mivar carlo vichi samsung

Breve storia della Mivar, la tv del passato uccisa dal futuro

Gli stabilimenti regalati a Samsung? Una boutade: ma anche l’amaro crepuscolo di un pezzo dell’Italia del boom economico

mivar carlo vichi samsung Mivar.it

 

Nei salotti, nelle cucine, nelle camere da letto degli italiani dagli anni ’60 in poi c’è stato spesso un televisore italiano. Era un economico e affidabile tv Mivar a tubo catodico, che la MIlano Vichi Apparecchi Radio produceva in Italia: prima a Milano, poi ad Abbiategrasso, due passi dalla metropoli.

Almeno dal 2013 la Mivar è un’azienda finita, nostalgico simbolo di un’industria semi-autarchica d’altri tempi spazzata via dall’incapacità di aggiornarsi e dallo tsunami giunto dai nuovi mercati e dalla globalizzazione.

Già nel 2014 il fondatore dell’azienda – che forse apprezzerebbe più un termine fané come “ditta” – Carlo Vichi, aveva offerto praticamente in regalo una fabbrica della Mivar, ma ponendo condizioni fuori dal tempo, da ventennio fascista: “Se una società di provata serietà accetta di fare televisori in Italia, io gli offro la mia nuova fabbrica, pronta e mai usata, gratis. Non voglio un centesimo. Ma chiedo che assuma mille e duecento italiani, abbiatensi, milanesi. Questo chiedo. Veder sorridere di nuovo la mia gente” disse.

Di Mivar si sta riparlando in questi giorni, tre anni dopo, soprattutto per l’annuncio in home page sul sito Mivar, in cui in tono ormai supplicante si legge: “Signori Imprenditori asiatici, siete gli unici costruttori della componentistica elettronica. Venite a rendervi conto dei vantaggi che potreste avere assemblando in Italia 3 milioni all’anno dei vostri televisori, la Mivar vi concederebbe l’uso gratuito di un complesso industriale unico al mondo in provincia di Milano, come pure il supporto necessario a una vostra presenza in Italia. Il governo stesso darà il benvenuto a una Industria costruttrice di televisori. Signor Presidente della  Samsung, mandi un suo incaricato a verificare personalmente come stanno le cose, non le costerà nulla“.

Sono parole di Carlo Vichi – anche se non firmate: di chi se non sue? – ed è difficile non immaginarle, non sentirle pronunciate da lui, fascistissimo self made man oggi 94enne, padre padrone di un’azienda di televisori nata dal nulla negli anni ’50.

Un’azienda anomala, un unicum nell’industria dell’elettronica di consumo Made in Italy che arrivò nel 1988 a fatturare 176 miliardi di lire e produrre 300mila tv a colori e 60mila in bianco e nero e toccare i 240 miliardi di fatturato e 700 dipendenti nel 1994 quando a proposito di Vichi si leggeva su Repubblica: “Autodidatta (“niente libri mi sono formato sulla Settimana Enigmistica”) contrario all’export (“meglio riconquistare posizioni in patria”) Vichi è un provocatore nato. Dice: “In Italia i manager si sono addormentati, si sono adattati al concetto di Dolce Vita, lavorano poco. Ecco perché le aziende vanno male”. Quanto a lui passa il suo tempo in fabbrica dalle 8 del mattino alle 8 di sera. E alla domenica sta assieme alla moglie. Cosa fanno? Semplice: guardano la televisione“.

Ci sono voluti decenni di crisi e di tv vendute perdendoci, ma ora Mivar e Vichi alzano definitivamente bandiera bianca.

È difficile però – macché difficile: è lì il bello… – parlare della storia della Mivar senza parlare proprio di Carlo Vichi. Oggi ha 94 anni, di lui si ricorda spesso l’orientamento politico ben oltre l’estrema destra. Luciano Gulli lo raccontava così, in un bellissimo ritratto uscito su Il Giornale nell’aprile 2011.

Alla fine, salutandoci, ci siamo scambiati un bel po’ di pacche sulle spalle e di sorrisi, e di arrivederci, finché lui non si è riassunto tutto in un attenti! e mi ha urlato: «Saluto al Duce!» E io, di rimando: «A noi!». Ma così, per ridere. Mentre invece lui, che ancora inalbera sotto l’ultimo bottone della camicia chiusa al colletto una spilla che riproduce un fascio («repubblicano, non littorio: la prego di non scrivere fesserie») fremeva fin nell’intimo, essendo il suo intimo quello di un fascista al quale la definizione di fascista va un po’ stretta. «Vuol mettere la statura di un Hitler?» si era commosso un momento fa squadernandomi sotto il naso un bell’album della Kriegsmarine del Terzo Reich“.

Ecco, Vichi politicamente era ed è questa cosa qui: “Agnelli, De Benedetti, Berlusconi? “Gente che dovrebbe firmare con il proprio sangue la garanzia di quello che vende”. Tutto il resto ne discende in modo meccanico e travolgente. “Lo statuto dei lavoratori è la rovina dell’Italia – sentenzia – e l’ ultimo accordo sul costo del lavoro è la solita idiozia democratica: nessuno vuole ammettere che l’unico sistema per uscire dalla crisi è lavorare di più e guadagnare meno“.

Un padrone anomalo però, un sciur padrun antisindacale nel profondo, ma pare amato dai dipendenti. Rosaria Amato lo raccontava così su Repubblica nell’ottobre 2013: “L’uomo che inneggiava al fascismo, e che sbatteva le porte in faccia ai sindacati, ma che permetteva alle operaie di arrivare alle 8.45 perché prima dovevano accompagnare i figli a scuola, e di uscire alle 12.15 per andare a riprenderli. L’imprenditore che pagava le rate del mutuo ai suoi operai in difficoltà, anche se erano del Pci. E che ha sempre assunto un cuoco per la mensa, perché gli operai hanno diritto a un pasto decoroso». Non ha mai voluto fare gli spot: «La pubblicità è come la droga. Quando cominci sei costretto ad aumentare la dose“.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >