TV e Cinema
di Sandro Giorello 28 Dicembre 2015

Dopo violento e razzista, ora è anche misogino. Tutte le polemiche che hanno coinvolto Tarantino

Perché è così facile prendersela con lui?

trantino-razzista-sessista www.slate.com - Kurt Russell e Jennifer Jason Leigh

 

Tarantino è nuovamente al centro delle polemiche. Il suo The Hateful Eight non è ancora uscito nelle sale – in America lo si vedrà a partire dal prossimo 8 gennaio mentre in Italia dovremo aspettare fino al 4 febbraio – ma in rete si sono già diffuse parecchie critiche che accusano il film di misoginia. A scatenare le accuse il fatto che in più scene si vede John Ruth (interpretato da Kurt Russell) abusare di Domergue (Jennifer Jason Leigh).

Il regista aveva anticipato che il suo obiettivo era appunto quello di portare lo spettatore a odiare il personaggio di Ruth: “Quando John Ruth colpisce la testa di Domergue per la prima volta, il suono del suo cranio non può che catturare il pubblico. Uno dovrebbe dire: quello è un bastardo brutale! Voglio che lo spettatore si allei con la protagonista”.

In seguito alle critiche si è espresso anche il produttore del film, Harvey Weinstein, che riferendosi a Tarantino l’ha definitoil più grande sostenitore delle donne” e ha continuato dicendo: “se davvero qualcuno sta gridando alla misoginia si riguardi Jackie Brown. Quentin scrive le parti migliori per le donne. Le sue protagoniste sono coraggiose, audaci, sono tutte donne favolose. Nessuno scrive per le donne come fa lui”.

 

 

Tarantino è sempre stato criticato per l’estrema violenza dei suoi film. La cosa gli ha creato non pochi problemi a livello distributivo. Ad esempio: In Inghilterra,  Le Iene, il suo primo lungometraggio, ha avuto solo una prima distribuzione nei cinema nel 1993 – l’anno successivo alla sua uscita in America – ed è stato bandito dal mercato delle videocassette fino al 1995. Più in generale, i critici cinematografici l’hanno spesso accusato di esaltare la violenza rendendola affascinante. Lui ha sempre risposto di essere fan di quel tipo di cinema “di genere”, dagli Spaghetti Western fino ai film sui Samurai, dove la violenza è un elemento codificato come la musica lo potrebbe essere nel musical.

La violenza nei film non può essere ‘cool’. È solo un altro colore per lavorare. Quando Fred Astaire balla, non ha un significato aggiuntivo e per la violenza è lo stesso. Non significa nulla, è un colore”.

L’atra grande critica ricorrente è quella di razzismo. Tra i suoi detrattori più accaniti c’è il regista Spike Lee che per il film del 1997 Jackie Brown l’aveva accusato di usare la parola negro in modo improprio – “Ma cos’è successo, Quentin si è innamorato di quella parola? Vuole ricevere il titolo onorario di uomo nero?  – mentre riguardo a Django Unchained Lee aveva dichiarato a Vibe magazine che trattare il tema della schiavitù in uno Spaghetti Western era gravemente irrispettoso verso i suoi antenati.

 

djangounchained netflixlife.com - Django Unchained

 

A questa, ed altre critiche, Tarantino aveva risposto: “Quando mi è stato detto che in Django trattavo i neri come selvaggi non me ne è importato più di tanto. Se alla gente non piacciono i miei film, vuol dire che non amano i miei film, se non ci arrivano non importa. È stata una cosa di cattivo gusto, da tempo ormai non si è indicato il colore della pelle di uno scrittore tante volte quanto è stato fatto nel mio caso. Il colore della pelle non dovrebbe influenzare il significato delle sue parole. Tutte le cose più brutte fatte dai miei personaggi andavano lette in un’accezione negativa. Se davvero credessi che fossero giuste vorrebbe dire che sarei un super-cattivo”.

 

Jackie-Brown standardissuemagazine.com - Jackie Brown

 

Perché è così facile prendersela con Tarantino? Probabilmente per la ragione più ovvia: ha successo. Significa che qualsiasi polemica diretta a lui ha sicuramente maggiori possibilità di fare breccia e permette a chi lo critica di avere una visibilità di riflesso. E poi perché i suoi sono film di successo: vuol dire che molte più persone si accorgono di quello che in realtà nel cinema è presente da sempre. Tarantino non si è inventato niente, i suoi film non sono meno violenti di quelli di Sergio Leone, dei film pulp di Kitano o dei film d’azione di John Woo. Ha amato e promosso il cinema di genere. Se non vi piace basta scegliere pellicole più adatte ai vostri gusti (e al vostro stomaco).

 

FONTE |  independent.co.uk

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >