Il calcio e la rivoluzione digitale

Il modello Netflix può funzionare apllicato al calcio? Un’analisi dei pro e contro del passaggio a DAZN delle Seria A, augurandosi che la prima passione degli italiani possa essere il traino per una rivoluzione digitale mai avvenuta.

La posizione eretta ha comportato la perdita della pelliccia che ci ricopriva quando eravamo ancora primati, lo sviluppo del linguaggio, una modifica della mascella, ora più adatta a proferir parola che a masticare carni crude. La storia del progresso è antica come l’uomo, anche a livello sociologico, si è sempre basata sull’assunto del rapporto costo-benefici. Ogni cambiamento, per quanto in meglio, necessità un salto nel vuoto, ogni passo verso l’evoluzione comporta l’abbandono di una tradizione cui, volenti o nolenti, eravamo affezionati.

Ragionassimo così saremo ancora relegati all’immaginario dei nostri nonni, all’epopea delle imprese di Mazzola e Rivera contra la Germania, rese leggendarie dal racconto in radio di Enrico Ameri, epiche, in un’ideale prosecuzione della cultura orale omerica.  E cosa c’entra tutto questo preambolo col calcio. C’entra, perché a tener banco negli ultimi giorni, più di ogni discussione sul vaccino, più delle rivolte in Myanmar e qualsiasi gossip sull’Isola dei Famosi, è la questione dei diritti televisivi. Un passaggio che, senza esagerare, potrà rivelarsi fondamentale per il futuro della Seria A ma anche, e soprattutto, per quello della nostra nazione.

 

Partiamo riassumendo brevemente la situazione. I diritti televisivi delle partite di calcio sono venduti per pacchetti annuali. Dal prossimo anno, per il triennio 2021-2024, la Serie A, che per 18 anni era stata partner di Sky, passerà a DAZN che si è accaparrata i diritti di 7 partite per turno su 10 per una cifra folle, invertendo i rapporti di poter col colosso americano della pay tv. Per le squadre più grandi che partecipano a diverse competizioni, la spartizione dei diritti sulle varie piattaforme si concretizza in un maggior introito, necessario per competere con le realtà inglesi e quindi potere pagare gli stipendi di calciatori che aumento l’appeal del campionato. D’altro canto, gli abbonati tifosi delle big del campionato (almeno 20 milioni di persone considerano solo i primi 4 team) per seguire la propria squadra su più fronti saranno costretti a pagare almeno due abbonamenti. Più il canone Rai, sulla quale si disputa la Coppa Italia, in attesa di ulteriori aggiornamenti sulle dispute legali tra Sky e DAZN che potrebbero prevedere un intervento di Amazon e Mediaset.

 

E poi ovviamente serve una connessione internet, possibilmente decente. E ora che DAZN si appresta a diventare la prima piattaforma italiana per quanto riguarda il calcio, non può più permettersi i disservizi ed i ritardi nello streaming che ne hanno caratterizzato il debutto (motivo per il quale si è rivolta a Tim, che ha in Vivendi uno dei suoi azionisti di maggioranza, proprio come Mediaset). Se da una parte, con la chiusura degli stadi, era logico aspettarsi un rincaro degli abbonamenti televisivi, dall’altra DAZN ha promesso quello che un colosso del digitale dovrebbe promettere: una maggiore accessibilità sia a livello tecnico che di costi. La spartizione dei diritti televisivi e l’esportabilità del campionato sono temi che, negli ultimi anni, hanno mutato fortemente l’aspetto della Seria A, a partire dalla distribuzione “a spezzatino” delle partite che si svolgono dal venerdì al lunedì seguendo, com’è noto, il modello inglese. Un espediente che, oltre a togliere gran parte del pathos, incide ulteriormente sulle tasche degli abbonati che spesso non possono recarsi allo stadio per motivi lavorativi. Se da un lato la società di Blavatnik triplicherà il prezzo dell’abbonamento (in corrispettivo con la nuova gamma d’offerta più varia), dall’altro non è dato sapere se Sky ridurrà il costo del suo (plausibilmente tenterà di integrare il pacchetto con nuove discipline). Le competizioni infatti sono molte -Seria A, Champions ed Europa League, i campionati esteri, quest’anno gli Europei e il prossimo i mondiali-, una situazione che costringe tutti gli utenti ad un complicato Tetris per scegliere l’abbonamento più adatto alle proprie esigenze. Una panoramica che diventa ancor più complessa dovessimo tener conto di tutti gli altri sport (Formula 1, Moto Gp, NBA, UFC e chi più ne ha più ne metta). Il “modello Netflix” può funzionare applicato agli sport, e quindi ad eventi di natura nazional popolare ed estremamente legati alla fruizione dal vivo? Certo, quando, proprio come la televisione ha fatto con la radio, anche internet in Italia avrà raggiunto la diffusione delle parabole e dei decoder. Quella del digitale è una rivoluzione che corre di pari passo con la battaglia ai contanti, negli strati più anziani della società, dimostra tutta l’inadeguatezza della nostra nazione.

Diletta Leotta alla Dacia Arena www.kikapress.com Diletta Leotta alla Dacia Arena

Vi siete mai chiesti perché il primo lockdown è stato il più pesante? Perché si era fermato anche il calcio. Che voi siate tifosi o meno, la stasi del campionato era il primo sintomo dell’immobilità di tutto il Paese. Il calcio influisce prepotentemente in diversi strati della società, e non è un caso che Margaret Thatcher abbia iniziato la sua rivoluzione politica proprio ripulendo gli stadi, impostando, già negli anni 90, le basi per il modello della Premier League che da almeno un decennio – senza avere i soldi, gli strumenti, gli stadi e, in questo caso, la fibra ottica- proviamo a imitare. Come sarà il nuovo palinsesto? Dovremmo abituarci a vedere (ancora) più spesso Diletta Leotta? Come cambierà la fruizione del post partita? Quella di DAZN è una rivoluzione che renderà il calcio più accessibile o l’ennesimo tentativo di svilire la componente popolare e pittoresca di questo sport per trasformarlo in una moda sempre più borghese, redditizia e dedita esclusivamente all’ambito domestico? Lo scopriremo solo col tempo (ma se non avete soldi potete continuare a godervi le partite con la lavagnetta di QSVS).

Nel mio paese, un comune di poco più di 5000 abitanti nell’avanzatissima e ricca Brianza, la fibra doveva arrivare da almeno 3 anni. I lavori per la posa dei cavi non hanno fatto altro che interrompere a più riprese la già scarsa connessione di un servizio che non è mai partito. Nell’anno in cui la necessità del lavoro da casa il tema del south-working è tornato a spopolare, sono pronto a scommettere il calcio sia la scintilla necessaria a far scattare la tanto agognata rivoluzione digitale. Un lag mentre la professoressa parla durante la lezione in DAD non ha mai fatto male a nessuno, ma non oso immaginare cosa potrebbe succedere si dovesse bloccare lo streaming durante il rigore decisivo dell’Italia agli Europei…

Italia e Francia nella finale degli Europei del 2000 it.wikipedia.org Italia e Francia nella finale degli Europei del 2000

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >