TV e Cinema
di Stefano Disastro 5 Dicembre 2018

‘L’uomo che rubò Banksy’ non è solo un film, ma una bomba di interrogativi culturali che vi farà riflettere

‘L’uomo che rubò Banksy’ di Marco Proserpio è il film che non potete perdervi se siete appassionati di Arte, ovvero se siete delle persone a cui piace ragionare tout court sul Mondo in cui viviamo e sulle sue dinamiche economiche & culturali.

Prodotto dallo stesso Proserpio e Rai Cinema, nelle sale italiane con distribuzione Nexo Digital solo l’11 e il 12 dicembre (elenco delle sale qui) con l’ipnotica voce narrante di Iggy Pop, il film è un lungo e ricchissimo racconto sulla speculazione nel mercato dell’arte della street art, il confronto tra culture diverse in epoca (post?) coloniale, il diritto d’autore, il copyright e la conservazione delle opere, il senso stesso della street art, la Questione Palestinese, l’identità di un popolo attraverso la sua rappresentazione, la ribellione, la sopravvivenza e la legalità. Scritto con Filippo Perfido e Christian Omodeo, tutto parte dalla figura sfuggente misteriosa e soprattutto controversa di Banksy, che nel 2007 dipinge alcune opere a Betlemme sui muri nei territori occupati, scatenando reazioni opposte tra gli abitanti e gli artisti locali e i turisti/spettatori occidentali, nello specifico tutto ruota attorno a un murale dipinto sulla facciata di una casa privata  in cui Banksy ha dipinto un poliziotto israeliano che chiede i documenti a un asino. Apriti cielo.

Le posizioni -strano- si estremizzano subito tra il “Ma chi è questo Banksy che viene qui a insultarci e a dipingerci come asini? Cosa vuole?” e il “grazie a Banksy adesso gli occidentali sapranno della nostra condizione e blabla” e il “è tutto fatto per soldi” a il “ah si? e allora sai cosa faccio io adesso mi taglio quel pezzo di muro e me lo rivendo al miglior offerente per ripagare gli arredi nuovi della chiesa che frequento”. E il bello è che è tutto vero e tutti hanno ragione. L’abilità di Proserpio è proprio questo equilibrio e apertura verso la storia e l’umanità nel saper gestire le situazioni e dare uguale voce e importanza a tutti i protagonisti coinvolti e a non farsele bastare mai, già,  perchè Proserpio e il suo team riescono a coinvolgere parecchie voci differenti, dalle persone comuni a collezionisti e galleristi famosi, ad artisti locali e non, a curatori e critici d’arte.

Su tutti i personaggi svetta, anche fisicamente, Walid La Bestia, un tassista palestrato locale che fa da corpulento e quasi-saggio Caronte. Altra dote del film è trovare collegamenti tra eventi e luoghi distanti nel tempo, parlando di street art e di “appropriazione indebita o meno” di un’opera si parla di Blu e dei famosi “strappi” della famigerata&controversa mostra di Bologna, poi si finisce a Los Angeles, Vienna e a Londra per intervistare collezionisti, legali e critici coinvolti in prima persona su queste tematiche.

Da un punto di vista strettamente tecnico ‘L’uomo che rubò Banksy’ è davvero un’opera pregevole e perfettamente contemporanea nel mischiare formati e tecniche (dall’hd a telefonini a mini dv e foto e grafiche), oltre che mixare in un riuscito equilibrio musiche occidentali ed orientali (nota di merito alle musiche originali di Federico Dragogna, Victor Kwality, Matteo Pansana). Che altro dire? Se non che ‘L’uomo che rubò Banksy’ è un film che pone moltissime domande senza dare nessuna risposta se non la pura e semplice realtà, lasciando a ogni singolo spettatore il compito di decifrare e riconoscere la propria scala di valori e il proprio personale pensiero sulle questioni trattate.
Niente da aggiungere. Un film dal respiro realmente internazionale. Consigliatissimo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >