TV e Cinema
di Marco Villa 18 Luglio 2017

Game of Thrones è tornata e ha mandato tutti a casa un’altra volta

Donne al centro dell’azione e una conferma: come Game of Thrones non ce n’è

<strong>.</strong>  .

ATTENZIONE: SPOILER SULLA PRIMA PUNTATA DELLA SETTIMA STAGIONE

 

Quattro minuti. È questo il tempo che passa tra l’effetto di disturbo visivo che anticipa l’ingresso del logo HBO e l’inizio della ormai leggendaria sigla di Game of Thrones. Quattro minuti che ricordano a tutti perché l’attesa per la settima stagione è stata così lunga e perché la giornata di ieri è iniziata con gente in piedi alle 3 di notte, per concludersi con altra gente che correva a casa per vedere la fatidica season premiere. Quattro minuti che mandano tutti a casa, perché questa potenza narrativa non ce l’ha nessun’altra serie. Non ancora, almeno.

 

 

Come sempre in Game of Thrones (in onda su Sky Atlantic HD), i momenti più forti e importanti coincidono con una strage: da ormai sette anni, la violenza è il modo in cui David Benioff e D.B. Weiss creano i punti nodali della loro serie tv capolavoro e anche questa volta non cambiano strategia. Arya continua nel suo percorso da vendicatrice mascherata, ammazzando in una volta decine di persone leali a Walder Fry, quel Walder Fry che aveva già accoppato nella stagione scorsa dopo avergli fatto mangiare i figli. Così, giusto per riassumere le ultime tappe della crescita della protagonista più piccola di Game of Thrones.

 

 

Tanta azione e morte in pochi minuti, seguita da quasi un’ora in cui all’apparenza sembra non succedere nulla, ma in realtà vengono portate avanti tutte le storyline aperte. Come spesso accade in Game of Thrones, gli avanzamenti di una storia coincidono con degli spostamenti fisici: se l’arrivo di Khaleesi sulla terra di Westeros, con tanto di impronta della mano nella sabbia, è la gran chiusura di puntata, non meno importante è l’arrivo di Bran alla barriera.

A naso, sarà lui, insieme a Sam Tarly a poter dare a Jon Snow e al suo esercito la botta necessaria per affrontare gli Estranei. A proposito: da applausi la sequenza che racconta la vita quotidiana di Sam Tarly in maniera nevrotica e potentissima. In mezzo c’è il Mastino sempre più umano (nei limiti del possibile), Sansa che non vuole più rinunciare a stare al centro della scena e Cersei per la prima volta ha davvero in mano il potere, senza più mariti o figli a farle da schermo.

 

 

Da questo piccolo excursus appare evidente quanto le donne siano diventate il centro della serie: tutta l’azione e la politica passa per le loro mani e per le loro decisioni e l’impressione è che saranno sempre più importanti e cruciali. Un cambio netto, per una serie iniziata a traino esclusivamente maschile e più volte attaccata per come trattava i personaggi femminili. Bene così.

Al primo episodio di Game of Thrones, insomma, non manca niente: c’è l’azione, c’è il sangue, soprattutto c’è un avanzamento di tutta la trama. E qui sta il vero cuore della serie, il motivo per cui la sua epica ha contagiato anche chi non è avvezzo a questi mondi. Game of Thrones è una serie in cui le cose si muovono anche quando sembrano ferme, è un processo di accerchiamento continuo e inarrestabile. E sì, manda tutti a casa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >