TV e Cinema
di Simone Stefanini 8 Febbraio 2016

15 protagonisti della televisione italiana spariti nel nulla

Da Maurizio Seymandi a Enrico Papi, questi personaggi televisivi un tempo erano famosissimi, poi è giunto l’oblio

papi via

Il mondo della televisione è un meccanismo micidiale che ti fa diventare famoso in un attimo e altrettanto facilmente ti rispedisce nell’oblio. In qualunque epoca siate nati, avrete vissuto un sacco di tempo con i vostri idoli catodici, per poi vederli scomparire nel nulla o ricomparire dopo anni in oscurissime televisioni private a vendere robe che bisogna affrettarsi perché sono in saldo solo per questa settimana.

È il vostro momento per dire “Ma guarda lui, che fine ha fatto?”, che è un po’ la cartina tornasole del fatto che stiamo invecchiando. Ma non deprimetevi, c’è chi se la passa peggio di voi.

SPOILER:

Giorgio Mastrota non c’è. Lui sta sempre lì, ad aspettare che finisca l’offerta di Mondial Casa. Sigla:

15) Francesco Boni

Il signore delle televendite di quadri orribili per 24 ore al giorno su Telemarket. Famoso per la sua R arrotata e per aver presentato alcuni tra i pittori più sfigati di tutti i tempi come novelli Picasso. Corrado Guzzanti gli ha dedicato una parodia meravigliosa nel programma L’Ottavo Nano, in cui spesso compariva il pittore fittizio Staccolanana. Oggi Francesco vende sempre arte su Elite Shopping TV, una televisione che per trovarla sul digitale ci vuole Indiana Jones.

 

14) Sammy Barbot

Non ci dite che non ve lo ricordate. Dalla sua pagina Wikipedia scopriamo che “È conosciuto al grande pubblico come il nero dagli occhi tristi”. Vabbè, in ogni caso Sammy, per quelli un po’ più attempati rappresentava il nuovo che avanza in Rai, presentatore dei mitici programmi per ragazzi Piccolo Slam e Happy Circus, i primi programmi con la Hit Parade sul finire degli anni ’70. Cantante e ballerino francese, oggi è sparito dalle scene, salvo qualche apparizione a Quelli che il calcio.

 

13) Corrado Tedeschi

corrado-tedeschi-teatro-milano via

Ah, quanto è bravo Corrado Tedeschi. Ah quanto è professionale, è anche un bell’uomo, di quelli che ci si può fidare. Un volto che piace alle nonne e alle milf, con il suo savoir faire e dopo aver condotto su Mediaset e sulla Rai, da Miss Italia al Gioco delle Coppie, è già un po’ che non lo si vede più in giro. Sarà perché alla tv preferisce il teatro ed è una gran fortuna, visto che l’ultima sua apparizione l’ha fatta in quella tv triste che era Vero Capri, insieme ai suoi colleghi dimenticati.

 

12) Patrizia Rossetti

patriziarossettifanclub132 via

La regina delle telenovelas che andavano in onda su Rete 4, quelle da quattordici milioni di puntate tipo Sentieri, Febbre d’amore e compagnia. L’equivalente umano di un romanzo Harmony, ad uso e consumo delle signore sole munite di gatti, alle quali poi è passata a vendere pentole con Giorgio Mastrota. Ci ha provato anche col teatro e con la partecipazione al reality La fattoria nel 2005. Poi poco altro.

 

11) Maurizio Seymandi

Il volto di Superclassifica Show, quello che veniva presentato dal dj con la mirror ball al posto della testa. Ha inventato la hit parare e l’ha condotta per quasi 20 anni, dal ’77 al ’95, poi la discografia è entrata in crisi e lui è tornato alla radio e ha detto addio al Supertelegattone, miao. Avvistato recentemente, è parruccatissimo.

 

10) Susanna Messaggio

susanna-messaggio-primo-piano-e1404810650873 via

La valletta per eccellenza, ha iniziato con Enzo Tortora a Portobello nell’82 per poi affiancare Mike Bongiorno in Telemike, Superflash, Bis, Azzurro, ecc. ecc. Bella, brava e pure molto intelligente, è psicopedagogista e ha scritto su molte testate tra cui Il Giorno e Il Corriere della Sera. Ora le vallette sono ben meno istruite.

 

10) Ettore Andenna

64cc5e9c-2f4c-449c-8418-04a974dc0b10 via

Il volto e la voce di Giochi senza Frontiere, di cui ha condotto 12 edizioni tra estive e invernali. Un campionato europeo di sfide impossibili, in cui a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 abbiamo conosciuto meglio le nazioni nostre cugine per poi odiarle a morte durante il gioco. Dopo anni di buio, Ettore ha recentemente annunciato che Giochi senza Frontiere tornerà. Alé.

 

9) Enrica Bonaccorti

BUONACCORTI-NON-E-LA-RAI via

Nonostante abbia scritto il testo di La lontananza di Domenico Modugno e sia stata una valente attrice di teatro (oltre ad aver posato nuda per Playboy), è famosa al grande pubblico soprattutto come conduttrice dei programmi come Non è la Rai, Pronto chi gioca? e Ciao Enrica. Dal 1992 si è voluta prendere un periodo di pausa che dura piuttosto a lungo. Celebre la sua litigata con una concorrente, uno dei momenti d’imbarazzo televisivo più famosi d’Italia.

 

8) Federico Fazzuoli

3-1 via

L’idolo di mio nonno, che stava in campagna e che non si perdeva una puntata di Linea Verde nemmeno con la febbre. Lui, quella trasmissione l’ha fondata e condotta dal 1981 fino al 1993. Col suo baffo e la pelata, vagava per i poderi come uno che ne sa e per questo piaceva tanto agli agricoltori. Oggi, oltre a parlare di campi coltivabili nelle reti minori, produce anche olio e vino.

 

7) Eleonora Brigliadori

eleonora-brigliadori via

Attrice e conduttrice televisiva (Portobello, Azzurro, Fantastico), la Brigliadori oggi come oggi è nota soprattutto per la sua partecipazione al reality l’Isola dei famosi del 2011, in cui si è scoperto che ogni mattina, giusto dopo essersi svegliata, beveva qualche goccia della propria urina perché fa bene a tutto. Com’è ingrata la tv.

 

6) Alessandro Greco

furore-alessandro-greco via

Parlantina sciolta, bravo cantante e stella del programma musicale Furore, in onda su Rai 2 dal ’97 al 2001. Poi è un po’ sparito dalla circolazione, finendo come concorrente a Tale e quale. Un peccato, avrebbe potuto dare di più alla televisione di stato, ma è chiaro, se lo affiancano a Lorena Bianchetti, difficilmente potrà ambire al posto di Carlo Conti.

 

5) Gabriella Golia

1280x720-lWa via

Il volto di Italia Uno, l’annunciatrice che per eccellenza. Quella che da piccoli ci comunicava il filmone delle 20.30 oppure l’orario di Deejay Television. Ha anche presentato Vota la voce con Gerry Scotti per poi essere stata vittima di mobbing proprio dalla rete che l’aveva lanciata, il tutto perché era rimasta incinta. Gabriella, siamo tutti con te.

 

4) Marco Predolin

MARCO PREDOLIN 1984 via

Occhi di ghiaccio, baffo biondo e ricciolo ribelle. La faccia da Casanova con la quale presentava tutti i programmi per fidanzati delle reti Mediaset: M’ama non m’ama, Il gioco delle coppie e Passiamo la notte insieme. Poi è sparito del tutto dagli schermi televisivi per tornare nel 2004 come concorrente del reality La talpa. C’ha provato anche in politica dando il sostegno a Letizia Moratti e prendendo 13 voti in tutto.

 

3) Heather Parisi

La ballerina tv per antonomasia, prima ancora della Cuccarini. Americana di Los Angeles, ha lavorato nella tv italiana dagli anni ’70 ai ’90 senza mai aver imparato a pronunciare bene la nostra lingua, ma pazienza. Le sue gambe erano talmente snodate da lasciare il pubblico da casa a bocca aperta e le sue canzoni, tipo Cicale, Disco bambina o Crilù sono diventate iconiche, specialmente nelle disco gay. È diventata di nuovo madre a cinquant’anni e ora sembra viva a Hong Kong con l’imprenditore Umberto Maria Anzolin.

 

2) Marco Columbro

640x360_C_2_video_250107_videoThumbnail via

Baffi, sorriso sornione e papillon. Ecco Marco Columbro, uno dei più famosi presentatori italiani degli anni ’80, con i programmi Tra moglie e marito e Paperissima, insieme alla Cuccarini. Purtroppo la sua attività si è interrotta a causa di un aneurisma cerebrale nel 2001, ma si è ripreso e ora è spesso ospite di programmi Rai e Mediaset. Oltre ad essere un bravo attore di teatro, è anche un seguace della dottrina mistica dei maestri buddisti.

 

1) Enrico Papi

RLR3MZ8 via

Il capo incontrastato dell’ignoranza televisiva. Prego si legga il termine in maniera positiva. Ha condotto La pupa e il secchione, Matricole & meteore (che ironia) e soprattutto Sarabanda dal 97 al 2004, in cui ha fatto cantare tutta Italia insieme ai campioni improbabili, diventati famosi come le star del wrestling. E poi cos’è successo?, si chiederebbero i Tiromancino. È stato indagato un paio di volte per irregolarità varie nei suoi programmi e ha fatto una colossale figura di merda nel 2001, al Dopofestival, con la funzionaria del Consolato Generale d’Italia a Buenos Aires. Per l’accaduto, la first lady del tempo Franca Ciampi si scusò ufficialmente appellandolo come “cretino”. Ci manca da impazzire: ma niente paura, dal 20 febbraio parteciperà come concorrente a Ballando con le stelle su Rai 1.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >