TV e Cinema
di Mattia Nesto 23 Gennaio 2017

Small Soldiers, ovvero Westworld ambientato in un negozio di giocattoli

Alla fine degli anni ’90 c’è stato un film che somiglia in modo inquietante a Westworld in modo del tutto inconsapevole: Small Soldiers

(-C2H4-)n: se gli anni ’80 e ’90 dovessero essere rappresentati con una formula chimica senza dubbio sarebbe questa. Si tratta infatti del polietilene, una delle componenti plastiche più diffuse nel mondo. Di questa sostanza sono formati la stragrande maggioranza dei giocattoli della nostra adolescenza: dalle bambole ai dinosauri, dai mostri di qualche cartone animato alle action-figure, tutto il mondo infantile sa, in larga misura, di polietilene. E quasi come una sorta di testamento biologico o, per meglio dire, di canto del cigno di questa stagione molto analogica, si può leggere Small Soldiers , film del 1998 diretto da Joe Dante.

 

 

Vi sono due gruppi di giocattoli eterni avversari: nell’angolo rosso il Commando Elite, guidato dal Maggiore Chip Hazard, un manipolo di soldati(ni) pronti a tutto pur di dare la caccia e catturare i Gorgonauti, posti all’angolo blu, specie aliena e misteriosa il cui capo è Archer. Le due squadre avversarie sono create ad hoc dalla potente multinazionale Globotech: per rendere questi prodotti più stuzzicanti sul mercato, i responsabili del progetto inseriscono nei giocattoli un microchip militare che dona intelligenza artificiale, arditezza e capacità di ragionamento. I giocattoli, così modificati, si verranno a scontrare, sullo sfondo di una tranquilla cittadina di provincia americana, intrecciando le loro vicende con quelle di Alan Abernathy, protagonista della storia.

 

 

Questa è la trama in soldoni, ma quello che c’è dietro è molto di più. Innanzi tutto c’è lo scontro tra la logica machista e guerrafondaia dei soldatini e quella pacifista ed ecologista degli alieni, che non farebbero male ad una mosca: anche se entrambi i gruppi sono programmati per scontrarsi, appare evidente come l’equazione Commando Elite= marines americani e Gorgonauti = nativi/pellerossa scatterebbe anche nel più ottuso dei cervelli. In fondo che cosa vi ricordano i Na’vi di Avatar se non la ritualizzazione di questo secolare concetto?

 

 

Lungi da noi voler fare paragoni blasfemi ma se solo tre anni prima, ovvero nel 1995, avevamo esplorato il mondo dei giocattoli quando gli umani sono a riposo con Toy Story, scoprendolo come un mondo tutto sommato pacifico anche se non privo di contrasti, il mondo di Small Soldiers è un mondo violento: si vedono soldatini che, letteralmente, sparano chiodi nelle gambe dei bambini, danno fuoco alle case, tengono in ostaggio delle persone e sono come mossi da un folle istinto battagliero, praticando perfino la guerra psicologica, come in Vietnam, con “Wannabe” delle Spice Girls sparato a tutto volume dalle casse. Non è proprio una cosa così comune un film da  per bambini mostrare una scena, che ricorda un po’ I Viaggi di Gulliver, in cui un gruppo di bambole mutanti lega ed imbavaglia una ragazzina con, come sottofondo, “Heartbreaker” dei Led Zeppelin.

 

Ci sono poi altre chicche, come dei rimandi e delle citazioni dirette ai due film dei Gremlins , il cui regista, Joe Dante, è lo stesso: non soltanto le già ricordate scene delle bambole trasformate che ricordano molto da vicino le scene di mutazione degli esserini del film di culto anni ’80, ma anche la password/nickname che utilizza uno dei programmatori di giochi per inserire nei prodotti il microchip militare ha a che fare con quel mondo. Il nick è infatti Gizmo, lo stesso nome del Gremlin buono. In più, in maniera velata, si affronta anche la tematica relativa all’intelligenza artificiale, con le creature che si ribellano e, per un errore di programmazione, si ribellano ai propri stessi creatori: se state pensando che siamo dalle parti di un Westworld ambientato in un Toys Center non siete poi così lontani.

 

“These violent delights have violent ends”  “These violent delights have violent ends”

 

Infine, oltre al finale “sì-global”, con il magnate della Globotech che, a furia di cospicui assegni, mette a tacere tutte le persone coinvolte e dimostrando tutta la real politik dell’epoca clintoniana, non bisogna scordarsi che, in questo film, si può ammirare una, come sempre, bellissima Kirsten Dunst, alias Christy Fimple l’amica di Alan. La fuga dei due ragazzi in motorino (e di motorini anni ’90 ne abbiamo parlato anche qui) dai soldati del Commando Elite che li inseguono a bordo di tosaerba è qualcosa di speciale in fondo.

Small Soldiers è quindi la plastica dimostrazione di come Sergio Endrigo si sbagliasse quanto cantava “per fare tutto ci vuole un fiore”: forse andava bene per prima ma negli anni ’90 per fare tutto ci vuole solo e soltanto il petrolio, a partire dal polietilene dei nostri giocattoli e, forse, del nostro cuore.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >