Buon compleanno al mostro di Frankenstein, che da 198 anni ci terrorizza in tutte le salse

Il mostro che è un’icona moderna. Dal suo personaggio sono stati tratti numerosi film, serie tv e libri

sbjjals via

 

“Fu in una tetra notte di novembre che vidi il compimento delle mie fatiche. Con un’ansia simile all’angoscia radunai gli strumenti con i quali avrei trasmesso la scintilla della vita alla cosa inanimata che giaceva ai miei piedi.”

Con queste parole, Mary Shelley dette vita al mostro del dottor Victor Frankenstein, uno scienziato il cui sogno è quello di ridare vita ai morti. Ci riuscirà e la sua creatura, fatta di pezzi di cadavere, sfuggirà al suo controllo e terrorizzerà tutta l’Europa, fino al Polo Nord.

Il romanzo Frankenstein, o il moderno Prometeo è uscito in forma anonima oggi a Londra, 198 anni fa.

 

Frankenstein.1831.inside-cover via

 

La sua prima rappresentazione sul grande schermo è stata nel 1910, in un cortometraggio di 12 minuti di J. Searle Dowley che potete vedere integralmente qui sotto.

 

https://www.youtube.com/watch?v=TcLxsOJK9bs

 

Ma il volto del mostro che è entrato nell’iconografia moderna è quello del film del 1931 di James Whale, che ha dato vita a un vero e proprio franchising basato sulla figura della creatura, interpretata magistralmente da Boris Karloff.

 

tumblr_mroh6bMslm1qcgwn4o1_500 via

 

Karloff in realtà era un gentleman inglese che non disdegnava, tra le estenuanti sedute di trucco, un po’ di buon tè e una sigaretta.

 

arloff-as-frankenstein-drinking-tea-6-1.gif via

 

Dicevamo del franchising, che ha portato il mostro di Frankenstein ad avere una moglie, un figlio, a lottare contro l’uomo lupo e pure contro Gianni e Pinotto, in un periodo di tempo che va dagli anni ’30 agli anni ’50.

 

brideo via

 

Tutti questi film sono stati d’ispirazione a quel capolavoro di comicità che è Frankenstein Jr., diretto da Mel Brooks nel 1974. Il dottore era Gene Wilder e Marty Feldman interpretava Igor, l’assistente con la gobba (quale gobba?). Ma siamo sicuri che sapete di cosa stiamo parlando, altrimenti siete brutte persone. Qui c’è chi lo conosce a memoria.

 

https://www.youtube.com/watch?v=9YnNZ0Zdufk

 

Anche il personaggio del maggiordomo Lurch della Famiglia Addams è stato ispirato da quella figura.

giphy-75

 

Il mostro è stato anche protagonista di un cult giapponese, Frankenstein alla conquista della terra, di Ishiro Honda (1965), in cui deve sconfiggere un mostro ancora più terribile, Baragon, una specie di Godzilla.

 

 

Nella produzione italo americana Il mostro è in tavola… barone Frankenstein del 1973 partecipò anche Andy Warhol, col suo fido regista Paul Morrissey.

 

 

E a chi si è ispirato il dottor Frank’n’Furter di Rocky Horror Picture Show se non allo scienziato pazzo più famoso di tutti i tempi, per creare il suo uomo perfetto?

 

tumblr_ne5zvm4uFU1tsebazo1_500

 

Ai giorni nostri, Frankenstein è stato omaggiato nel 1994 da Frankenstein di Mary Shelley, che però non ha avuto lo stesso successo del Dracula di Bram Stoker firmato Coppola, nonostante Robert De Niro interpretasse la creatura. Probabilmente, un mostro di carne umana è meno sexy di un avvenente vampiro.

 

tumblr_n1f316IFHm1rp0vkjo1_500 via

 

Nel 2014 è stato fatto anche il film I, Frankenstein, tratto dall’omonimo graphic novel di Kevin Grevioux. Come potete vedere, evitabilissimo.

 

adam

 

Il personaggio di Victor Frankenstein e la sua creatura sono presenti anche nella serie tv Penny Dreadful, giunta alla seconda stagione e disponibile su Netflix.

 

giphy-73

 

Siamo convinti che il suo mito non morirà mai, perché rappresenta tutte le paure dell’uomo, compreso l’oscuro motivo per cui si nasce e si muore. In quel mostro, escluso, deriso e odiato da quelli che una volta erano i suoi simili, spesso ci vediamo riflessa l’immagine di noi stessi. Lunga vita alla creatura di Frankenstein.

 

giphy-74

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >