Abbiamo fatto vedere Trainspotting a chi ha vent’anni oggi

Com’è far vedere il capolavoro di Danny Boyle a chi nasceva quando il film era nelle sale? Così

trainspotting ventanni dopo  Eh eh

 

Tutti hanno visto Trainspotting tranne me, almeno fino a poco fa. In verità era solo una delle tantissime cose-fighe-fondamentali di cui non ho mai fruito, forse nemmeno la più grave.

Dato quindi lo scenario della mia aberrante pigrizia intellettuale, occorre informare il lettore che poche cose riescono a muovere il sottoscritto verso il consumo consapevole di beni culturali, per Trainspotting si è trattato di un diktat editoriale e del fatto curioso che ohibò esiste da vent’anni, proprio come me, che sono nato a fine 1996.

Ebbene, dicevamo, finalmente l’ho visto Trainspotting. Era una sera sotto Natale con tutta la famiglia in vacanza eccezion fatta per me. Vedendolo così, tutto solo, la prima cosa che ho notato è stata una: tutti i personaggi sono tossici o comunque scoppiati, diversi, marginali, per definizione gente che fa a cazzotti con tutto ciò che è società organizzata – il famoso monologo iniziale – eppure nessuno di loro è veramente solo.

 

trainspotting ventanni dopo  Superamici

 

È un mondo caricaturale e si vede, ma nemmeno nel momento peggiore di ognuno il dato predominante è la solitudine, che in realtà è la prima cosa che mi aspetto da chi vive in situazioni di morte-in-vita, come la tossicodipendenza estrema. Al contrario il film appassiona proprio perché c’è una squadra: è la presenza degli altri-da-Mark a fare la differenza, a permetterci di ridere anche delle scene più violente e guardare in quel modo geniale (partecipazione e al contempo distacco) cose “brutte” come l’eroina, la morte di un bambino, la merda del mondo.

Sembra che quando sono nato la gente – almeno la gente “contro” – avesse una percezione leggermente diversa di cosa volesse dire compagnia. Non c’è quasi niente di carino nel modo di stare insieme dei protagonisti di Trainspotting (né nel libro pubblicato tre anni prima da Irvine Welsh) eppure sono radicalmente amici, sono radicalmente insieme: la storia del film è la storia del loro volersi stranamente bene, con tutte le contraddizioni che implica questa cosa, e senza contraddizioni non ci sarebbe nulla da raccontare.

 

trainspotting ventanni dopo  Belle facce

 

Non so se abbia molto senso, ma, in una bella casa, in salute psicofisica, dotato di tutte le comodità che Trainspotting ha elevato a simboli da abbattere o quantomeno da rifiutare, ciò che più invidiavo a quei personaggi non era tanto la loro radicalità nell’aver scelto “altro”, o la loro brillantezza anarchica. Ma proprio la loro compagnia, il loro modo di stare insieme nello schifo di sé e del mondo.

Ovviamente stiamo parlando di un film, non so quanto sia simile la situazione reale degli eroinomani degli anni ’90, ma proprio il successo del film ci testimonia che quella modalità “assieme” di vivere le cose era in un certo senso vendibile persino come aspetto di cultura di massa vent’anni fa.

Sempre che la mia impressione sia un effettivo dato – è quantificabile la solitudine di una civiltà? – si deve inevitabilmente notare che poco dopo la mia nascita e l’uscita di Trainspotting è cresciuto esponenzialmente il ruolo assunto da internet nella costruzione dell’individualità, e, di conseguenza, l’impostazione del sé come perenne vetrina e la digitalizzazione dell’empatia nei rapporti. Non solo non viviamo senza maxitelevisore del cazzo, ma siamo entrati dentro allo schermo fin sopra i capelli, noi e il nostro modo di vedere le cose.

 

trainspotting ventanni dopo  Avere vent’anni

 

E lì dentro si è ovunque ma spaventosamente soli. Tutto qui? Forse ci tocca arrivare in fondo al fondo del brutto per tornare veri, forse ci tocca capire che cosa permette ai personaggi di Trainspotting di condividere la vita in quel modo: l’eroina? Fare casino? Qualsiasi cosa che dia senso all’esistenza, immagino. Probabilmente è condividere l’orizzonte delle cose che genera quel modo di stare insieme, avere a cuore lo stesso senso ultimo di qualcun altro, per quanto questo possa essere basso e volgare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >