Buon compleanno al mostro di Frankenstein, che da 198 anni ci terrorizza in tutte le salse

Il mostro che è un’icona moderna. Dal suo personaggio sono stati tratti numerosi film, serie tv e libri

sbjjals via

 

“Fu in una tetra notte di novembre che vidi il compimento delle mie fatiche. Con un’ansia simile all’angoscia radunai gli strumenti con i quali avrei trasmesso la scintilla della vita alla cosa inanimata che giaceva ai miei piedi.”

Con queste parole, Mary Shelley dette vita al mostro del dottor Victor Frankenstein, uno scienziato il cui sogno è quello di ridare vita ai morti. Ci riuscirà e la sua creatura, fatta di pezzi di cadavere, sfuggirà al suo controllo e terrorizzerà tutta l’Europa, fino al Polo Nord.

Il romanzo Frankenstein, o il moderno Prometeo è uscito in forma anonima oggi a Londra, 198 anni fa.

 

Frankenstein.1831.inside-cover via

 

La sua prima rappresentazione sul grande schermo è stata nel 1910, in un cortometraggio di 12 minuti di J. Searle Dowley che potete vedere integralmente qui sotto.

 

https://www.youtube.com/watch?v=TcLxsOJK9bs

 

Ma il volto del mostro che è entrato nell’iconografia moderna è quello del film del 1931 di James Whale, che ha dato vita a un vero e proprio franchising basato sulla figura della creatura, interpretata magistralmente da Boris Karloff.

 

tumblr_mroh6bMslm1qcgwn4o1_500 via

 

Karloff in realtà era un gentleman inglese che non disdegnava, tra le estenuanti sedute di trucco, un po’ di buon tè e una sigaretta.

 

arloff-as-frankenstein-drinking-tea-6-1.gif via

 

Dicevamo del franchising, che ha portato il mostro di Frankenstein ad avere una moglie, un figlio, a lottare contro l’uomo lupo e pure contro Gianni e Pinotto, in un periodo di tempo che va dagli anni ’30 agli anni ’50.

 

brideo via

 

Tutti questi film sono stati d’ispirazione a quel capolavoro di comicità che è Frankenstein Jr., diretto da Mel Brooks nel 1974. Il dottore era Gene Wilder e Marty Feldman interpretava Igor, l’assistente con la gobba (quale gobba?). Ma siamo sicuri che sapete di cosa stiamo parlando, altrimenti siete brutte persone. Qui c’è chi lo conosce a memoria.

 

https://www.youtube.com/watch?v=9YnNZ0Zdufk

 

Anche il personaggio del maggiordomo Lurch della Famiglia Addams è stato ispirato da quella figura.

giphy-75

 

Il mostro è stato anche protagonista di un cult giapponese, Frankenstein alla conquista della terra, di Ishiro Honda (1965), in cui deve sconfiggere un mostro ancora più terribile, Baragon, una specie di Godzilla.

 

 

Nella produzione italo americana Il mostro è in tavola… barone Frankenstein del 1973 partecipò anche Andy Warhol, col suo fido regista Paul Morrissey.

 

 

E a chi si è ispirato il dottor Frank’n’Furter di Rocky Horror Picture Show se non allo scienziato pazzo più famoso di tutti i tempi, per creare il suo uomo perfetto?

 

tumblr_ne5zvm4uFU1tsebazo1_500

 

Ai giorni nostri, Frankenstein è stato omaggiato nel 1994 da Frankenstein di Mary Shelley, che però non ha avuto lo stesso successo del Dracula di Bram Stoker firmato Coppola, nonostante Robert De Niro interpretasse la creatura. Probabilmente, un mostro di carne umana è meno sexy di un avvenente vampiro.

 

tumblr_n1f316IFHm1rp0vkjo1_500 via

 

Nel 2014 è stato fatto anche il film I, Frankenstein, tratto dall’omonimo graphic novel di Kevin Grevioux. Come potete vedere, evitabilissimo.

 

adam

 

Il personaggio di Victor Frankenstein e la sua creatura sono presenti anche nella serie tv Penny Dreadful, giunta alla seconda stagione e disponibile su Netflix.

 

giphy-73

 

Siamo convinti che il suo mito non morirà mai, perché rappresenta tutte le paure dell’uomo, compreso l’oscuro motivo per cui si nasce e si muore. In quel mostro, escluso, deriso e odiato da quelli che una volta erano i suoi simili, spesso ci vediamo riflessa l’immagine di noi stessi. Lunga vita alla creatura di Frankenstein.

 

giphy-74

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >