Gli americani devono smetterla di fare adattamenti di film, anime e serie tv stranieri

Di fronte agli adattamenti dell’anime giapponese Cowboy Bebop e della serie tv inglese Misfits, tremiamo al pensiero

 serialminds

 

Ogni volta che sento parlare di studios americani che comprano i diritti per fare film in live action di anime giapponesi, oppure remake di film e serie tv straniere, mi cadono le braccia. Ok, non ci sono più i Billy Wilder degli anni d’oro e anche tanti registi bravi bravissimi che sono nati negli ultimi 30 anni, prima o poi hanno fatto una fine ingloriosa, tipo Tim Burton che sta facendo il cosplayer di Dario Argento in quanto a seconda parte della carriera buttata nel cesso.

 

Cowboy Bebop  Cowboy Bebop

 

È di questi giorni la notizia i Tomorrow Studios americani pare abbiano comprato i diritti per fare un film con attori veri della serie d’animazione giapponese Cowboy Bebop, i cacciatori di taglie del futuro, e già tremo al pensiero. Adattare un anime è un’impresa e i film con gli attori presi dai cartoni sono sempre un po’ meh, basti pensare al terribile Dragonball Evolution. Si tende sempre a normalizzare tutte le bizzarrie di cui gli autori giapponesi sono capaci, inserendole in una trama che possa attrarre quanto più pubblico possibile, sorbendo l’effetto contrario.

 

Dragonball Evolution  Dragonball Evolution

 

Vogliamo parlare di Ghost in the Shell? Io sono della generazione che con quell’anime, Akira, Baoh e tutti gli altri film d’animazione cyberpunk fine ’80 inizio ’90, ci si è fatto una cultura. L’adattamento di Rupert Sanders con Scarlett Johansson di quest’anno è quasi offensivo rispetto alle tematiche del manga e del film originali. Per giustificare il cyborg, mille spiegoni non richiesti e una trama del tutto ribaltata. Flop al botteghino e polemiche su larga scala per aver voluto utilizzare un’attrice americana invece di una asiatica.

 

Ghost in the Shell 2017  Ghost in the Shell 2017

 

Altro adattamento fallimentare, questa volta di casa nostra: Dylan Dog, il film americano con l’attore che ha fatto il primo tremendo remake di Superman. Uno dei personaggi immaginari più famosi in Italia, totalmente snaturato per tentare di andare incontro ai giusti USA, che lo fa entrare subito nella classifica degli horror più brutti mai girati, e in quella top ten ci mettiamo anche Il Bosco 2, che almeno faceva ridere.

 

Dylan Dog: Dead of Night  Dylan Dog: Dead of Night

 

Se il tema degli adattamenti da prodotti (fumetti, manga, anime) stranieri sia del tutto criticabile, non se la cavano meglio i remake da film stranieri. Ricordate Spike Lee? C’era un momento in cui sembrava essere la nuova cosa totale del cinema americano: Fa’ la cosa giusta e Mo’ Better Blues, che film… poi cosa gli è preso per girare il remake del meraviglioso Oldboy di Park Chan-wook solo per mettere un cast americano anziché coreano e peggiorarlo?

Uno dei drammi della cinematografia americana è proprio l’acquisizione dei diritti di opere culturalmente diverse dal way of life statunitense, per farle aderire al pensiero unico, ripulirle dall’esotismo, cambiare l’etnia degli attori perché il pubblico ci si riconosca di più nel film e rivenderlo come prodotto proprio, ed è anche il problema dell’Oldboy di Spike Lee. L’originale era un film di 10 anni prima, diventato di culto in tutto il mondo (quindi anche in USA) per la sua trama, la violenza e un plot twist tra i più scorretti di sempre. Farlo simile ma più debole, con attori caucasici (protagonista Josh Brolin al posto di Choi Min-sik), ne ha rivelato l’inutilità. Un po’ come se Emma Marrone ci ricantasse in italiano tutti i pezzi di Beyoncé, perché siamo troppo legati alla nostra cultura per ascoltare l’originale. Incubo.

 

Oldboy, di Spike Lee  Oldboy, di Spike Lee

 

Se il territorio dei remake, neanche le serie tv sono lasciate in pace.  Les Revenants, francese di Fabrice Gobert del 2012, una serie sui morti che tornano in vita molto diversa e ben più inquietante degli zombie che siamo soliti vedere in tv, con la splendida colonna sonora dei Mogwai e un sacco di silenzi tutti europei, è diventata nel 2015 The Returned, versione americana annacquata, con gli attori tutti bellocci e tanta meno ansia.

 

The Returned  The Returned

 

Ci sono remake insensati, come quello di Skins, la serie tv inglese di culto che svela le ansie e i disagi dei teenager alle prese con droga, alcol, sesso, anoressia, violenza. Un plot già internazionale di suo, e in ogni caso in lingua inglese, quindi del tutto comprensibile dal pubblico USA, che però ha dovuto subire la propria versione con gli attori americani e in questo caso il remake è talmente simile a quello UK (privo però dell’attitudine punk inglese), che non si capisce perché abbiamo voluto farlo.

 

Skins versione americana  Skins versione americana

 

Adesso tocca anche a quell’altro capolavoro inglese che è Misfits, che per 5 stagioni dal 2009 al 2013 ci ha fatto ridere e tenere la bocca talmente aperta da avere problemi mandibolari, per la sua trama intricatissima che vede un gruppo di mezzi delinquenti ai lavori socialmente utili trasformarsi in supereroi dai poteri davvero bislacchi e sorprendenti.

Anche questo diventerà una produzione americana remake, di sicuro con meno parolacce e scorrettezze, visto che gli inglesi non facevano altro che fare battute crudissime e accoppiarsi o uccidere, mentre  pare la versione americana punti più sul teen drama per adolescenti, l’ennesimo.

 

Simon di Misfits ci rimane male  Simon di Misfits ci rimane male

 

Pochi esempi e tutti di parte, lo so. Ci sono anche alcuni film o serie che hanno addirittura giovato dal trattamento americano, una su tutte Shameless (remake di una serie inglese), ma sono in assoluta minoranza rispetto alla media.

 

I protagonisti di Shameless non sono d’accordo  I protagonisti di Shameless non sono d’accordo

 

30 anni fa volevamo tutti essere americani e tentavamo di scimmiottare malamente il loro cinema tutto sparatorie, corse in auto, botte e donne seminude. Poi quel bacino di idee si dev’essere prosciugato improvvisamente  e niente, meno male che c’erano Marvel e Dc pronte a sfornare 500milioni di supereroi,  altrimenti chissà, avrebbero potuto fare il remake anche dei Ragazzi del muretto, della Terza C e di Professione vacanze, riuscendo a peggiorarli tutti e tre.  Un’arte mica da poco.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >