Tre Piani – Piccolo tonfo del nuovo Moretti

Pur essendo un film non riuscito Tre Piani fa intravedere una nuova via del cinema di Nanni Moretti, dove l’asciuttezza viene a introdurre tinte cupe e più oscure.

Alla fine della visione di Tre Piani le mie sensazioni oscillavano tra il fastidio e la dubbiosità. Il fastidio derivava dalla maleducazione del pubblico domenicale, che non ha fatto altro che sbeffeggiare un film problematico, ma non certo da gettare al vento. I dubbi mi portavano a richiedere subito una seconda visione dell’ultima opera di Nanni Moretti. Non avevo capito, dovevo pensare a lungo. Il cambio avvenuto era chiaro, dovuto anche dal fatto che si tratta di un adattamento del romanzo di Eshkol Nevo.

Tre Piani inizia forte, con dei botti. Un incidente, un parto, e uno pseudo fattaccio, un mistero da risolvere. Questi eventi riguardano tutti gli abitanti di una bassa palazzina del quartiere romano di Prati. Questi eventi riguardano una minuscola comunità che vive sentendo le vite degli altri. I muri del condominio sono formali, separano per modo di dire. Basta voltarsi per rendersi conto di quello che sta accadendo sopra o sotto. La palazzina di Prati vede una partecipazione reciproca delle vite, una conoscenza a tratti personale dei vicini di casa.

I fatti iniziali cominciano da subito a rimodellare l’atmosfera, rendendola cupa e sospirante, grazie all’apporto della splendida colonna sonora di Franco Piersanti – fatta di strumenti a fiato e poco altro – e a una messa in scena quasi crudele nella sua semplicità. La quotidianità del vivere va scontrandosi con l’orrore della morte, della solitudine e della sfiducia. Questi tre elementi iniziano a lavorare dentro di noi, ancora illusi di essere davanti a una storia qualunque. Per la prima mezz’ora abbondante si rimane del tutto sospesi in un’inquietudine quasi orrorifica.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Tutto ciò però dopo un’ora è svanito, annacquato, perchè la semplicità si è trasformata in semplificazione. Sono passati cinque anni – ne passeranno altri cinque prima della parte finale – e sugli abitanti del condominio regnano ancora i fantasmi del passato, mentre quelli del presente non hanno un grande mordente narrativo. Solo “la vedova” interpretata da Alba Rohrwacher vede acuirsi i suoi problemi, le visioni che ha cominciato ad avere a seguito della nascita della prima figlia. Tre Piani ha due grandi problemi. Prima di tutto lo stile narrativo iper frammentato non aiuta in nessun modo lo svolgersi della vicenda, soprattutto nei momenti meno tesi, da metà in poi. Le scene sempre più brevi, alcune situazioni non approfondite, spiegate più che mostrate. Non sappiamo nulla sui dettagli della crisi della famiglia di Vittorio Bardi (Nanni Moretti). Il figlio Andrea non fa altro che accennare a una repressione subita, ma non si schioda da questa nenia, nemmeno quando la madre Dora (Margherita Buy) lo va a trovare in campagna dove si è fatto una nuova vita. L’incidente della prima scena è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma del resto non si sa nulla, nemmeno per allusioni.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

L’altro grande problema sono gli attori. E non siamo tornati al discorso su Margherita Buy che sussurra o su Scamarcio che fa solo il belloccio. Le facce erano giuste, le voci pure,  e ovviamente non sarebbe stato logico aspettarsi da un film di Nanni delle interpretazioni da actor studio. Ma tra l’asciuttezza e l’impalamento c’è differenza. Quello che mancava a tutti era il rispetto del principio di azione e reazione. In un film che più che mai parla di esseri umani in crisi è quasi inaccettabile vedere dei pali che non fanno nulla davanti alla macchina da presa. I momenti precedenti la brutta scena di sesso tra Scamarcio e Denise Tantucci, lo svenimento di Margherita Buy in strada durante l’inspiegabile attacco al centro migranti, il lieve colpo di tosse di Paolo Graziosi a seguito del tentato strangolamento, durante il suo ricovero in ospedale. Queste sono tre delle – ahimé – troppe scene non credibili, intrise quasi di dilettantismo, che affossano un film che è comunque difficile disprezzare, ma che avrebbe senz’altro avuto bisogno di un’ora in più, per sviluppare tutti i piani temporali in cui si snoda, e per dar tempo agli interpreti – molto numerosi – di imprimersi meglio nelle immagini.

Alba Rohrwacher in un frame del film tratto dall’autore  Alba Rohrwacher in un frame del film tratto dall’autore

L’operazione di Nanni Moretti era rischiosa e molto complessa: fare per la prima volta un adattamento e, soprattutto, adattare un romanzo costituito da tre piani raccontati singolarmente. Il suo lavoro con Federica Pontremoli e Valia Santella è stato intrecciare le storie, facendole scorrere insieme. Non è stata intaccata la credibilità delle vicende, ma il peso dato ai dettagli. Basta aprire la terza parte del romanzo di Nevo per capire come mai la vicenda del giudice nella pellicola diventa interessante solo alla fine: tutta la storia è narrata da Dora alla segreteria telefonica. E guarda caso solo in quei momenti il piano superiore si accordava alle tinte cupe degli altri due. Abbandonate le ciance inutili di padre e figlio, spetta alla madre raccontare tutto, allo spirito telefonico di un defunto.

Speriamo che Tre Piani sia un transito nella carriera incredibile di uno dei più grandi registi della storia del cinema. Capiremo in futuro per quale motivo perdonare a Nanni questo passo falso. O perché si trattava di una prova per una nuova – interessantissima – fase della sua carriera; oppure perché era semplicemente un esperimento, un tentativo di provare una formula espressiva mai messa in atto. Quello che è certo è che un cineasta della sua portata ha deciso di sottrarsi dal proprio cinema. Dopo aver ucciso Apicella ha ucciso la parte di sé che continuava a brontolare sullo schermo. L’ha fatta picchiare e poi morire. Per un artista come Nanni Moretti non può essere un caso. Aspettiamo di capire, ma nel frattempo torniamo a vedere questo film dal fascino sconfinando, mangiandoci le mani per quanto bello sarebbe potuto essere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >