TV e Cinema
di Eva Cabras 13 Giugno 2017

Orange Is The New Black 5: Litchfield brilla nel fuoco della rivolta

La nuova stagione di OITNB inizia dov’era finita la precedente, e stavolta è rivoluzione

Orange is the new black 5

 

I 13 episodi di Orange Is The New Black 5 ci riportano tra le detenute del penitenziario femminile di Litchfield, dove è ormai tutto pronto per lo scoppio della rivolta. Siete totalmente digiuni dello show targato Netflix? Questa è una pessima scelta, perché Orange Is The New Black è una delle serie più potenti e appassionanti mai viste. Facciamo un passo indietro.

Orange Is The New Black va in onda per la prima volta nel 2013, quando l’ideatrice Jenji Kohan trasforma l’autobiografia di Piper Kerman, “Orange Is the New Black: My Year in a Women’s Prison”, nella storia di Piper Chapman. Questa benestante ragazza bianca viene coinvolta a sua insaputa nelle attività di narcotraffico dell’amante, Alex Vause, che sarà anche colei che consegnerà l’ex compagna alle autorità. A dieci anni dal crimine commesso, Piper viene condannata e spedita nel carcere di Litchfield, a contatto con criminali ben più esperte.

Se nelle prime due stagioni della serie le disavventure dalla tenera Piper riescono senza sforzo a fungere da catalizzatore per l’intera comunità carceraria, dal terzo capitolo il suo magnetismo inizia ad allentarsi. Guadagnano quindi spazio le numerose eroine in tuta arancione provenienti dai gruppi etnici più disparati, con evidente supremazia delle gang afroamericane e latine. L’apice narrativo e artistico di Orange Is The New Black viene raggiunto con la quarta stagione, che mette da parte i toni della comedy a favore di una rappresentazione più realistica e cinica del sistema penitenziario statunitense. Dimenticatevi le grasse risate, ora si piange fortissimo.

 

 

La scorsa stagione della serie ci aveva lasciati col cuore infranto da una delle morti televisive più dolorose di sempre e sarà proprio questa perdita a fungere da motore costante per l’evoluzione dello show. A Litchfield è tutto pronto per una rivoluzione, un assedio che cambierà irreparabilmente gli equilibri tra i personaggi, così amorevolmente ritratti da essere ormai familiari. Orange Is The New Black 5 riprende nell’esatto momento in cui ci aveva lasciati, andando senza paura a infrangere l’equilibrio precario delle dinamiche di potere. Il rovesciamento è brutale e immediato. Guardie e ladri invertono i propri ruoli e all’interno del carcere viene a crearsi un nuovo microcosmo che non è altro che lo specchio degli stessi U.S.A., trasformati per l’occasione in Stati Uniti di Litchfield.

 

 

Una sorta di confederazione criminale si organizza attorno ai già rodati gruppi etnici, non escludendo anche alcune bizzarre allenze, che forniscono una buona dose di risate. Ovviamente niente fila liscio come dovrebbe e nella neonata democrazia della prigione si va incontro a tutti i problemi tipici della società civile: definizione delle priorità, gestione delle risorse alimentari, sistema sanitario, apparato giudiziario, comunicazione con l’esterno, scontri razziali, gap generazionale.

Tutta la complessità di una rivoluzione sociale viene riassunta nella concitazione dei tre giorni della rivolta, anche se la cognizione del tempo che passa è un lusso che guardando Orange is the new black si perde alla svelta. Stavolta non è colpa del bingewatching, ma della serie stessa, che riesce a sigillarci tra le mura del penitenziario, tra amori disperati, flashback di vite perdute, sogni e tragedie personali. Il tocco magico di Orange Is The New Black rimane infatti imbattuto per quanto riguarda la creazione di ritratti umani, inseriti in un flusso narrativo che molto raramente si inceppa, nonostante il suo intricato intreccio.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >