Avere vent'anni

Abbiamo fatto vedere Trainspotting a chi ha vent’anni oggi

Com’è far vedere il capolavoro di Danny Boyle a chi nasceva quando il film era nelle sale? Così

trainspotting ventanni dopo  Eh eh

 

Tutti hanno visto Trainspotting tranne me, almeno fino a poco fa. In verità era solo una delle tantissime cose-fighe-fondamentali di cui non ho mai fruito, forse nemmeno la più grave.

Dato quindi lo scenario della mia aberrante pigrizia intellettuale, occorre informare il lettore che poche cose riescono a muovere il sottoscritto verso il consumo consapevole di beni culturali, per Trainspotting si è trattato di un diktat editoriale e del fatto curioso che ohibò esiste da vent’anni, proprio come me, che sono nato a fine 1996.

Ebbene, dicevamo, finalmente l’ho visto Trainspotting. Era una sera sotto Natale con tutta la famiglia in vacanza eccezion fatta per me. Vedendolo così, tutto solo, la prima cosa che ho notato è stata una: tutti i personaggi sono tossici o comunque scoppiati, diversi, marginali, per definizione gente che fa a cazzotti con tutto ciò che è società organizzata – il famoso monologo iniziale – eppure nessuno di loro è veramente solo.

 

trainspotting ventanni dopo  Superamici

 

È un mondo caricaturale e si vede, ma nemmeno nel momento peggiore di ognuno il dato predominante è la solitudine, che in realtà è la prima cosa che mi aspetto da chi vive in situazioni di morte-in-vita, come la tossicodipendenza estrema. Al contrario il film appassiona proprio perché c’è una squadra: è la presenza degli altri-da-Mark a fare la differenza, a permetterci di ridere anche delle scene più violente e guardare in quel modo geniale (partecipazione e al contempo distacco) cose “brutte” come l’eroina, la morte di un bambino, la merda del mondo.

Sembra che quando sono nato la gente – almeno la gente “contro” – avesse una percezione leggermente diversa di cosa volesse dire compagnia. Non c’è quasi niente di carino nel modo di stare insieme dei protagonisti di Trainspotting (né nel libro pubblicato tre anni prima da Irvine Welsh) eppure sono radicalmente amici, sono radicalmente insieme: la storia del film è la storia del loro volersi stranamente bene, con tutte le contraddizioni che implica questa cosa, e senza contraddizioni non ci sarebbe nulla da raccontare.

 

trainspotting ventanni dopo  Belle facce

 

Non so se abbia molto senso, ma, in una bella casa, in salute psicofisica, dotato di tutte le comodità che Trainspotting ha elevato a simboli da abbattere o quantomeno da rifiutare, ciò che più invidiavo a quei personaggi non era tanto la loro radicalità nell’aver scelto “altro”, o la loro brillantezza anarchica. Ma proprio la loro compagnia, il loro modo di stare insieme nello schifo di sé e del mondo.

Ovviamente stiamo parlando di un film, non so quanto sia simile la situazione reale degli eroinomani degli anni ’90, ma proprio il successo del film ci testimonia che quella modalità “assieme” di vivere le cose era in un certo senso vendibile persino come aspetto di cultura di massa vent’anni fa.

Sempre che la mia impressione sia un effettivo dato – è quantificabile la solitudine di una civiltà? – si deve inevitabilmente notare che poco dopo la mia nascita e l’uscita di Trainspotting è cresciuto esponenzialmente il ruolo assunto da internet nella costruzione dell’individualità, e, di conseguenza, l’impostazione del sé come perenne vetrina e la digitalizzazione dell’empatia nei rapporti. Non solo non viviamo senza maxitelevisore del cazzo, ma siamo entrati dentro allo schermo fin sopra i capelli, noi e il nostro modo di vedere le cose.

 

trainspotting ventanni dopo  Avere vent’anni

 

E lì dentro si è ovunque ma spaventosamente soli. Tutto qui? Forse ci tocca arrivare in fondo al fondo del brutto per tornare veri, forse ci tocca capire che cosa permette ai personaggi di Trainspotting di condividere la vita in quel modo: l’eroina? Fare casino? Qualsiasi cosa che dia senso all’esistenza, immagino. Probabilmente è condividere l’orizzonte delle cose che genera quel modo di stare insieme, avere a cuore lo stesso senso ultimo di qualcun altro, per quanto questo possa essere basso e volgare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >