TV e Cinema
di Elisabetta Limone 1 Settembre 2016

L’Estate Addosso di Gabriele Muccino è l’incubo peggiore del cinema italiano

L’estate addosso è un film in cui nulla funziona per più di un secondo e mezzo

È stato scritto in ogni modo, quasi fino alla nausea: è stato un anno entusiasmante per il cinema italiano. Film bellissimi  e diversi come Non essere cattivo e Lo chiamavano Jeeg Robot, la commedia al suo massimo con Perfetti sconosciuti e poi uno stuolo di attori e attrici giovani e di grande talento. Segnali importanti, arrivati dopo anni di generale scarsità di idee e qualità, e che hanno ridato slancio a tutto il cinema italiano. Un periodo inaugurato dalla presentazione fuori concorso di Non essere cattivo al Festival di Venezia 2015 e che viene bruscamente interrotto sempre a Venezia, da un altro film. Sì, perché L’estate addosso di Gabriele Muccino è l’ultimo film di cui avrebbe bisogno il cinema italiano in questo momento.

L’estate addosso è l’ennesimo racconto “dell’estate più bella della mia vita”. Protagonisti Marco e Maria, due ragazzi romani che, ottenuta la maturità in una esclusiva scuola internazionale, vanno a farsi un giretto a San Francisco. Non pensate però che siano amici: i due non si sono mai calcolati, ma hanno sfruttato la stessa conoscenza in comune che abita in California e che li ha piazzati a casa di una coppia gay che conosce vagamente. Se le premesse vi sembrano già fumose e improbabili, fate benissimo. Ad ogni modo, i quattro vivranno insieme l’estate che resterà loro “addosso per tutta la vita”, un po’ come l’incredulità attanaglia lo spettatore in sala.

 

piange-doccia  “Sto cercando di togliermi l’estate di dosso, ma non se ne vuole andare”

 

L’estate addosso è un film in cui nulla funziona per più di un secondo e mezzo. Inizia con un lunghissimo voice over che infila banalità e luoghi comuni con imbarazzante noncuranza e prosegue come un gigantesco “facciamo che”: più che una sceneggiatura, si assiste a uno di quei giochi in cui i bambini si immaginano di essere medici o esploratori. In questo caso Muccino, anche sceneggiatore con Dale Nall, ha immaginato di essere un ragazzo nel 2016, senza nessuno scrupolo di verosimiglianza. Un distacco totale della realtà, che potrebbe essere testimoniato da mille dettagli, ma che preferisco ricondurre a un elemento in apparenza minore, una delle immagini finali, in cui Marco viene definito come universitario da un maglione peruviano a grana grossa e da un pizzetto. Elementi che probabilmente andavano bene ai tempi di Come te nessuno mai, ma che oggi non fanno altro che sottolineare la distanza tra regista e tema del racconto.

Come se non bastasse, a L’estate addosso mancano anche gli elementi base. Per dire, è un film che non sa nemmeno quali siano i propri protagonisti: all’inizio si pensa che sia Marco, poi si capisce che lo è anche Maria, poi però arrivano in primissimo piano i due amici di San Francisco al centro di una lunga digressione che nulla aggiunge se non una sottotrama da soap opera poco originale, poi Marco viene completamente perso, poi ritorna protagonista. Poi, poi, poi, in una successione di scenette scritte male in cui si cerca di dare un senso di coralità a una pellicola che non può esserlo, perché non ha una storia da raccontare, figurarsi più di una.

 

urlano  “AAAAAAAH! Mi sento già meglio”

 

In fin dei conti, anche volendo tapparsi le orecchie su dialoghi e voice over, anche volendo superare l’istintivo fastidio che si prova per tutti i personaggi che si vedono sullo schermo (cani compresi), il problema che non si può cancellare è che in questo film non c’è una trama, non c’è uno sviluppo e soprattutto non ci sono conseguenze. Le cose accadono, senza che nulla le provochi e senza che portino a degli effetti: non c’è costruzione drammatica, non c’è scrittura dei personaggi. Basti pensare a Maria: presentata come omofoba bacchettona per tre quarti del film, subisce una trasformazione radicale dopo uno shot di tequila che le cambia la vita. Un film che ha la profondità di un bicchierino da chupito, in cui basta urlare nel vuoto per ritrovare se stessi, attraversato da un moralismo bigotto che dipinge il sesso come spettro in grado di rovinare tutto.

Un incubo, da dimenticare in fretta.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >