli. Mentre solitamente il silenzio viene utilizzato come espediente per creare tensione, qui Krasinski ribalta la dinamica e crea un ambiente ovattato dove ogni suono inconsulto funge da meccanismo d’innesco per scene ben costruite e decisamente ansiogene. Non solo.

L’introduzione di un personaggio sordo, la fenomenale Millicent Simmonds, crea un contrasto sensoriale potente con le creature dall’iper-udito e regala alla regia la possibilità di giocare con diversi tipi di silenzio: quello all’esterno che viviamo anche noi e quello strettamente individuale di Regan.

Se la comunicazione tra personaggi è ammutolita, lo stesso non avviene con il commento musicale, che accompagna in maniera discreta il film smorzando lo shock della mancanza di voce. Le interazioni tra familiari ne escono addirittura rafforzate. Senza la presenza ingombrante di eventuali dialoghi sdolcinati, il film costruisce un ritratto di famiglia coinvolgente, commovente ed essenziale, perché al centro di tutto c’è pur sempre un’avventura umana, fatta di paura, amore, coraggio, speranza.

Non meno interessante e funzionale, la scomparsa dei dialoghi ci evita l’orrenda possibilità di uno spiegone. Chi sono le creature? Da dove vengono? Cosa vogliono? Dove è finito il resto del mondo? Chi se ne frega. A Quiet Place si gioca tutto sui dettagli: affettivi perché si focalizza tutto sulla famiglia Abbott, geografici perché l’unico spazio che esploriamo è quello che esplorano loro, cronologici perché l’azione gira principalmente attorno alla timeline della gravidanza.

A Quiet Place è da vedere al cinema, è un’esperienza oltre che un film. Sentitevi pure liberi di zittire barbaramente i chiacchieroni da sala.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >