Viaggi
di Simone Stefanini 17 Luglio 2018

Il Cheeserolling è la competizione più stupida del mondo

Spiegare il cheeserolling è semplice: una forma di formaggio rotola da una collina e qualche svitato tenta di correrle dietro per prenderla. Di solito la manifestazione finisce al Pronto Soccorso

 

“Se qualcosa può andar male, lo farà”, recita la Legge di Murphy e sembra lo slogan perfetto per la gara più stupida del mondo, il Cheeserolling. Come si evince dal nome, una forma di formaggio rotola dalla cima al fondo della collina mentre molti contendenti devono riuscire a prenderla per vincere. Non fatevi ingannare dalla semplicità della spiegazione, nella cruda realtà, il formaggio in discesa libera arriva a viaggiare ai 110 kmh e tutti i folli che lo inseguono cadono malamente, guadagnando lividi, ossa rotte e denti spezzati quando va bene.

L’origine del gioco pare sia gallese ma alcuni dicono sia stato praticato dagli Antichi Romani, mentre i fan dei riti pagani vorrebbero per sé questo primato. Di sicuro è uno sport estremo, perché nei luoghi in cui viene praticato, ogni anno riempie il Pronto Soccorso e non capiamo neanche quale sia l’attrattiva per partecipare alla mattanza, mentre comprendiamo a pieno perché guardarla dal vivo o seguire i mille video su Youtube delle più spettacolari cadute: puro sadismo e darwinismo sociale.

 

 

Uno dei luoghi più famosi per guardare decine di persone cappottarsi mentre scendono  forte velocità dalla collina è Gloucestershire, in Inghilterra. Lì, dopo aver fatto rotolare la forma di formaggio, i partecipanti si buttano anima e cuore e si lasciano andare alla forza di gravità. Ognuno crede di avere la formula perfetta, la verità è che semplicemente, se iniziate a correre da una collina erbosa dal manto sconnesso, non riuscirete a fermarvi e a un certo momento le gambe andranno troppo lente rispetto al resto del corpo, che si frantumerà al suolo in enormi, pericolose, velocissime, inarrestabili capriole.

Se poi, mentre si cade avvinti dalla gravità si ha anche la fortuna di andare a sbattere la testa e svenire, la caduta sarà talmente leggendaria da farci fare un pieno di onore che non immaginiamo neanche. L’ultima regolina prima di lasciarvi: se riuscite ad arrivare fino in fondo senza aver preso il formaggio rotolante, una simpatica squadra di rugby locale vi placcherà per impedirvi di rotolare ulteriormente e di sicuro completerà l’opera di massacro che ha iniziato la collina. Buon divertimento!

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >