Nasce oggi Roy Batty, il replicante di Blade Runner

Anche se non stiamo parlando di una nascita qualunque. In fondo i robot vengono costruiti no?

roy the poke - Auguri Roy!

 

Che giorno straordinario è l’8 di gennaio. È il compleanno di David Bowie e l’anniversario di nascita di Elvis Presley, ma è anche il giorno in cui si lascia entrare Ascanio, il re della canzone italianizzata.

Non bastasse tutta questa serie di eventi meravigliosi, da oggi sarà anche il compleanno, o meglio, la data di immatricolazione di Roy Batty, il replicante fuggitivo interpretato da un biondissimo Rutger Hauer nel film Blade Runner (Ridley Scott, 1982).

 

tumblr_nulb7cRpxT1uy82zoo1_500 tumblr

 

Se non sapete di cosa stiamo parlando fermatevi qui, andatevi a recuperare una copia (che sia la versione originale o il director’s cut poco importa), e poi ne riparliamo. È nostro dovere avvertirvi che la visione vi lascerà cambiati, perché Blade Runner è considerato il Metropolis moderno, uno dei più bei film di fantascienza (neo-noir) di tutti i tempi.

La trama in tre parole: Los Angeles 2019, piove, i replicanti vengono utilizzati come forza lavoro nelle colonie extra-terrestri, ma alcuni evadono e Harrison Ford, che qui non si chiama né Indiana Jones né Han Solo ma Rick Deckard ed è un ex poliziotto, darà loro la caccia. Roy Batty è il capo degli androidi rivoluzionari.

 

tumblr_nqu763W2Dp1qa70eyo1_540 bladerunnerfanatic

 

Oltre al soggetto di Philip Dick, all’ambientazione futuristica e oscura, alla giovane Daryl Hannah e alla struttura di film noir in stile anni 50 coi cyborg, di questo film tutti ricordano il soliloquio finale di Roy, diventato ormai un modo di dire di culto.

 

Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire.

 

Di sicuro, uno dei monologhi più famosi della storia del cinema e un raro esempio in cui il doppiaggio funziona. Rutger Hauer, nella sua interpretazione perfetta, è reso ancora più epico dal doppiaggio di Sandro Iovino.

Purtroppo noi umani non ci saremmo mai immaginati che Harrison Ford volesse reinterpretare tutti i suoi più famosi ruoli durante l’anzianità. Ma com’è già successo per Indiana e Star Wars, sembra che il buon Harrison sarà di nuovo Rick Deckard nel sequel di Blade Runner, che entrerà in lavorazione proprio quest’anno e al quale ci opponiamo strenuamente.

 

tumblr_n8mqvriOYa1s27326o3_500 bladerunnerfanatic

 

Nessuno pensa alla memoria del povero Roy Batty, il cui sacrificio ha reso il film immortale?  Fortunatamente ci siamo noi ad augurargli buon compleanno numero zero, proprio oggi.

Per il resto dei festeggiamenti, ci vediamo tra tre anni.

 

tumblr_nxsbkoiCfh1qc3ju8o1_540 bladerunnerfanatic

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >