Il video matto di Raffaella Carrà del 1978, con i ballerini David Bowie e i pirati spaziali

Negli anni ’70, i balletti erano proprio un’assurdità, ma questo li batte tutti

 

Se pensate di essere abituati ai videoclip più matti del mondo, mi sa che dovreste guardare quello qui sopra. Una roba talmente kitsch priva di senso che si è accaparrata anche le attenzioni di  Dangerous Minds, il noto sito di stranezze passate, presenti e future.

 

video trash raffaella carrà dangerousminds.com - Il primo sulla destra potrebbe essere Enzo Paolo Turchi

 

Sembra infatti che gli americani siano impazziti di fronte alla fiera delle assurdità contenute in questo spezzone dal programma della Rete 1 (l’odierna Rai 1) Ma che sera del 1978, presentato da Raffaella Carrà per la regia e le coreografie di Gino Landi.

 

carra video matto6 grab via YouTube - Raffa canta nello spazio profondo

 

Quest’ultimo doveva essere un bel patito dei libri Urania e dei film di fantascienza, per inventare un balletto e dei costumi così allucinanti, da abbinare alla cover Night and Day, lo standard di Cole Porter, qui arrangiato alla moda dei ’70s e cantato dalla stessa Raffa.

 

carra video matto8 grab via YouTube - Di punto in bianco balla nell’arcobaleno

 

Raffa entra in scena dentro un’astronave di quelle da Carnevale di Viareggio, per poi cantare di fronte a cloni di pirati spaziali, completamente calvi, con un occhio vacante e la pelle perlacea.

 

carra video matto3 grab via YouTube - Uno dei tanti cloni senza nome, un filino inquietanti

 

Dopo la parte notturna, ecco arrivare il momento dei molti David Bowie in versione Ziggy Stardust, alla faccia del diritto di proprietà intellettuale di costumi, trucco e tutto il resto.

 

carra video matto1 grab via YouTube - I nostri amici Bowie

 

Cosa voglia dire questo video, nessuno lo sa. Potrebbe nascondere un sacco significati criptici, segni esoterici, segnali maledetti. Eppure a riguardarlo oggi, fa solo tanta tenerezza e l’ingenuità di certe messe in scena di ormai 40 anni fa strappa più di un sorriso.

 

carra video matto 11 grab via YouTube - Troppo avanti

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >