TV e Cinema
di Marianna Tognini 29 Febbraio 2016

Tutti i regali più assurdi ricevuti dai candidati agli Oscar nelle loro gift bag

Da trattamenti estetici improbabili a pranzi a sei portate a base di formaggio

Gift bag del 2015 Sowetan Live - Parte del contenuto della gift bag del 2015

 

I regali contenuti nelle gift bag riservate ogni anno ai candidati agli Oscar non sono sempre i fantastici e inarrivabili tesori che qualsiasi comune mortale potrebbe sognare, anzi. In qualche caso, più che a quella del lusso, si è davanti alla fiera dell’assurdità.

Volenti o nolenti, le gift – a volte dette anche swagbag che ogni anno vengono consegnate ai candidati agli Oscar sono ormai diventate parte integrante di ogni show dell’Academy Awards, insieme all’atteggiamento a volte fin troppo sprezzante di pubblico e addetti ai lavori nei confronti di outfit, trucco, parrucco e compagnia cantante.

Ma torniamo a noi: cosa sono queste fantomatiche “gift bag”? Trattasi di speciali omaggi, contenuti in altrettanto speciali borse, riservati esclusivamente agli attori e ai registi in corsa per aggiudicarsi la famosa statuetta. Non pensate però ai soliti regali che qualsiasi giornalista riceve al termine di un evento, o di una conferenza stampa: qui siamo di fronte al lusso più sfacciato, (spesso) inutile e (forse) immorale. In altre parole, le gift bag in questione – il cui valore complessivo supera i $200.000 dollari – costituiscono l’ennesimo reminder che il gotha hollywoodiano è mille spanne sopra qualsiasi comune mortale.

Ogni tanto, però, capita che anche questi preziosissimi e costosissimi doni siano quanto di più vicino alla classica sòla: a cavallo tra follia, ostentazione e assurdità, ecco i più paradossali che la storia delle gift bag abbia mai conosciuto.

 

Make-up box di Shu Uemura, comprensivo di ciglia di visone ($600), 2005

Is she wearing fake eyelashes? Memegenerator - L’eterno dilemma tra ciglia finte o potentissimo mascara

È difficile capire di cosa si tratti. Ciglia finte fatte di pelo di visone? O forse vere ciglia di visone – dando per scontato che quest’animale le abbia lunghissime – indossabili anche da una donna? O magari ciglia finte per visoni? Nel dubbio, meglio chiedere a Hillary Swank.

 

Party casalingo organizzato da The Cheese Impresario ($3.000), 2006

DSC_0097 copy

In tanti hanno provato a immaginare la faccia di George Clooney quando, una volta aperta la sua borsa delle meraviglie, si è trovato in mano un voucher per un viaggio di almeno sei portate nella terra del formaggio. Forse è stato proprio al termine dell’impegnativa cena a base di latticini che ha deciso di prestare il suo volto per pubblicizzare caffè.

 

Booty Pop ($35), 2009

Kim Kardashian sulla cover di Paper  Bustle - Kim Kardashian sulla cover di Paper

E dire che Kim Kardashian all’epoca non era ancora nessuno. Beh, i ragazzi di Distinctive Assets (la società che si occupa appunto di eventi e gift bag) sono stati dei bravissimi trendsetter, dato che già sette anni orsono si preoccupavano di regalare alle star in corsa per l’Oscar queste speciali mutande, la cui peculiarità è proprio quella di rendere “esplosivo” il proprio didietro. La leggenda narra che Kate Winslet si sia sentita vagamente offesa… e come darle torto.

 

Set di piatti Slimware per il controllo delle porzioni ($29,95), 2011

Complimenti, complimenti davvero, Natalie Portman. La tua interpretazione di una donna che distrugge letteralmente il proprio corpo per raggiungere la perfezione artistica è stata così convincente, da esserti meritata il premio migliore che l’industria cinematografica potesse offrirti. Ora vai pure a casa, e mangia in tutta tranquillità verdure e riso bianco, sicura di non ingrassare nemmeno di un grammo.

 

Fornitura extra di Disaronno ($15.000), 2012

giphy-3

Terrence Malick non è riuscito ad aggiudicarsi nessun Oscar nel 2012, indipendentemente dalla proiezione corretta o al contrario del suo film. È però ritornato nella natia Ottawa con svariate migliaia di dollari di Amaretto, nonostante anche lui – come qualsiasi essere umano – ne conservi in cima al proprio frigorifero una bottiglia mezza piena dal 1998, che probabilmente verrà terminata nel 2028.

 

Biglietti per assistere a Le Petit Cirque ($400), 2013

Impersonare Fantine nel dramma di Victor Hugo non dev’essere stato di sicuro una passeggiata per Anne Hathaway. Ma la sua interpretazione ha talmente commosso l’Academy, che quell’anno si è deciso di prolungare la sua agonia regalandole i biglietti per assistere alle performance circensi di diversi marmocchi in età scolare. Forse un po’ del Disaronno di Malick le sarebbe venuto in aiuto.

 

DrainWig ($19,95), 2014

giphy-4

Il 2014 è stato un annus horribilis per il povero Leonardo DiCaprio, che si è visto sottrarre sotto il naso la statuetta per ben la terza volta. Ma c’è anche chi racconta un finale della storia diverso, in cui l’attore è tornato nella sua magione hollywoodiana, ha usato questo strumento per pulire lo scarico della doccia dai propri peli pubici, ed è rimasto a gongolare soddisfatto sul divano per le due ore seguenti. (Sorseggiando un bicchiere del Disaronno di Malick, che ci sta sempre).

 

O-Shot aka l’avanguardistica protesi vaginale ($5.000), 2015

Povera Rosamunde Pike, sappi che io tifavo per te e per Amazing Amy. Mi consolo però pensando che nella borsa delle meraviglie hai trovato un voucher per sottoporti a una futuristica procedura che prevede il prelievo di una piccola quantità di sangue dal tuo braccio, e la sua iniezione direttamente nel clitoride. Non avrai vinto l’Oscar, ma ti sei di certo assicurata orgasmi da paura, a quanto pare.

 

Cerotti anti-traspirazione Dandi Patch ($21), 2016

giphy-5

Caro Leo, sempre di te si parla. La sera del 28 febbraio 2016 suderai come non hai mai sudato nella tua vita, e non ti puoi certo permettere di venire fotografato con degli orribili aloni sub-ascellari. Niente panico: corri in bagno prima dell’inizio della cerimonia e indossa due di questi giganteschi cerotti anti-traspirazione. Ti saranno utili, fidati.

 

Trattamento estetico Vampire Breast Lift ($2.000), 2016

giphy-6

Cate Blanchett rimane una splendida donna, ma per Hollywood avere 46 anni significa non essere più di primo pelo. Adesso però potrà combattere serenamente i segni del tempo, facendosi iniettare il sangue prelevato da diverse parti del suo corpo nel seno. Il risultato? Un décolleté lucido come un pavimento in linoleum e di colpo rimpolpato, tanto da attirare tutti i vampiri attorno a lei. Robert Pattinson incluso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >