TV e Cinema
di Mattia Nesto 30 Maggio 2019

Godzilla II King of the Monster: mostri troppo umani, umani troppo mostruosamente cretini

Il nuovo capitolo del MonsterVerse prodotto dalla Warner Bros è tamarro e spettacolare ma con poca ciccia

Sì ok, visivamente ci siamo e pure tanto. Quando in Godzilla King of the Monster fa il suo trionfale ingresso Ghidorah , il colossale drago alato e dorato a tre teste, con le sembianze dell’angelo sterminatore della tradizione biblico-apocalittica è chiaro che l’appassionato di kaijū, ovvero i mostroni di matrice giapponese per intenderci, che è in noi non possa che fare festa, specie se si prospetta il più classico degli “uno vs uno” contro Godzilla, il nostro lucertolone atomico preferito.

Eppure da salvare di questo Godzilla II King of the Monster non è che ci siano gran che d’altro visto che il film diretto da Michael Dougherty si caratterizza per una coerenza delle scelte dei protagonisti a dir poco bizzarra se non al limite dell’ottusità. Già perché se i kaijū, ormai vera e propria realtà di fatto sulla Terra dopo la comparsa, nei precedenti due film del monsterverso, di, giustappunto, Godzilla e di King Kong, si comportano in modo più o meno “assennato”, con obiettivi chiari e specifici (cacciare, riprodursi e prosperare su un pianeta che, dopo milioni di anni, finalmente potranno rifare loro) sono gli esseri umani a comportarsi in modo del tutto (o quasi) irrazionale.

Tutto infatti ruota attorno alla famiglia Russel, formata dal padre Mark (interpretato da Kyle Chandler , dalla moglie Emma (che potremo definire “miss ambiguità e cambio idea come una banderuola” interpretata da Vera Farmiga) e dalla loro figlia Madison (Millie Bobby Brown di Stranger Things che quando grida e stringe i pugni pare essere in grado di scatenare i poteri di El, cosa che purtroppo non succede mai). I due genitori, ormai separati, hanno lavorato o collaborano ancora come con la Monarch, l’ex agenzia super-segreta, ormai alla conoscenza di tutti specialmente dopo i fatti di San Francisco in cui due bacarozzi dalle dimensioni di grattacieli e il “nostro” Godzilla hanno distrutto l’intera città. Il compito della Monarch è quello di studiare e cercare di neutralizzare pacificamente i kaijū sparsi nel mondo (“se ne contano diciassette ma forse di più”, stando a quanto si dice nel film).

Peccato che tra scienziati dalle menti geniali, agenzie internazionali guidate dalle menti più illuminate sulla Terra, politici, Presidenti di Stati e, ovviamente, generali e ammiragli delle forze armate, non ci sia uno che ragiona in modo sensato. O per lo meno senza cambiare idea ogni, fottuti, cinque minuti. Prima, come abbiamo detto, si vogliono “contenere” i mostri cercando di studiarli e analizzarli senza fare loro del male. E allora si inventa una macchina, chiamata “Orca” che, in qualche misura, riesce a mettersi in comunicazione con loro attraverso dei richiami/segnali acustici. Tuttavia c’è qualcuno che non pensa che la via pacifica sia la strada migliore: infatti, proprio nel momento in cui un bozzolone situato in Cina si schiude dando alla luce Mothra (il bruco/farfalla storico alleato di Godzilla) ecco arrivare un gruppo di ecoterroristi che, decisi a far sì che i mostri si riprendano la Terra perché gli umani hanno troppo sbagliato inquinando e deturpando il pianeta senza sosta (!), rubano il congegno e rapiscono Emma Russel, assieme alla figlia Madison, costringendo la scienziata a risvegliare gli altri mostri dormienti sulla Terra per scatenare l’apocalisse “che riporterà il vero equilibrio e monderò ogni peccato umano”.

Da qui, con una decisioni dissennata dopo l’altra, vedremo i protagonisti passare a volere eliminare i mostri con le classiche testate nucleari, poi a cooperare con Godzilla, poi di nuovo a volere ucciderlo in una continua ambivalenza delle scelte umane che, davvero, ben presto porterà parteggiare senza se e senza ma per uno dei tanti mostroni che affollano ormai la terra: che sia Ghidorah o Godzilla a prevalere poco importa, l’importante è che si dia un taglio a questa stupida razza umana.

Scherzi a parte (ma neppure troppo) il film, specie nella parte finale, riesce a riprendere quota grazie alla titanica battaglia che vede un buon numero di kaijū impegnati in una lotta senza esclusione di colpi con, ovviamente, gran mattatore il “nostro” Godzilla (qui in versione Super Sayan God Super Sayan). A conti fatti quindi, Godzilla II King of the Monster, anche se non aveva alcun tipo di ambizione di esserlo, è un film veramente troppo poco profondo anche per essere un monster-movie, al netto delle scene di combattimento veramente fighissime e epicissime.

E dire che sarebbe bastato, molto semplicemente, una sequenza di uno scontro dopo l’altro tra kaijū per rendere questo film molto meglio di quello che è. Meno umani, più mostri la prossima volta ok?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >