TV e Cinema
di Simone Stefanini 23 Ottobre 2017

15 film che dovete guardare se vi piace Stranger Things

La serie tv di Netflix sta per tornare, col suo carico di citazioni. Ecco 15 film che dovete assolutamente vedere prima di iniziare la nuova stagione

Manca davvero poco: Stranger Things torna su Netflix il 27 ottobre per regalarci una maratona di Halloween all’insegna di tutti i cliché che abbiamo adorato nella prima stagione: alieni, riferimenti nerd, la cittadina di provincia infestata, gli adolescenti sulla BMX, la ragazzina coi superpoteri e un sacco di musica fatta coi synth.

Siamo pronti per immergerci di nuovo nella retromania più palese, ben consapevoli del fatto che non si esce vivi dagli anni ’80, ma per farlo, dobbiamo guardare tutti i film che hanno largamente ispirato la serie dei Duffer Brothers.

Si parte:

 

1) Stand By Me (1986)

Quando i ragazzi se ne vanno in cerca del loro amico, con le bussole che puntano al falso Nord, percorrendo i binari del treno, non si può non pensare a Stand By Me, il film di Rob Reiner tratto dal racconto di Stephen King.

 

2) E.T. (1982)

La BMX è sinonimo di E.T., il capolavoro di Steven Spielberg. Quando Mike porta Eleven in sella, per scappare dagli scienziati cattivi, siamo esattamente lì.

 

3) Carrie (1976)

Pensate a Eleven con la parrucca bionda e il vestitino pulito, mentre tenta di spacciarsi per una ragazza normale. Non vi fa subito pensare al ballo di Carrie, dal film di Brian De Palma (tratto ancora da Stephen King)? Anche lì, dopo un trauma, la ragazza fa largo uso di poteri mentali, ovviamente letali.

 

4) I Goonies (1985)

L’avventura, la scoperta di mondi sotterranei (non è proprio così nella serie, ma ci siamo vicini…), le prime pulsioni sessuali da teenager, il pericolo e un’esperienza che nessuno dimenticherà mai. Dai, se non è i Goonies, cosa può essere?

 

5) Poltergeist (1982)

Una bambina dai poteri parapsicologici, un albero che cattura un bambino, forze soprannaturali in ogni dove. È il riassunto di Poltergeist o di Stranger Things?

 

6) Nightmare, dal profondo della notte (1984)

La storyline di Nancy ricorda da vicino quella di un’altra Nancy, la protagonista del mitico primo Nightmare di Wes Craven. La scena in cui è a scuola, dopo la scomparsa della sua amica Barbara è praticamente identica al film in cui la ragazza è preda di Freddy Krueger.

 

7) La cosa (1982)

Il remake di Carpenter de La cosa da un altro mondo (1951) è il chiaro riferimento per la creatura parassita e affamata di sangue che vive nel mondo sottosopra in cui è rapito il piccolo Will. Un riferimento molto più pertinente di Alien di Riddley Scott, del quale comunque si sente l’influenza.

 

8) Incontri ravvicinati del terzo tipo (1977)

Come riescono a stabilire un contatto gli alieni con i terrestri nel film simbolo di Spielberg? Con le luci e i suoni. Ora ditemi: come comunica Will con sua madre, la fumatrice Winona Ryder un tantino in apprensione? Eccoci.

 

9) Bella in rosa (1986)

Sempre sulla storyline di Nancy, il momento più teen drama della serie, ricordate quando il tipo col ciuffo, ricco di famiglia e stronzo fin dentro l’anima la fa sua con ardore ma poi non la vuole aiutare a trovare la sua amica? Non so voi, ma io ci rivedo tutto l’immaginario dei film di John Hughes tipo Pretty in Pink.

 

10) Neon Genesis Evangelion (1995)

Eleven (Undici in italiano), non è forse la copia sputata di Rei Ayanami della serie animata Evangelion? Anche lei ha un “padre” che la obbliga a estenuanti esperimenti fisico-psichici, che possono persino portarla alla morte, in nome di un “bene” maggiore.

 

11) Under The Skin (2013)

Nella serie non son omaggiati solo gli anni ’80. Quando Eleven si immerge nella vasca ed entra nel mondo sottosopra, vaga dentro un buio che riflette solo la sua ombra, proprio come Scarlett Johansson nell’art film Under the Skin di Jonathan Glazer, che se non avete ancora visto, guai a voi!

 

12) Il labirinto del fauno (2006)

Una porta dimensionale, un mondo speculare di fantasia, il pericolo, l’albero, le creature di un altro mondo. Non vi fa venire in mente, con le dovute proporzioni, il capolavoro di Guillermo del Toro? Al solo pensiero, abbiamo iniziato tutti a piangere.

 

13) IT

È nata prima la gallina o l’uovo? Possibile che la miniserie tv IT (tratto da Stephen King) del 1990 abbia influenzato Stranger Things e Stranger Things abbia influenzato la trasposizione cinematografica di IT del 2017? Più che possibile e nel club dei perdenti c’è anche Finn Wolfhard, il Mike di Stranger Things.

 

14) Ghostbusters

Nel trailer della seconda stagione vediamo i ragazzi vestiti come i protagonisti di Ghostbusters, i due film del 1984 e 1989 di Ivan Reitman che hanno segnato l’iconografia di un’epoca, a metà tra l’horror per ragazzi e la commedia che ancora oggi ti strappa molte risate. Dan Aykroyd e Bill Murray, una garanzia, un culto.

 

15) Fenomeni paranormali incontrollabili

Probabilmente, la citazione più spudorata di tutte. Film tratto (ancora) da Stephen King, la piccola Drew Barrymore figlia di un esperimento, che abbatte i nemici con i poteri ESP, grazie ai quali dà fuoco alle cose col pensiero. Praticamente, la madre putativa di Eleven.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >