Dark Serie netflix
TV e Cinema
di Eva Cabras 4 Dicembre 2017

Dark non è la Stranger Things tedesca

Dark è la nuova serie di Netflix, direttamente dalla Germania, ed è oscura proprio come il titolo suggerisce

 

Un impermeabile giallo, un gruppo di ragazzi che vagano in un bosco buio, gli anni ’80, esperimenti segreti e misteriose scomparse. L’ultima produzione originale Netflix non statunitense sembra seguire l’esempio della retromania di It e Stranger Things, ma in Dark c’è molto di più. Le 10 puntate, ideate da Baran bo Odar e Jantje Friese, arrivano dalla Germania e hanno uno stile genuinamente tedesco, pur riuscendo a collocarlo in un racconto complesso, esoterico e fantascientifico come nessuno degli altri show europei.

Pensiamo alla ricostruzione storica di The Crown, al realismo politico di Suburra e mettiamoli un attimo da parte. L’operazione fatta con Dark ci riporta più alla fascinazione incredula di The OA, perché comunque parla di viaggi nel tempo e richiede tutta l’attenzione di cui siete capaci, anche soltanto per ricordare i nomi dei moltissimi personaggi chiave.

 

Dark Netflix

 

La tranquilla cittadina tedesca di Winden vive all’ombra della sua centrale nucleare. È il 2019 e una serie di ragazzi scomparsi nel nulla getta la popolazione nel panico, come già era accaduto 33 anni prima. Se nell’arco delle prime puntate Dark può sembrare una confortante serie crime di stampo classico, la sua evoluzione narrativa non tarda a schiaffeggiarci con un fitto reticolo di rimandi interni, di parentele e ricordi, perché, come ci comunica nei primi minuti un’anonima voce fuori campo, “ogni cosa è collegata“.

 

Dark Netflix

 

Man mano che vengono a galla i segreti sepolti nel passato dei protagonisti e delle loro famiglie, il filo della storia si frammenta nello spazio e nel tempo, seguendo un binario triplice che collega passato, presente e futuro in un loop inesorabile. La centrale nucleare svetta nel grigiore a ricordare ferite recenti e paure sopite, mentre i personaggi si muovono alla cieca tra rancore, senso di colpa, lutto e smarrimento.

L’oscurità annunciata già dal titolo sembra opprimere Winden con una pioggia incessante, con i colori freddi della nebbia, della terra e delle foglie in decomposizione. C’è del marcio a Winden e c’è chi ne ha fatto il proprio parco giochi. Di nuovo, niente a che vedere con la Hawkins Lab di Stranger Things. Gli esperimenti ci sono, ma chi li porta avanti non è il cattivone banale su cui avevate già scommesso.

 

Dark Netflix

 

Se lo spettro di Chernobyl contribuisce a rimarcare l’anima tedesca di Dark, il suo impianto di rimandi e citazioni ne fanno un perfetto esempio di serialità internazionale odierna. Tra i punti di riferimento, visuali e narrativi, troviamo sicuramente il Twin Peaks di David Lynch, così come Ritorno al Futuro, in una versione però anti-nostalgica dove i protagonisti rivivono un passato doloroso e colpevole, fatto di brutti vestiti, di disagio, di provincia desolata e spleen. Non c’è gioia nel citazionismo di Dark, non ci sono riferimenti pop se non in qualche canzone passata alla radio.

C’è invece il concetto di memoria e rievocazione di Stephen King, largamente omaggiato in diversi aspetti della serie. Il più immediato riferimento è quello a It: l’impermeabile giallo, i ragazzi che scompaiono, il Male in agguato, la ciclicità degli eventi, ma proprio nella ripetizione temporale Dark si scosta da Derry per buttarsi nelle terre desolate della saga della Torre Nera, nel suo buco nero spazio-temporale e nella crudele ineluttabilità del suo fato. Non sarà un viaggio facile, ma darà grandi soddisfazioni.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >