L'angelo della vendetta
TV e Cinema
di Eva Cabras 19 Marzo 2019

Donne e vendetta: 7 film per prepararvi a Peppermint

Da Carrie a Gone Girl, 7 film che parlano di vendetta femminile

Ci sono poche cose che agli americani piacciono più di un buon film sui giustizieri fai-da-te, almeno a giudicare dalla fortuna cinematografica del filone. Liam Neeson praticamente ci ha costruito una carriera, e la sua interpretazione dell’arrabbiatissimo Bryan Mills di Taken (Io vi troverò) è ormai un classico dell’action movie. Il regista del primo capitolo della trilogia, Pierre Morel, ha deciso però che era arrivato il momento per introdurre una variazione sul tema: a corrucciarsi e tramare nell’ombra stavolta sarà una donna, Jennifer Garner nello specifico.

Peppermint – L’angelo della vendetta arriverà in sala il 21 marzo e promette esattamente ciò che ci si aspetta da un film dove la protagonista vendica l’assassinio della propria famiglia dopo essere stata delusa dal sistema giudiziario statunitense, ovvero, azione e cattiveria, brutalità e risentimento, tutto l’arsenale di arroganza del perfetto cittadino che prende nelle proprie mani la legge. Per quanto riguarda il binomio donna-vendetta, il film di Morel può contare su precursori illustri di epoche e generi diversi, che hanno aiutato a ridefinire nel tempo gli standard della rappresentazione femminile. Addio pulzelle bisognose, largo alle giustiziere rabbiose.

Kill Bill (2003)

Uma Thurman

Impossibile non partire da uno dei film più rappresentativi del filone. La sposa assetata di sangue creata da Quentin Tarantino con l’interpretazione di Uma Thurman è una delle versioni della vendetta al femminile che più ha impattato sulla Storia del cinema, probabilmente perché è anche il titolo più pop. Oltre alla classica estetica del suo regista, Kill Bill ha sfruttato a pieno tutte le possibilità del film d’azione, contaminandolo e plasmandolo pur conservandone la spettacolarità visiva e il ritmo. Una protagonista complessa, totalmente dedicata alla propria missione, mortale e potente al limite del supereroismo fa il resto con stile.

Carrie – Lo sguardo di Satana (1976)

Sissy Spacek

Il meraviglioso adattamento del romanzo di Stephen King per mano di Brian De Palma si guadagna un posto tra i film sulla vendetta femminile con una manciata di minuti sul finale. A Carrie White basta addirittura un pugno di secondi, il tempo di un primissimo piano, per sbaragliare la concorrenza in quanto a furia, rancore e dedizione omicida.

Lady Vendetta (2005)

Park Chan-wook

Il regista Park Chan-wook alla vendetta ha dedicato un’intera trilogia. Una delle sue parti è dominata dal percorso di Geum-ja, che ha trascorso tredici anni della sua vita in carcere per un omicidio commesso dal suo ex amante (nonché insegnante) Baek. Trasformando il suo odio personale in odio collettivo, la protagonista tenta di seppellire contemporaneamente il passato, un uomo terribile e il proprio senso di colpa.

Hard Candy (2005)

Ellen Page

La giovanissima Hayley abborda un uomo più grande attraverso una chat su internet. Augurandosi di diventare una preda, la protagonista si prepara a svelare la propria inattesa missione vendicativa e una ferocia resa sorprendente dall’aspetto innoquo di Ellen Page. Classicone dei ruoli invertiti.

I Spit On Your Grave (1978)

Non violentate Jennifer

Pessimamente tradotto con Non violentate Jennifer, passando da una prima persona incattivita dal dolore a una supplica pacata. Le disavventure in stile exploitation della protagonista segnano uno dei momenti più significativi del genere rape and revenge, sulla scia del violentissimo L’ultima casa a sinistra di Wes Craven, uscito sei anni prima. Data per morta, Jennifer si riprende il tanto che basta per far fuori i suoi stupratori uno a uno, nella maniera più plateale possibile.

Revenge (2017)

Revenge 2017

Un’altra Jennifer viene lasciata mezza morta nel nulla, stavolta è il deserto. Come la sua omonima degli anni ’70, la protagonista del primo rape and revenge scritto e diretto da una donna fronteggia armata di rabbia, fucile e pejote i propri assalitori, più per necessità di sopravvivenza che per vera sete di vendetta. Però, già che c’è. L’approccio femminile a un genere che cadeva spesso nella mera soddisfazione del male gaze è evidente, e anche piuttosto rinfrescante.

Gone Girl (2014)

L'amore bugiardo

David Fincher porta al cinema il sublime romanzo di Gillian Flynn e ci regala la protagonista forse più malvagia e vendicativa di tutte, una che non usa armi o arti marziali, ma il puro potere manipolatorio della propria astuzia rancorosa. Impossibile provare empatia per questa donna composta al 90% di insoddisfazione e astio, una delle poche ad appropriarsi dell’ambiguità morale tanto tipica degli antieroi uomini.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >