TV e Cinema
di Diego Cajelli 16 Dicembre 2015

Star Wars: Il risveglio della forza è la nascita di un nuovo mito

Un film che consegna all’immaginario collettivo personaggi e situazioni che peseranno per i prossimi trent’anni

HEADER_IMAGE_ONLY

 

Lo dico subito: non ci saranno spoiler in questa recensione. Non capisco il motivo di tutta questa tutela anti spoilerosa, personalmente non la trovo necessaria, ma tant’è. La percezione di massa dell’intrattenimento contemporaneo chiede la difesa dei colpi di scena. Va bene. Lo accetto. Anche se, ragionando da vecchio quarantenne quale sono, giusto per farti un esempio, non credo che spoilerare il finale di Scarface comprometta la visione del film.

Ma io sono un veterano quarantenne, e la fuori ci sono intere legioni di venti/trentenni social-incarogniti che a queste cose ci tengono. Per quale motivo? È un problema legato ai tempi bui in cui viviamo, dove tutto va consumato adesso, ora, nell’istante esatto in cui il contenuto viene generato. Adesso, ora, che tra venticinque minuti non è più importante. Nel caso di Star Wars, la narrazione e ciò che rappresenta, viene macinata addirittura prima che il film reale sia disponibile alla visione. Si sono sprecati fiumi di inchiostro digitale e ore di filmati per analizzare i trailer. Ma porco di un Gungan, può esserci qualcosa di più inutile del discutere e polemizzare su un trailer?

 

star-wars-robottino

 

Nel vortice assoluto del: adesso, subito e tra venticinque minuti qualunque cosa è già vecchia, Star Wars: Il risveglio della forza è un film necessario. Anzi: assolutamente dovuto. Le intere legioni di ragazzini social-incarogniti non guarderanno mai Episodio IV, V e VI. Perchè quei film sono vecchi. Perchè non c’è la CGI. Perchè parlano un linguaggio che non conoscono e che nessuno gli ha insegnato. Nel caso estremo, folle e improbabile che un giovine si metta a guardare quegli episodi gli piaceranno poco o nulla, perchè arriva prima la percezione esteriore del vecchiume e poi, forse, i contenuti delle pellicole. Per i giovini disillusi dall’arido cuore post moderno, i film anni ’70 e ’80 sono l’equivalente di un film muto in bianco e nero per la mia generazione. Rassegnati, collega quarantenne, noi siamo canuti e antichi.

La Disney, acquisendo la Lucasfilm ha fatto l’operazione giusta. Episodio VII e quelli che usciranno poi, servono per dare alle nuove generazione un nuovo e vero Star Wars. Il che sottointende: sì, gli Episodi I, II, III sono stati un grande aiuto per la tua naturale regolarità, ma la cosa finisce lì. Non a caso è stato richiamato Lawrence Kasdan per scrivere Episodio VII. Non a caso a George Lucas è impedito di mettere mano alla sceneggiatura, sorvegliato a vista da una divisione di Stormtrooper.

 

star-wars-darth

 

Star Wars: Il risveglio della forza è una versione moderna e sotto steroidi di Una Nuova Speranza, in mashup con L’Impero Colpisce Ancora. Questo significa anche caricarsi della responsabilità di consegnare all’immaginario collettivo personaggi e situazioni che peseranno per i prossimi trent’anni. Un cambio generazionale vero. Darth Vader viene promosso ad archetipo puro, collocato con onore e rispetto nella vetrina dei grandi classici, e il suo ruolo narrativo, attivo, viene affidato a Kylo Ren. Una cosina da niente. Sarebbe complicato anche se si trattasse di un “normale” franchise, di una “normale” serie di film. Con Star Wars il tutto diventa ancora più complicato visto che non si tratta di “normali” film, ma di una vera e propria religione post moderna.

Io, nel culto di Star Wars, mi definisco ateo. Però posso immaginare che qualche integralista della Forza si stia già strizzando le carni con un cilicio laser. Peggio per lui. Che si ritiri in un convento su Hoth a riscrivere il Verbo Originale su pergamena di Wampa. Chissenefrega, il mondo va avanti.

 

star-wars-navi

 

Alla proiezione per la stampa di ieri c’erano alcuni ragazzini, sui 12, 13 anni, accompagnati dai genitori giornalisti. I personaggi e le situazioni di Episodio VII sono stati consegnati nelle mani di quei ragazzini. Episodio VII formerà il loro immaginario e la loro cultura, come Episodio IV lo ha fatto con la mia, e come Episodio III lo ha fatto con nessuno. Mentre uscivamo, dopo la proiezione, ho chiesto alla mamma che accompagnava uno di quei ragazzini se potevo fare un paio di domande a suo figlio. Gli ho chiesto se gli era piaciuto e se aveva previsto alcuni colpi di scena. Il forse dodicenne mi ha detto che gli era piaciuto un casino, e che no, non si aspettava affatto alcuni passaggi della trama. Può esistere qualcosa di più importante di questo? Che un film piaccia al tipo di spettatore per cui è stato pensato? Credo di no. Il resto sono soltanto menate da nerd. E a me, sinceramente, questa nerd-dictatorship su tutti i prodotti di intrattenimento mi ha un po’ lessato i Midichlorian.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >