I trailer delle seconde stagioni di Stranger Things e Westworld sono perfetti

Due serie tv attesissime e molto diverse tra loro, due trailer che ci fanno venir voglia di fare delle lunghe maratone sul divano

 

In questi giorni al Comic Con di San Diego sono usciti molti trailer e altrettante anticipazioni sull’intrattenimento televisivo e cinematografico prossimo venturo, dalla fine del 2017 a tutto il 2018. Due dei filmati più attesi sono stati i trailer di Stranger Things 2 e Westworld 2.

Il due è il numero ricorrente e il minimo comune denominatore tra le serie, molto diverse tra loro. Entrambe sono arrivate alla seconda stagione, entrambe hanno fatto furore nei loro due canali di produzione, Netflix e HBO, entrambe mostrano due realtà ben distinte agli spettatori.

In Stranger Things c’è il mondo normale (degli anni 80) e il Sotto Sopra, un luogo alieno da cui escono fuori sinistrissime creature da un altro mondo.

In Westworld, la realtà delle persone “normali” è stata funestata dalla rivolta degli androidi nel parco divertimenti più perverso della storia.

In entrambe le serie tv ci sono due ragazze che sono le eroine indiscusse, in un mondo fatto soprattuto di uomini: Eleven e Dolores. Forti, tormentate e abusate dagli altri uomini, fino a diventare due Lady Vendetta coi controfiocchi.

Ora basta giocare alle analogie, perché di due serie diversissime si tratta. Guardiamo i trailer e vediamo cosa aspettarci dalle due.

 

Stranger Things 2

Dragon’s Lair, Ghostbusters, Thriller. Tutti gli anni 80 in tre riferimenti, tutti nel trailer. Will è uscito dal Sotto Sopra, ma sembra cambiato per sempre. Ha delle visioni di quel luogo maledetto e gli vengono fatte delle analisi per capire quale sia il suo disagio, intanto vede i mostri, Ma non mostri regolari come il Demogorgone della prima stagione, no no. Qui si tratta di mostri giganti, pronti a distruggere la Terra, a quanto pare. Mentre sua madre piange, ma quello ormai è un must visto che Winona Ryder non ha una singola scena di gioia in tutto il narrato, i suoi amici vanno a una festa di Halloween vestiti come i Ghostbusters e  chissà che non riescano a succhiare l’anima di qualche mostro con le loro bardature. Se poi le cose si dovessero mettere male, si può sempre chiamare Eleven, che spunta da un’intercapedine nel muro che collega le due dimensioni. Hype a mille, voglia di arrivare a Halloween (quando Netflix butterà fuori tutte le puntate in una botta sola) e di fare la maratona sul divano. Perché se da una parte sappiamo bene che è citazionista, per niente originale etc. etc., dall’altra ci piace tantissimo e finché i Duffer Brothers vorranno deliziarci con la loro retromania, saremo sempre felici come bambini.

 

Westworld 2

https://www.youtube.com/watch?v=phFM3V_dors

Dopo tutto quello che ha subito Dolores (Evan Rachel Wood) nella prima stagione, vederla a cavallo mentre spara fucilate ai clienti di Westworld è una sensazione di pura, sinistra letizia. Cosa dire poi del mezzo sorriso di Ed Harris, l’uomo in nero, ancora coperto di sangue, mentre assiste alla rivoluzione degli androidi? Da solo vale la visione di questa seconda stagione. Ciò che accadrà, non è dato sapere e cresce già la febbre per arrivare fino in fondo e giocarci le teorie più strampalate nei vari gruppi di discussione. Qui la storia scritta da Nolan e Joy è la cosa più importante, e che sia una storia da farci impazzire dallo stupore, come per la prima stagione.  Al parco ormai è successo l’inevitabile, Ford, il capo del parco, è morto (o forse no?) e gli androidi ribelli sono in giro tra le stanze dei bottoni e le vaste praterie, per vendicarsi di tutte le volte che sono stati maltrattati e uccisi dagli umani. La caccia per l’uomo in nero ha solo inizio e chissà se stavolta ci saranno linee temporali diverse o se sarà la più classica delle guerre. Riusciremo a vedere il mondo esterno? Sarà ambientato in altri parchi tematici? Gli androidi uccideranno tutti gli esseri umani? Tornerà Anthony Hopkins? Dobbiamo attendere il 2018 e già non stiamo più nella pelle, dannazione!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >