gianfranco funari biografia

Gianfranco Funari è vivo, noi siamo morti

Croupier, autore, showman, ma soprattutto visionario profeta dei populismi di Beppe Grillo e del M5S. E di quel che sarebbe diventata l’Italia di oggi

gianfranco funari biografia  Dettaglio della copertina di A bocca piena, Milano, SugarCo, 1988

 

Avrebbe 85 anni oggi, Gianfranco Funari: leggenda della tv italiana, una vita di “damm’a ddue“, “strigni“, di “damm’a a quattro“, una vita imitata da Corrado Guzzanti per esempio – e non c’è niente come la parodia a timbrare la penetrazione nell’immaginario – ma in senso stretto una vita inimitabile.

Una vita spettacolare nell’accezione più estesa del termine.

 

 

 

Gianfranco Funari – val sempre la pena di ricordarlo – vanta una biografia romanzesca, limonoviana quasi: “prima pugile, poi rappresentante, quindi croupier per un gangster a Bangkok e cabarettista. Infine (…) la televisione. Alla fine degli anni Settanta su Telemontecarlo con “Torti in faccia” che sbocciò in “Aboccaperta”. Poi la Rai. Funari aveva già 52 anni“.

A proposito del suo ingresso nella tv di Stato disse: “Raidue mi chiamò per risolvere un problema: aveva più dirigenti che telespettatori“. Funzionò fin troppo bene.

Funzionò a tal punto che la tv tra gli anni ’80 e ’90 è stata per Funari quello che internet è stato per Beppe Grillo tra gli anni ’00 e ’10.

Solo che Funari è stato più intelligente del comico genovese e ha evitato – o gli hanno fatto evitare… – di capitalizzare in politica quello che il medium televisivo gli aveva dato in termini di consensi e popolarità.

 

https://www.youtube.com/watch?v=U-k3NCpmxsE

 

Sì, perché c’è stato un periodo in cui Funari – tribuno populista dalla parte dei più deboli, dei tartassati, di quelli che “non hanno santi in Paradiso”, quelli che spesso avrebbero generato figli ben più che delle stelle: bensì del Movimento 5 Stelle – ecco, un periodo in cui Funari era davvero un potenziale leader carismatico. Era il leader di un movimento che ancora non esisteva, ma ribolliva, doveva solo andare a coagularsi e tempo 10, 15 anni sarebbe stato pronto in tavola il M5S.

Aldo Grasso, alla morte di Funari nel 2008 scrisse: “Come un nuovo Bertoldo, ben prima di Beppe Grillo (…) Funari si è vissuto come il fondatore di una nuova religione catodica“. Oggi viviamo quindi nell’epoca dei primi cristiani, funariani-grillisti, come fossimo nel 10, nel 15 d.C..

Ed è difficile negare che il brodo di questi anni, di oggi – del 2017 – l’abbia messo a bollire col dado Funari, che era lì in cucina ben prima di Grillo, ancora prima della “discesa in campo” berlusconiana, o dell’esplosione della Lega Nord dei primi anni ’90. Va detto però che con la politica Funari fece un tentativo, nel 1997, esattamente 20 anni fa: con la Lista Funari alle elezioni comunali di Milano.

A quanto scritto nella sua biografia postuma la sua candidatura svaporò a causa di un ricatto: “Ricevetti pressioni su chi avrei dovuto mettere in consiglio. E fui ricattato (…) Avevo un’amante. Era moglie di un ministro e amava scrivermi lettere d’amore. Durante la campagna elettorale trovai le fotocopie di tutte le lettere sul mio tavolo. Qualcuno mi stava chiedendo di togliermi di mezzo. Pagai un riscatto per avere gli originali“. Più Ellroy che Carrère.

Sempre in quel periodo Funari precisò al Corriere Della Sera a proposito di una favoleggiata sua visita da Bettino Craxi ad Hammamet: ““Bettino mi ha promesso quei 30.000-40.000 voti che controlla”, la notizia è però smentita da persone vicino a Bettino. Parlò sempre in quel periodo di una violentissima pressione cui era stato sottoposto per rinunciare alla candidatura, probabilmente il ricatto svelato anni dopo nella biografia.

Già cinque anni prima del 1997 però – nel 1992 di Tangentopoli, in cui Stefano Accorsi aveva 21 anni – Luigi Manconi ricordava un sondaggio del, ai tempi PDS, oggi PD: “Era il 1992 e un sondaggio condotto tra i militanti del Partito democratico della sinistra (PDS) su chi fosse la personalità che meglio interpretasse “le aspirazioni al cambiamento”, offrì risultati sorprendenti. In testa alla classifica svettava l’ex democristiano Mario Segni, che precedeva Nilde Iotti; terzo Gianfranco Funari e solo al quarto e quinto posto Achille Occhetto e Massimo D’Alema“.

Non solo. In un’epoca di profondità di dibattito impensabile per oggi Manconi intrecciò la penna proprio a proposito di quel sondaggio con Norberto Bobbio sulle colonne de La Stampa.

Prosegue Manconi, sempre nel pezzo uscito sul Foglio: Nel mio editoriale scrivevo: “È l’ultimo segnale dell’avvenuta trasformazione in senso populista della politica italiana”. Pensate: un quarto di secolo fa potevamo parlare di “ultimo segnale” (…) Tra le cause del diffondersi di uno “stile populista” si citava “l’avvenuta integrazione tra sistema dell’informazione (…) e sistema politico”. E, a proposito di quest’ultimo fattore (…) “la lingua domestica, gastronomica e stercoraria di Gianfranco Funari” (…) la tendenza del sistema politico, già allora prevalente, era quella alla “funarizzazione” (…) Oppure, per esempio, un quarto di secolo dopo, un Funari più callido come è, a ben vedere, Beppe Grillo“.

In questo senso pare difficile negare che Gianfranco Funari sia vivo, mentre noi siamo morti; o quantomeno morituri.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >