TV e Cinema
di Stefano Disastro 5 Dicembre 2018

‘L’uomo che rubò Banksy’ non è solo un film, ma una bomba di interrogativi culturali che vi farà riflettere

‘L’uomo che rubò Banksy’ di Marco Proserpio è il film che non potete perdervi se siete appassionati di Arte, ovvero se siete delle persone a cui piace ragionare tout court sul Mondo in cui viviamo e sulle sue dinamiche economiche & culturali.

Prodotto dallo stesso Proserpio e Rai Cinema, nelle sale italiane con distribuzione Nexo Digital solo l’11 e il 12 dicembre (elenco delle sale qui) con l’ipnotica voce narrante di Iggy Pop, il film è un lungo e ricchissimo racconto sulla speculazione nel mercato dell’arte della street art, il confronto tra culture diverse in epoca (post?) coloniale, il diritto d’autore, il copyright e la conservazione delle opere, il senso stesso della street art, la Questione Palestinese, l’identità di un popolo attraverso la sua rappresentazione, la ribellione, la sopravvivenza e la legalità. Scritto con Filippo Perfido e Christian Omodeo, tutto parte dalla figura sfuggente misteriosa e soprattutto controversa di Banksy, che nel 2007 dipinge alcune opere a Betlemme sui muri nei territori occupati, scatenando reazioni opposte tra gli abitanti e gli artisti locali e i turisti/spettatori occidentali, nello specifico tutto ruota attorno a un murale dipinto sulla facciata di una casa privata  in cui Banksy ha dipinto un poliziotto israeliano che chiede i documenti a un asino. Apriti cielo.

Le posizioni -strano- si estremizzano subito tra il “Ma chi è questo Banksy che viene qui a insultarci e a dipingerci come asini? Cosa vuole?” e il “grazie a Banksy adesso gli occidentali sapranno della nostra condizione e blabla” e il “è tutto fatto per soldi” a il “ah si? e allora sai cosa faccio io adesso mi taglio quel pezzo di muro e me lo rivendo al miglior offerente per ripagare gli arredi nuovi della chiesa che frequento”. E il bello è che è tutto vero e tutti hanno ragione. L’abilità di Proserpio è proprio questo equilibrio e apertura verso la storia e l’umanità nel saper gestire le situazioni e dare uguale voce e importanza a tutti i protagonisti coinvolti e a non farsele bastare mai, già,  perchè Proserpio e il suo team riescono a coinvolgere parecchie voci differenti, dalle persone comuni a collezionisti e galleristi famosi, ad artisti locali e non, a curatori e critici d’arte.

Su tutti i personaggi svetta, anche fisicamente, Walid La Bestia, un tassista palestrato locale che fa da corpulento e quasi-saggio Caronte. Altra dote del film è trovare collegamenti tra eventi e luoghi distanti nel tempo, parlando di street art e di “appropriazione indebita o meno” di un’opera si parla di Blu e dei famosi “strappi” della famigerata&controversa mostra di Bologna, poi si finisce a Los Angeles, Vienna e a Londra per intervistare collezionisti, legali e critici coinvolti in prima persona su queste tematiche.

Da un punto di vista strettamente tecnico ‘L’uomo che rubò Banksy’ è davvero un’opera pregevole e perfettamente contemporanea nel mischiare formati e tecniche (dall’hd a telefonini a mini dv e foto e grafiche), oltre che mixare in un riuscito equilibrio musiche occidentali ed orientali (nota di merito alle musiche originali di Federico Dragogna, Victor Kwality, Matteo Pansana). Che altro dire? Se non che ‘L’uomo che rubò Banksy’ è un film che pone moltissime domande senza dare nessuna risposta se non la pura e semplice realtà, lasciando a ogni singolo spettatore il compito di decifrare e riconoscere la propria scala di valori e il proprio personale pensiero sulle questioni trattate.
Niente da aggiungere. Un film dal respiro realmente internazionale. Consigliatissimo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >