About Enlessness: le miniature sull’infinito di Roy Andersson

A 80 suonati il maestro svedese ci fornisce l’ennesima prova del suo talento cinematografico riducendo in 8 piccoli quadretti un tema gigante come “l’infinito”.

Veterano dell’art house europea da decenni, Roy Andersson è uno di quei registi che sembrano esserci da sempre. Si pensa – anche idealmente – alla sua filomografia, e si immagina una sequela molto lunga di corti e lungometraggi, e invece Roy Arne Lennart Andersson dal 1975 al 2000 non ha realizzato film di lunga durata. Questo About Enlessness – che gli è valso il Leone d’Argento per la Miglior Regia a Venezia76 – è la sua sesta opera. Ed è per questo che sembra essere un piccolo maestro. Quasi ottantenne e sempre composto nella sua assurdità.

Un sacerdote si sveglia in preda alla disperazione di un terribile incubo in seguito al quale ha dubbi sull’esistenza di Dio. Lo ritroviamo poco dopo da un medico – forse uno psicologo- alquanto irrequito perché la fede gli sta sfuggendo di mano. A quanto pare. Beve vino a canna, piangendo, prima della messa. Nella sua ultima comparsa sta urlando “Come si fa quando si perde la fede?”, prima di essere cacciato dalla segretaria del dottore. Un uomo vede da qualche tempo a questa parte Svelker Olson, vecchio compagno di scuola, tutte le mattine salire una scalinata della sua città, ma lui non lo saluta mai. Sono loro due gli unici personaggi ricorrenti in questi quasi 30 quadretti che compongono About Endlessness. Gli altri vengono una volta sola, e vanno via anche molto in fretta, venendo lasciati stare a tornare ai loro pensieri.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Se il piccione del 2015 rifletteva sull’esistenza finita di ogni essere vivente, oggi i piccoli umani beckettiani di Andersson riflettono – e agiscono – sull’infinitezza. La gamma umana si allarga arrivando a mostrarci due estremi inarrivabili. Da una parte gli amanti di Chagall che volano sulla città, sospesi in un amore che li rende creature magiche, dall’altra Adolf Hitler chiuso con tre uomini del suo bunker nei momenti precedenti la morte. E ancora un esercito che ritorna sconfitto a piedi nelle lande gelate della Siberia. Tutte le presenze umane del film sono presentate da una calda voce di donna che si limita a sottolineare il loro “esserci”. Sta a noi individuare dove si apre l’infinito di ognuno, specialmente quando il registro si abbassa nella sfera quotidiana. Cosa sta teso dietro lo scazzo di un dentista che non sopporta i lamenti di un paziente capriccioso? Forse la stessa mole di pensieri che ci vengono in mente quando pensiamo all’applicazione della prima legge della termodinamica. La stessa paura che sopraggiunge quando si prova a dare un corpo all’energia. Sarà banale da dire ma è proprio vero che il pensiero s’annega davanti a questa “infinità”, che si dischiude a partire dalla rottura del tacco di una scarpa, o dalla constatazione che un ombrellino non ci salverà dall’arrivare a una festa di compleanno completamente fradici.

Non c’è alcun idillio leopardiano nelle scene di About Endlessness, ma il candore tipico di Andersson. Il bianco campeggia ancora una volta sui volti degli attori, tolti dalla realtà, e viene richiamato nel chiarore nitido e glaciale delle inquadrature, dove i set realistici si alternano a quelli sapientemente ricostruiti in miniatura con una minuzia da amanuense. Ad incrementare questa inusuale sensazione di pathos pittorico – ancora una volta il riferimento figurativo più evidente è Hopper – arriva un coro natalizio. La patina davanti allo schermo si infittisce, e il palesarsi della finzione ricercata con ogni mezzo emerge in rilievo. Messo davanti all’infinito il piccolo maestro svedese ha pensato bene di ridimensionarsi, rimpicciolendo ancora di più l’ambizione del suo cinema, ma conservando la carica espressiva in ogni secondo di questi preziosi 76 minuti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >