79 anni fa nasceva Cinecittà, ecco i 10 film più belli girati nei suoi studi

Da Ben Hur a Wes Anderson, passando per Zoolander e Fellini

JHSDGFKJHA vanityfair.it

 

Mercoledì 28 aprile del 1937, sulle ceneri dei vecchi studi Cines distrutti da un incendio, aprono i battenti i nuovi, giganti studi di Cinecittà, in un terreno di 500mila metri quadrati lungo la via Tuscolana.

Al suo interno trovano spazio l’Istituto Luce, praticamente la memoria storica del primo cinema italiano e il Centro Sperimentale di Cinematografia, oltre a 16 teatri di posa, piscine per le riprese sott’acqua e la bellezza di 73 edifici.

Durante gli anni, a Cinecittà sono stati girati migliaia di film, 47 dei quali hanno vinto il premio Oscar. Dai grandi colossal degli anni ’50 ai film di Fellini, fino a quelli dei registi più in voga del momento, attratti dal passato glorioso degli studios e dal fascino della città eterna.

Guardiamo insieme i 10 film più belli girati nei suoi studi, partendo dal più recente per arrivare al classico dei classici.

 

1) Zoolander 2 (Ben Stiller, 2016)

483b999cd8fbb936df2c9fa642105e99922b21fb

È il sequel del mitico film sul modello più stupido del mondo, quello che ridà vita a Cinecittà, per anni teatro di fiction e reality di bassa lega. E vai con la magnum di Zoolander negli studi più famosi d’Europa.

 

2) Il Divo (Paolo Sorrentino, 2008)

tumblr_nuezea0R531utlio1o1_500

Sorrentino si serve degli studi romani per filmare la vita di Giulio Andreotti, nel suo film sinistro come un thriller grottesco. Il divo Giulio, che amava Roma, da laggiù ringrazia.

 

3) Le avventure acquatiche di Steve Zissou (Wes Anderson, 2004)

tumblr_mi1bni9lU11r5c2fso4_500

Anche Wes Anderson è stato stregato dagli studi della capitale, tanto da filmare in Italia un intero film, quello sulla vita di Steve Zissou, intrepido documentarista di fauna marina e della sua sconclusionata troupe.
4) Gangs of New York (Martin Scorsese, 2002)

tumblr_mczn4zsgLV1qj5kbpo1_500

Certo, in effetti girare Gangs of New York a Roma è come girare Roma città aperta a New York. In ogni caso Scorsese ama il suo paese d’origine e nei suoi studi ha girato i combattimenti tra fazioni rivali, di quando la Grande Mela non era ancora capitale di.
5) Il gladiatore (Ridley Scott, 2000)

tumblr_nw6dfw3Qbn1uv40mlo1_1280

E dove volevi girare le scene di Massimo Decimo Meridio se non a Roma? Beh è vero e falso insieme. Sono stati girati in una succursale di Cinecittà in Marocco e no, ovviamente quello che vedete non è il vero Colosseo.
6) La leggenda del pianista sull’oceano (Giuseppe Tornatore, 1998)

tumblr_mmqtquWul61rx89i2o1_500

Tratto da Baricco, un film poetico e commovente. Girato interamente a Cinecittà, dove è stato costruito anche un settore del piroscafo Virginian, vero set del film.
7) Le avventure del barone di Münchausen (Terry Gilliam, 1988)

giphy-99

Uno dei film più psichedelici e visionari del geniaccio Terry Gilliam, già nei Monty Python. Racconta le imprese settecentesche del Barone e grazie alla sua scenografia costruita a Cinecittà, Dante Ferretti e Francesca Schiavo hanno ricevuto una nomination agli Oscar.
8) Il paziente inglese (Antony Minghella, 1996)

anigif_enhanced-buzz-11471-1394124990-6

Un uomo viene trovato privo di memoria, in fin di vita e viene salvato da un’infermiera. Filmone per quelli che amano i polpettoni amorosi, è stato messo tra i cento migliori film britannici del XX Secolo.
9) La dolce vita (Federico Fellini, 1960)

tumblr_mjr6j4eawC1rij4pzo1_500

Federico Fellini è stato un habitué degli studios romani, vi ha girato tra gli altri Amarcord e 8 e 1/2. Per quanto riguarda La dolce vita, be’, l’avrete senz’altro visto 800 volte come noi. Vero?
10) Ben Hur (William Wyler, 1959)

Ben-Hur-gif

Quando uno pensa a un kolossal di quelli con tantissime comparse, animali, palazzi e di tutto un po’, viene subito in mente Ben Hur. Le riprese del film durarono un anno intero e monopolizzarono Cinecittà. Ha vinto solo 11 Oscar e per il suo remake girato lo scorso anno, sono stati scelti gli ampi spazi di Cinecittà World.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >