TV e Cinema
di Silvia Rossi 29 Settembre 2015

Perché dobbiamo tifare Non Essere Cattivo agli Oscar

A sorpresa, il film che rappresenterà l’Italia per la corsa agli Oscar è Non essere cattivo di Claudio Caligari

Una scena di Non essere cattivo di Claudio Caligari  Una scena di Non essere cattivo di Claudio Caligari

 

Sarà Non essere cattivo, il film postumo di Claudio Caligari, a rappresentare l’Italia agli Oscar.
E non Nanni Moretti (battuto per un voto) o Marco Bellocchio. Evviva.
Ora cerchiamo di spiegarvi perché dovete essere felici e tifare per questo film piccolo e lontanissimo da quelli che normalmente vengono presentati all’Academy per trovare un posto nella cinquina di nomination per il miglior film straniero.
Innanzitutto perché è la giusta rivincita per un autore troppo poco considerato. Quanti di voi conoscono Claudio Caligari? Chi di voi ha visto Amore Tossico e L’odore della notte? Ecco appunto.

 

Valerio Mastandrea e Claudio Caligari sul set di Non essere cattivo Cineavatar - Valerio Mastandrea e Claudio Caligari sul set di Non essere cattivo

 

Questi sono i titoli che hanno fatto di Claudio Caligari un autore di culto, scomparso poco dopo la chiusura del montaggio di Non essere Cattivo, nel maggio 2015. Dopo la sua morte, il film è stato seguito da Valerio Mastandrea, che per la prima volta figura anche come produttore di una pellicola e si è dedicato al progetto come fosse una sua creatura. Con lui gli attori, bravissimi, giovani, empatici e veri: Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Roberta Mattei e Silvia D’Amico. Presentato fuori concorso alla 72esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e accolto benissimo dalla critica, il film è uscito in sala l’8 settembre.

Una storia particolare, ma le peculiarità di questo film non finiscono qui. Non essere cattivo è uno di quei rari esempi italiani che ti fanno sperare. Che fanno sperare le giovani generazioni che forse ci sia ancora una possibilità di ritorno e di rinascita, chiamatela come volete, di voglia di riscoprire il bello. Di fermarsi a guardare, di riflettere su qualcosa, di commuoversi e di ridere.

 

 

Andare al cinema ti permette di spegnere il cervello per entrare dentro un’altra storia, che avrà sempre qualcosa di simile alla tua e Non essere cattivo è uno di quei film che si inserisce prepotentemente nella tua anima. Perché raccontando la storia di due ventenni degli anni ’90, persi in vite oltre il limite, parla di un’amicizia fraterna di quelle che a tanti farebbero sorgere la domanda: “ma perché gli/le stai ancora dietro? Perché non lo/la mandi a quel paese? È un egoista non vedi?”. Sì, è un egoista ma è come se fosse mio fratello, non posso proprio lasciarlo in mezzo a una strada.

Non essere cattivo
 è una storia di eccessi, di perdite e di perdizioni, di esagerazione e di debolezze che scava dentro una realtà provinciale che – mi ripeto – non va molto lontana dalla vostra, dalla mia. Vittorio e Cesare, questi i nomi dei protagonisti, sono “fratelli di vita”: vivono in simbiosi ma hanno anime diverse e sono entrambi alla ricerca di una affermazione. L’iniziazione all’esistenza per loro ha un costo altissimo e Vittorio col tempo inizia a desiderare una vita diversa: incontra Linda e per salvarsi prende le distanze da Cesare, che invece sprofonda inesorabilmente.

Il confronto è inevitabile. Negli anni ’90 come oggi è facile perdersi mentre si è alla ricerca di se stessi o per l’incapacità di superare un dolore troppo grande. “Preferisco non pensare. Preferisco non essere mai lucido per dimenticare quello che dovrei fare, dovrei essere”.

 

Una scena di Non essere cattivo di Claudio Caligari  Una scena di Non essere cattivo di Claudio Caligari

 

Con Non essere cattivo, Caligari racconta un “copione già visto”, che si ripete di epoca in epoca e lo mette in scena esagerando e chiedendo ai suoi attori di esagerare, senza però mai andare in overacting, ovvero senza superare quel limite che in un attimo tutto risulta grottesco.

Una recitazione che sorprende, commuove ed esalta il cinema. Una regia che sa di passato, quello d’oro del cinema italiano che ha fatto la storia. Ecco perché tifiamo per Non essere cattivo, perché è la prova che il bello può esserci ancora, può partire da storie forti e vere come questa e può arrivare da strade produttive inaspettate e non convenzionali.

 

Una scena di Non essere cattivo di Claudio Caligari  Una scena di Non essere cattivo di Claudio Caligari

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >