TV e Cinema
di Mattia Nesto 23 Gennaio 2017

Small Soldiers, ovvero Westworld ambientato in un negozio di giocattoli

Alla fine degli anni ’90 c’è stato un film che somiglia in modo inquietante a Westworld in modo del tutto inconsapevole: Small Soldiers

(-C2H4-)n: se gli anni ’80 e ’90 dovessero essere rappresentati con una formula chimica senza dubbio sarebbe questa. Si tratta infatti del polietilene, una delle componenti plastiche più diffuse nel mondo. Di questa sostanza sono formati la stragrande maggioranza dei giocattoli della nostra adolescenza: dalle bambole ai dinosauri, dai mostri di qualche cartone animato alle action-figure, tutto il mondo infantile sa, in larga misura, di polietilene. E quasi come una sorta di testamento biologico o, per meglio dire, di canto del cigno di questa stagione molto analogica, si può leggere Small Soldiers , film del 1998 diretto da Joe Dante.

 

 

Vi sono due gruppi di giocattoli eterni avversari: nell’angolo rosso il Commando Elite, guidato dal Maggiore Chip Hazard, un manipolo di soldati(ni) pronti a tutto pur di dare la caccia e catturare i Gorgonauti, posti all’angolo blu, specie aliena e misteriosa il cui capo è Archer. Le due squadre avversarie sono create ad hoc dalla potente multinazionale Globotech: per rendere questi prodotti più stuzzicanti sul mercato, i responsabili del progetto inseriscono nei giocattoli un microchip militare che dona intelligenza artificiale, arditezza e capacità di ragionamento. I giocattoli, così modificati, si verranno a scontrare, sullo sfondo di una tranquilla cittadina di provincia americana, intrecciando le loro vicende con quelle di Alan Abernathy, protagonista della storia.

 

 

Questa è la trama in soldoni, ma quello che c’è dietro è molto di più. Innanzi tutto c’è lo scontro tra la logica machista e guerrafondaia dei soldatini e quella pacifista ed ecologista degli alieni, che non farebbero male ad una mosca: anche se entrambi i gruppi sono programmati per scontrarsi, appare evidente come l’equazione Commando Elite= marines americani e Gorgonauti = nativi/pellerossa scatterebbe anche nel più ottuso dei cervelli. In fondo che cosa vi ricordano i Na’vi di Avatar se non la ritualizzazione di questo secolare concetto?

 

 

Lungi da noi voler fare paragoni blasfemi ma se solo tre anni prima, ovvero nel 1995, avevamo esplorato il mondo dei giocattoli quando gli umani sono a riposo con Toy Story, scoprendolo come un mondo tutto sommato pacifico anche se non privo di contrasti, il mondo di Small Soldiers è un mondo violento: si vedono soldatini che, letteralmente, sparano chiodi nelle gambe dei bambini, danno fuoco alle case, tengono in ostaggio delle persone e sono come mossi da un folle istinto battagliero, praticando perfino la guerra psicologica, come in Vietnam, con “Wannabe” delle Spice Girls sparato a tutto volume dalle casse. Non è proprio una cosa così comune un film da  per bambini mostrare una scena, che ricorda un po’ I Viaggi di Gulliver, in cui un gruppo di bambole mutanti lega ed imbavaglia una ragazzina con, come sottofondo, “Heartbreaker” dei Led Zeppelin.

 

Ci sono poi altre chicche, come dei rimandi e delle citazioni dirette ai due film dei Gremlins , il cui regista, Joe Dante, è lo stesso: non soltanto le già ricordate scene delle bambole trasformate che ricordano molto da vicino le scene di mutazione degli esserini del film di culto anni ’80, ma anche la password/nickname che utilizza uno dei programmatori di giochi per inserire nei prodotti il microchip militare ha a che fare con quel mondo. Il nick è infatti Gizmo, lo stesso nome del Gremlin buono. In più, in maniera velata, si affronta anche la tematica relativa all’intelligenza artificiale, con le creature che si ribellano e, per un errore di programmazione, si ribellano ai propri stessi creatori: se state pensando che siamo dalle parti di un Westworld ambientato in un Toys Center non siete poi così lontani.

 

“These violent delights have violent ends”  “These violent delights have violent ends”

 

Infine, oltre al finale “sì-global”, con il magnate della Globotech che, a furia di cospicui assegni, mette a tacere tutte le persone coinvolte e dimostrando tutta la real politik dell’epoca clintoniana, non bisogna scordarsi che, in questo film, si può ammirare una, come sempre, bellissima Kirsten Dunst, alias Christy Fimple l’amica di Alan. La fuga dei due ragazzi in motorino (e di motorini anni ’90 ne abbiamo parlato anche qui) dai soldati del Commando Elite che li inseguono a bordo di tosaerba è qualcosa di speciale in fondo.

Small Soldiers è quindi la plastica dimostrazione di come Sergio Endrigo si sbagliasse quanto cantava “per fare tutto ci vuole un fiore”: forse andava bene per prima ma negli anni ’90 per fare tutto ci vuole solo e soltanto il petrolio, a partire dal polietilene dei nostri giocattoli e, forse, del nostro cuore.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >