About Enlessness: le miniature sull’infinito di Roy Andersson

A 80 suonati il maestro svedese ci fornisce l’ennesima prova del suo talento cinematografico riducendo in 8 piccoli quadretti un tema gigante come “l’infinito”.

Veterano dell’art house europea da decenni, Roy Andersson è uno di quei registi che sembrano esserci da sempre. Si pensa – anche idealmente – alla sua filomografia, e si immagina una sequela molto lunga di corti e lungometraggi, e invece Roy Arne Lennart Andersson dal 1975 al 2000 non ha realizzato film di lunga durata. Questo About Enlessness – che gli è valso il Leone d’Argento per la Miglior Regia a Venezia76 – è la sua sesta opera. Ed è per questo che sembra essere un piccolo maestro. Quasi ottantenne e sempre composto nella sua assurdità.

Un sacerdote si sveglia in preda alla disperazione di un terribile incubo in seguito al quale ha dubbi sull’esistenza di Dio. Lo ritroviamo poco dopo da un medico – forse uno psicologo- alquanto irrequito perché la fede gli sta sfuggendo di mano. A quanto pare. Beve vino a canna, piangendo, prima della messa. Nella sua ultima comparsa sta urlando “Come si fa quando si perde la fede?”, prima di essere cacciato dalla segretaria del dottore. Un uomo vede da qualche tempo a questa parte Svelker Olson, vecchio compagno di scuola, tutte le mattine salire una scalinata della sua città, ma lui non lo saluta mai. Sono loro due gli unici personaggi ricorrenti in questi quasi 30 quadretti che compongono About Endlessness. Gli altri vengono una volta sola, e vanno via anche molto in fretta, venendo lasciati stare a tornare ai loro pensieri.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Se il piccione del 2015 rifletteva sull’esistenza finita di ogni essere vivente, oggi i piccoli umani beckettiani di Andersson riflettono – e agiscono – sull’infinitezza. La gamma umana si allarga arrivando a mostrarci due estremi inarrivabili. Da una parte gli amanti di Chagall che volano sulla città, sospesi in un amore che li rende creature magiche, dall’altra Adolf Hitler chiuso con tre uomini del suo bunker nei momenti precedenti la morte. E ancora un esercito che ritorna sconfitto a piedi nelle lande gelate della Siberia. Tutte le presenze umane del film sono presentate da una calda voce di donna che si limita a sottolineare il loro “esserci”. Sta a noi individuare dove si apre l’infinito di ognuno, specialmente quando il registro si abbassa nella sfera quotidiana. Cosa sta teso dietro lo scazzo di un dentista che non sopporta i lamenti di un paziente capriccioso? Forse la stessa mole di pensieri che ci vengono in mente quando pensiamo all’applicazione della prima legge della termodinamica. La stessa paura che sopraggiunge quando si prova a dare un corpo all’energia. Sarà banale da dire ma è proprio vero che il pensiero s’annega davanti a questa “infinità”, che si dischiude a partire dalla rottura del tacco di una scarpa, o dalla constatazione che un ombrellino non ci salverà dall’arrivare a una festa di compleanno completamente fradici.

Non c’è alcun idillio leopardiano nelle scene di About Endlessness, ma il candore tipico di Andersson. Il bianco campeggia ancora una volta sui volti degli attori, tolti dalla realtà, e viene richiamato nel chiarore nitido e glaciale delle inquadrature, dove i set realistici si alternano a quelli sapientemente ricostruiti in miniatura con una minuzia da amanuense. Ad incrementare questa inusuale sensazione di pathos pittorico – ancora una volta il riferimento figurativo più evidente è Hopper – arriva un coro natalizio. La patina davanti allo schermo si infittisce, e il palesarsi della finzione ricercata con ogni mezzo emerge in rilievo. Messo davanti all’infinito il piccolo maestro svedese ha pensato bene di ridimensionarsi, rimpicciolendo ancora di più l’ambizione del suo cinema, ma conservando la carica espressiva in ogni secondo di questi preziosi 76 minuti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >