Sound of Metal – Quanto è difficile abituarsi al silenzio?

Un racconto che descrive con piglio quasi documentaristico l’accettazione della perdita dell’udito da parte di un batterista. Un film coraggioso, delicato nella cura di ogni dettaglio narrativo.

Quest’anno, a causa delle chiusure dei cinema e dei forzati rimandi delle uscite cinematografiche, anche la corsa agli Oscar ha subito uno slittamento temporale. La cerimonia si terrà – come di consueto – al Dolby Theatre di Los Angeles la sera – notte per noi europei – del 25 aprile, due mesi in ritardo rispetto al solito. Non sappiamo ancora nessun dettaglio sulla cerimonia, tuttavia il 15 marzo sono state rese note le nomination. Non possiamo ancora farci troppe idee, dal momento che gran parte dei film nominati non sono ancora disponibili persino per il pubblico statunitense. Tra i nomi già usciti, oltre ai già discussi e noti Mank e Il processo ai Chicago 7, ha sorpreso la presenza di Sound of Metal, presente in sei categorie tra cui Miglior Film e Miglior Sceneggiatura originale. Presentato al Festival di Toronto nell’estate del 2019, ma distribuito ufficialmente più di un anno dopo, è l’esordio alla regia di un lungometraggio di Darius Marder, già sceneggiatore nel 2012 di Come un tuono. Derek Cianfrance ne ha curato il soggetto, ispirandosi a sue esperienze di vita.

 

Il protagonista del film è Ruben Stone (Riz Ahmed), batterista del duo Blackgammon, di cui fa parte anche la sua ragazza Lou Berger (Olivia Cooke). I due vivono insieme in un camper, che fa loro da casa, luogo di lavoro e mezzo di trasporto per i lunghi tour nei club degli Stati Uniti. Da un giorno all’altro però Ruben inizia a perdere drasticamente l’udito. Il suo carattere testardo lo fa desistere dall’ascoltare i consigli dei medici, la cui prima prescrizione era stata l’interruzione dell’esposizione a forti rumori, ma nel giro di pochi giorni Lou si accorge della sua situazione, ed è lei a decidere di interrompere le esibizioni dal vivo. In preda alla preoccupazione per la doppia fragilità di Ruben, uscito da pochi anni da un periodo di dipendenza dall’eroina, i due vengono indirizzati a una comunità per tossicodipendenti sordi, gestita da Joe, un veterano del Vietnam con vecchi problemi di alcolismo.

Le regole di questo “rifugio” sono molto severe. La sordità non va vissuta come un handicap, va accettata, senza poter pensare di correggerla con impianti cocleari. Il percorso di accettazione va di pari passo con il forte sentimento di fede religiosa che Joe trasmette agli ospiti. Infine non c’è nessuna possibilità che i non sordi possano restare dentro. Dopo un primo momento di rifiuto Ruben accetta di rimanere, salutando chissà per quanto Lou, che ritorna dopo anni dal padre in Belgio. Da questo momento in poi il protagonista inizia a intraprendere dei faticosi tentativi di pacificazione con quello che gli sta succedendo. Aderisce alla regola imposta di non emettere più suoni durante le lezioni di lingua dei segni, riesce a superare la vergogna di potersi mettere in ridicolo davanti ai bambini della sua classe – arrivando a fare amicizia sia con loro che con la maestra Diane – ma nei momenti di solitudine incontra le crisi maggiori, andando furtivamente a usare il computer per comunicare con Lou.

E nel momento in cui pare essersi davvero integrato, decide di vendere il suo camper per farsi installare un impianto cocleare. E per questo Joe decide categoricamente di cacciarlo dalla comunità. Ruben decide di volare in Belgio per rivedere Lou. L’incontro è delicato, pieno di sofferenza e di amore, e alla fine arriva la decisione definitiva: è giunto il momento di vivere senza più il pensiero di com’era la vita prima. Non potendo più godere dei suoni, Ruben si toglie di dosso l’impianto accettando il silenzio.

Sound of Metal è film coraggioso. La scelta più radicale adottata da Darius Marder è senza dubbio l’abbandono graduale della sceneggiatura come la intendiamo canonicamente, ovvero verbale. Le parole acquistano sempre meno senso mano a mano che Ruben perde l’udito. La scelta di alternare presa diretta e soggettive sonore – rese prima ovattando il suono e successivamente rendendolo metallico – fa sì che inizino a parlare soprattutto il rumore e i gesti. La qualità della prova attorale di Riz Ahmed viene accentuata ulteriormente – e acquisisce una grande forza – proprio dal modo in cui vengono utilizzati gli occhi, il mezzo espressivo più forte di Ruben, e i cambi di direzione del suo sguardo iniziano a diventare dei veri e proprio spostamenti emotivi.

Un’altra scena del film.  Un’altra scena del film.

La scelta stilistica di farci sentire come sente un sordo potrebbe risultare un esercizio di stile o una eccessiva drammatizzazione della situazione vissuta. Tuttavia questi rischi non vengono mai corsi, data la sobrietà e la frequenza con cui intervengono le soggettive che non sono trastulli tecnici ma parti essenziali della partitura narrativa. L’altro elemento che ci impedisce di storcere il naso è la lentezza con cui gli avvenimenti vengono raccontati. Non c’è mai un passaggio drastico da una situazione all’altra, ad ognuna è dedicata la sua complessità, e  per questo la vicenda viene percepita come un lungo momento di transizione. Marder non si lascia vincere dalla fretta e crea un film fatto di ritagli di tempi dalla durata quasi naturalistica, arrivando a sfiorare in alcuni punti lo stile del documentario. Zero edulcorazioni e attori non professionisti – gran parte dei membri della comunità, non udenti anche nella vita reale – amalgamati perfettamente ai protagonisti, tra cui spicca anche Paul Raci nel ruolo di Joe.

Il silenzio di Sound of Metal potrebbe risultare spaventoso e far pensare a qualcosa di noioso. Dovremmo invece fidarci, farci trasportare dal suo flusso senza pensare troppo a dove finiremo. Dopo esserci messi in ascolto riusciremo a entrare nella poesia di un dialogo fatto di colpi sulla lamiera di uno scivolo, proveremo ad alzare il volume per sentire meglio, senza riuscirci, ma soprattutto  ringrazieremo per queste due ore di cinema incollato alla realtà, tremendamente vero.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >