C’è davvero bisogno di un nuovo Star Wars?

È uscito il trailer di Solo: A Star Wars Story e siamo pronti a scommettere che ci piacerà più dei nuovi capitoli della saga

È uscito il trailer del film Solo: A Star Wars Story, diretto da Ron Howard ed interpretato da Alden Ehrenreich, un nome che passerà alla storia non solo per l’alto grado di difficoltà di spelling ma soprattutto per aver incarnato il giovane Han Solo, personaggio reso icona da Harrison Ford.

Il film è uno spin off della saga, si svolge nel passato (se siete aggiornati sapete benissimo perché) ed è costellato da un visibilio di attori famosi: Emilia Clarke, Donald  Glover, Paul Bettany e Woody Harrelson oltre all’immancabile Chewbacca. Il trailer non è male per niente e sembra riportare in auge la teoria secondo cui fare uno spin off di un mondo finito sia infinitamente migliore che tentare di proseguire una saga. Se avete visto Rogue One (lo spin off) e poi Star Wars: Gli ultimi Jedi (l’ultimo episodio della saga) sapete bene di cosa stiamo parlando: il primo è uno dei più bei film usciti sotto il brand Star Wars, del secondo si fa fatica a salvare persino la colonna sonora.

Si apra dunque il dibattito: il mondo ha ancora bisogno di nuovi capitoli di Star Wars? Prima di rispondere incarogniti “Sì, è di voi che non abbiamo bisogno”, fermatevi a pensare al disinteresse col quale siete in attesa dell’episodio 9 e degli sviluppi di Leia (nessuno sviluppo vista la morte di Carrie Fisher, che la Forza l’abbia in gloria), dell’anziano Luke Skywalker e dei pochissimo affascinanti Rey e Kylo Ren.

 

star wars

 

Addirittura il regista Rian Johnson sta pensando alla prossima trilogia di Star Wars e l’originale una volta capolavoro è relegata a uno spazio microscopico nei nuovi cofanetti. Il problema potrebbe essere proprio la voglia di proseguire una storia finita, imperfetta ma assolutamente innovativa, con il plot twist padre figlio che più totale non si può, la colonna sonora perfetta, i personaggi tutti icone e il cattivo da top 5 dei migliori villain della storia dei film. Una storia che probabilmente può essere proseguita solo con la fantasia degli spettatori, non ingabbiata in seguiti di dubbio gusto.

I sequel delle saghe o dei film che hanno fatto la storia non sono mai facili, chiedere a Dennis Villeneuve e al suo Blade Runner 2049 per conferme: un film esteticamente perfetto ma totalmente inconsistente a livello di storia, perché dopo il confronto tra Rick Deckard e Roy Batty, dopo il monologo dell’androide sotto la pioggia, difficile trovare una scena che possa stargli accanto senza scomparire nel dimenticatoio.

 

Lo spin off è decisamente un’altra cosa perché approfondisce una parte della trama del film icona, non rende quest’ultimo solo una parte della storia ma lo eleva a storia stessa, immutabile, santificandola e aggiungendo particolari di vite ad essa correlate.

Ready Player One, il film di Spielberg in questo caso ci offre uno spunto di riflessione molto interessante: cosa accadrebbe se tutto il mondo dell’intrattenimento non producesse più nuove storie e vivessimo all’interno di quelle già viste? È ciò che si aspettano i veri retromaniaci: non la novità, l’approfondimento. Che sia giusto o sbagliato dipende dai punti di vista, ma siamo pronti a scommettere che Solo sarà più bello del prossimo capitolo della saga di Star Wars.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >